TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Analisi: i manifestanti hanno sparato ai civili con armi automatiche

Vive in un quartiere povero dove manifestanti e polizia antisommossa si scontrano ogni notte. Sostiene con tutto il cuore le proteste contro il governo conservatore del paese, che ha scosso il paese sudamericano per più di un mese. È iniziato con uno sciopero generale contro la riforma fiscale, ma presto si è trasformato in un ampio movimento di protesta che chiedeva cambiamenti di vasta portata nella società colombiana.

Sette milioni soffrono la fame

Nel 2020, altri tre milioni di colombiani diventeranno poveri, il più grande aumento della povertà misurato nella storia del paese. Nel frattempo, dati recenti mostrano che il numero di colombiani che non ricevono cibo a sufficienza è salito fino a sette milioni. La crescente disperazione nella società è il motore delle proteste. Ma recentemente, in Colombia è iniziato un dibattito sempre maggiore su come il governo sta gestendo il movimento di protesta.

Dall’inizio delle proteste, le organizzazioni per i diritti umani hanno pubblicato preoccupanti rapporti di violenza da parte delle forze di sicurezza. Il numero di morti, feriti e dispersi è costantemente aumentato. Human Rights Watch all’inizio di questa settimana ha ricevuto segnalazioni di 63 morti ed è stato in grado di confermare che 28 morti erano direttamente collegate alle proteste: 26 civili e due agenti di polizia. La questione della violenza è stata sollevata maggiormente dalle forze di sicurezza quando almeno 13 persone sono state uccise venerdì a Cali, la terza città più grande della Colombia.

I civili sparano ai manifestanti

Ma non sono solo gli alti tassi di mortalità ad essere impressionanti. Ci sono molti video che mostrano civili che indossano pistole e fucili automatici che sparano sui manifestanti. In molti casi, gli agenti di polizia stanno a guardare senza interferenze. Queste scene evocano cupi ricordi della storia della Colombia in cui la polizia e l’esercito spesso si sono alleati con gruppi paramilitari che hanno fatto il lavoro sporco – per perseguitare e uccidere figure dell’opposizione.

READ  Sven-Eric Liedmann: Ora accadono cose mortali anche nel linguaggio أيض

Quello che stiamo vedendo è una profonda crisi dell’intero sistema politico. Molti cittadini, non ultimi i più giovani, non credono in una soluzione all’interno delle istituzioni esistenti e dei partiti politici tradizionali. Ci sono molte somiglianze con lo sviluppo in Cile, che è stato scosso da massicce proteste nell’autunno del 2019. Ma la Colombia non è il Cile. Il rischio di una devastante spirale di violenza è molto maggiore in Colombia, un paese dove ci sono molte armi e dove la guerra civile è stata più la regola che l’eccezione.

Le elezioni del prossimo anno potrebbero essere sanguinose

La Colombia deve ora affrontare un bivio. Non sono passati nemmeno cinque anni da quando il governo colombiano ha firmato uno storico trattato di pace con i combattenti delle FARC che ha posto fine a uno dei conflitti armati più lunghi al mondo. Se la violenza continua a intensificarsi, c’è il rischio reale che la società colombiana venga immersa in un nuovo e prolungato ciclo di violenza, questa volta con i bassifondi delle grandi città come campi di battaglia piuttosto che aree remote della giungla.

Il governo colombiano accusa il movimento di protesta di sabotare l’economia del paese attraverso blocchi stradali e sabotaggi. E recentemente, come venerdì, il ministro della Giustizia colombiano ha affermato che nessuno è stato ucciso nelle proteste e nessun morto nelle “rivolte”. Ora sta montando la pressione internazionale sul governo per avviare un dialogo che possa allentare le tensioni. Il prossimo anno è la data per le elezioni presidenziali in Colombia, e l’opposizione di sinistra Gustavo Pietro è attualmente il favorito. Se la violenza non si ferma, rischia di trasformarsi in un sanguinoso movimento elettorale.

READ  La Lituania accusa la Bielorussia di usare i migranti come armi