Ero in allenamento. Per due mesi, le routine familiari, gli incarichi di lavoro e gli orari di ricevimento fissi nel solito posto di lavoro sono stati sostituiti dal pronto soccorso primario del pronto soccorso medico del piccolo ospedale, un’iterazione rapida e molto tangibile dell’ampia medicina interna.

I colleghi più giovani ed entusiasti supportano quello vecchio e mostrano dove trovare pm e le ultime linee guida per affrontare vari disturbi e ottenere un’introduzione all’uso degli ultrasuoni. Perché questo non è stato appreso da un corso di anatomia universitario e poi incluso come parte normale dell’esame di un paziente insieme a uno stetoscopio?

Passano le settimane, senti un po’ di calore nei tuoi vestiti. Stranamente, mi trovo meglio al pronto soccorso: far parte di un team in cui sono necessarie tutte le categorie e le capacità professionali e lavorare insieme per aiutare un paziente è soddisfacente.

Nel tempo, si cristallizza un certo modello di ricerca:

  • Pazienti con malattie acute
  • Pazienti che pensano di essere malati (“si teme la malattia e vengono trovati sani”)
  • “Di gamle” che conduce una presenza itinerante tra interventi comunali inadeguati e brevi sedute di cura in cui ricevono una flebo, discutibile Selexid o un’iniezione di Furix (o tutti insieme), e tra di loro mentre tornano a casa in ambulanza o sulla via del ritorno all’ospedale in auto pronto soccorso
  • Coloro che hanno presentato domanda ma non sono arrivati ​​all’istituto di cura appropriato o hanno ricevuto la valutazione corretta. Qui possono essere considerati “da chiamare” ma non viene detto loro quando visitare o la visita è così anticipata che non ce la faranno fino ad allora.

Diventa chiaro che manca un importante collegamento sanitario tra il centro sanitario e il pronto soccorso e che l’accessibilità è una chiara mancanza. La maggior parte dei pazienti può essere assistita consultando il proprio medico all’orario opportuno presso il centro sanitario o durante l’attività di accoglienza subacuta nelle varie cliniche specializzate dell’ospedale.

READ  Cancro al seno negli uomini: diagnosticato il padre di Charles

Dove sono i difetti? Non c’erano molti medici nel nostro paese. Siamo ancora vittime dell’NPM? Possiamo semplicemente scusarci e dire che qualcosa non va nel “sistema”? La professione medica dovrebbe avere tutte le opportunità per progettare il modo migliore per organizzare l’assistenza sanitaria. La pandemia ha mostrato come l’assistenza sanitaria può essere svolta da una prospettiva puramente medica: qualcos’altro è più pesante?

Sto rischiando alcuni suggerimenti per una migliore cura dei nostri pazienti.

  • L’assistenza primaria è il fondamento dell’assistenza sanitaria e deve ricevere opportunità per poter svolgere la sua missione. Le vaste risorse concentrate negli ultimi decenni sui principali ospedali non hanno tagliato le liste di attesa per le cure. È irragionevole che la concentrazione continui, con l’aggiunta di gestione e logistica ingombranti. Espandi le cure primarie!
  • In linea con il numero sempre crescente di posti di cura, gli ospedali devono passare a un maggior numero di attività di accoglienza e assistenza diurna e all’opportunità di visite di ritorno rapide e visite sub-acute. Ciò richiede un cambiamento di focus e modus operandi in cui l’assistenza ospedaliera è rilevante solo quando è necessaria per necessità.
  • Consulenza obbligatoria? OK, ma forse una telefonata obbligatoria al pronto soccorso/sottospecialista da un altro distretto che sta valutando un rinvio al pronto soccorso. Se il paziente può essere ricoverato alla reception entro due giorni per una valutazione, il paziente (possibilmente verde durante il triage) può evitare di trascorrere mezza giornata al pronto soccorso e da lì sarà probabilmente rimandato a casa.

Come vogliamo che funzioni la sanità? Se sei malato, come vorresti avere una valutazione rapida e precisa delle tue malattie? La ricerca e la formazione sono una necessità assoluta, ma non devono finire in opposizione o nel modo di nominare il paziente. La palla è nel campo del dottore, indipendentemente dal fatto che si tratti di una ricezione privata o di un livello pubblico. È ora di fare qualcosa al riguardo?!

READ  Sophia si è ammalata dopo l'operazione al seno: "Mi sentivo morire"