TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dan Lucas: Si tratta di una disputa sull'affitto

Dan Lucas: Si tratta di una disputa sull’affitto

L’indagine si riferisce davvero a canoni di mercato?

L’inchiesta suggerisce che il locatore può scegliere tra la negoziazione con l’associazione degli inquilini, come avviene oggi, sull’affitto di un appartamento di nuova costruzione. Oppure il proprietario può scegliere di negoziare direttamente con l’inquilino, il che in pratica significa che è il proprietario a fissare l’affitto.

Può essere considerato come un primo passo nel marketing degli affitti, ovvero il proprietario prende più affitto possibile mentre continua ad affittare i suoi appartamenti. Il proprietario può quindi aumentare l’affitto ogni anno con l’inflazione, ma se l’area diventa più attraente – la domanda di appartamenti accelera – il proprietario può aumentare l’affitto ancora di più.

Ma questo non significa che il locatore possa specificare l’affitto.

Quindi, ci sono restrizioni?

Sì, nella misura in cui l’inquilino può successivamente verificare se l’affitto è ragionevole rispetto all’affitto di appartamenti simili nella zona. Se l’inquilino non la pensa così, può andare in tribunale e chiedere una riduzione. Pertanto, i pannelli a noleggio saranno di importanza cruciale poiché il tetto dell’affitto sarà in diverse aree.

Ma perché i critici dicono che in questo caso si tratta di rendita di mercato?

Perché temono che questo sia il primo passo per fissare l’affitto secondo le condizioni di mercato e che si “estenda” anche agli appartamenti esistenti.

Da ricordare che l’unica cosa che l’inchiesta suggerisce è che l’affitto gratuito dovrebbe applicarsi a tutti gli appartamenti di nuova costruzione dopo l’entrata in vigore di una potenziale modifica della legge. Poiché circa l’1% dei nuovi affitti viene aggiunto ogni anno, ci vorranno molti anni e decenni prima che il sistema colpisca di nuovo e diventi il ​​sistema dominante nel mercato degli affitti.

READ  Machiavelli e la morte dietro Benjamin 16 giugno ore 00.45 - ndr

Ma in pratica abbiamo già un canone di mercato nei nuovi canoni.

Che ne dici: abbiamo un canone di mercato?

Sì, nel senso che gli affitti degli appartamenti di nuova costruzione sono alti quanto il mercato – chi chiede nuovi appartamenti in affitto – può farcela, senza che il padrone di casa stia con gli appartamenti vuoti.

L’affitto medio per un trilocale di 70 metri quadrati in Svezia è poco meno di 10.000 SEK al mese. In posti costosi come Stoccolma, è molto più alto: gli affitti da 15.000 a 16.000 non sono rari.

Va ricordato che l’affitto è una forma costosa di alloggio. È il proprietario che sta rischiando il suo capitale e c’è un grande livello di servizio nell’alloggio che il suo proprietario di casa deve pagarsi da solo.

Inoltre, abbiamo un cosiddetto leasing predefinito di circa 15 anni. Ciò significa che il locatore che vuole costruire una nuova casa stipula una convenzione con l’associazione degli inquilini della zona per la quale l’affitto prevede una copertura del costo e un ragionevole profitto per 15 anni.

Gli appartamenti con canone ipotetico non possono essere utilizzati come confronti nel cosiddetto sistema del valore d’uso, che è il metodo predominante per determinare i livelli di canone negli appartamenti esistenti. Un inquilino che dovrà rivolgersi al tribunale degli affitti perderà.

Ma se abbiamo una rendita di mercato nella nuova produzione, cosa c’è di nuovo nella proposta di indagine?

Che l’associazione degli inquilini della città è separata dalle trattative. E che il padrone di casa non deve tornarci se vuole aumentare l’affitto perché la zona è diventata più attraente.

READ  Rischi e opportunità se Volvo Cars diventa pubblica