TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

6 fatti su Virgil Abloh - Lo stilista che...

6 fatti su Virgil Abloh – Lo stilista che…

Quando la notizia ha raggiunto il mondo durante il primo avvento della morte di Virgil Abloh dopo una battaglia di due anni contro il cancro, l’industria della moda ha riferito di aver perso una delle più grandi visioni del nostro tempo.
Virgil Abloh è un fenomeno.
Le parole non sono mie, è l’amico e collaboratore Ben Gorhams, fondatore del marchio di moda svedese Byredo. In un’intervista su Women’s World (ho letto un estratto più avanti in questo testo), Gorham è stato in grado di riassumere la grandezza di Virgil Abloh in una frase:
Cattura qualcosa di un mistero della cultura popolare, dei tempi, dei passaggi generazionali, dell’intrattenimento e della moda. Diverse combinazioni di cose sono state messe in atto contemporaneamente: era lì al momento giusto e poteva farne uso.

Era sempre dove succedeva – o “accadeva” dove si trovava Virgil Abloh?

Durante un periodo della sua vita probabilmente trascorrerà la maggior parte delle sue giornate viaggiando nell’industria della moda, sempre nel luogo in cui è successo – o è “accaduto” dove si trovava Virgil Abloh? La sua curiosità per il presente e la capacità, come lo descrive Benn, di collegare le tendenze contemporanee con la moda, lo hanno reso famoso come fondatore di Off-White e come direttore creativo della casa di moda di lusso Louis Vuitton.

Virgil Abloh ha guidato lo sviluppo che ha trasformato il coraggio in qualcosa di più grande e completo.

Virgil Abloh lavora dietro le quinte della sfilata maschile di Louis Vuitton a Parigi nel giugno 2019.
Foto: Archivio Mezzanotti / Shutterstock / TT NEWS AGENCY

Virgil Abloh non aveva ancora 40 anni quando ha ottenuto una delle posizioni più prestigiose della moda maschile, come direttore creativo di Louis Vuitton Herr. È improbabile che a un 38enne dei circoli della moda di strada di Chicago, con radici in Ghana, sia stato offerto un lavoro di alto livello in una classica casa di moda francese solo pochi anni fa. Ma in un mondo in continua evoluzione, dove l’industria della moda ha bisogno di nuove idee e deve comunicare in un mondo sempre più digitale, la scelta era ancora più chiara. Virgil Abloh ha avuto la capacità di fondere elementi urbani moderni in un’industria della moda spesso ostentata, aprendola a un nuovo pubblico che potrebbe non essersi sentito a casa nella cultura sviluppata dall’industria della moda tradizionale. Virgil Abloh è stata una forza che ha cambiato la moda e il modo in cui ci relazioniamo con la moda. Invitare persone e stili che prima erano completamente invisibili nella moda: ora lo streetwear, nuovi suoni e storie sono i benvenuti. Virgil Abloh ha guidato l’evoluzione che ha cambiato la moda negli ultimi anni in qualcosa di più grande e inclusivo.

Virgil Abloh e la modella Bella Hadid a Parigi nel giugno di quest’anno.
Foto: Agenzia / Bestimage / TT NYHETSBYRÅN

READ  Recensione: Cacciatore - Il cacciatore (stagione 1)

5 fatti Chi era Virgil Abloh?

Virgil Abloh ha iniziato la sua carriera nella moda lavorando con l’artista Kanye West

Virgil Abloh e Kanye West alla Paris Fashion Week 2012.
Foto: / SIPA USA / TT / TT NEWS AGENCY

Virgil Abloh ha cercato l’azienda nella sua città natale di Chicago, dove l’artista Kanye West ha stampato i suoi prodotti, lasciando alcuni campioni funzionanti. Un mese dopo, ha lavorato per Kanye. Pochi anni dopo, ha ricevuto un Grammy per “Art Direction” per Jay-Z: s kanye west album Guardando il trono. Nel 2009, Kanye e Virgil hanno praticato insieme lo stile italiano di Fendi e in seguito il duo è riuscito a diventare famoso. Louise Wilson (chi si è allenato Alexander McQueen) alla Central Saint Martins Fashion School di Londra come mentore.

2. Virgil Abloh ha lanciato Off-White – tramite Instagram

Uno dei principali fattori di successo di Virgilio è la sua grande comprensione della cultura contemporanea.

Virgil incarna davvero lo zeitgeist in tutti i suoi progetti, rendendolo rilevante e interessante per le persone anche al di fuori dell’industria della moda, Ida Peterson GateleyBrowns, il responsabile degli acquisti svedese per l’influente negozio e sito Web, ha dichiarato al Times.
Ha un senso incredibile di ciò che sta accadendo e lo applica alla moda, all’arte e alla musica.

Esempi dalla collezione Autunno 2021 Off-White.
Foto: TT

Virgil Abloh ha fondato il marchio Off-White e con il primo set nel 2014, Virgil è diventato finalista al Premio LVMH (poi ha visto Jacímus e il Marchese di Almeida in un posto migliore di lui). Virgil ha affermato che Off-White potrebbe essere il primo marchio di lusso ad emergere da Instagram (Tweet incorporato), e oggi il brand conta 10,6 milioni di follower. Confronta con Celine che ha “solo” 3,8 milioni – anche il famoso marchio Saint Laurent ha 1 milione di follower in meno al momento della scrittura.

Esempi dalla collezione Louis Vuitton Autunno 2021 (Uomo).
Foto: TT

3. Le citazioni erano il suo modo di farlo

Scarpe col tacco alto con scritto “walking” sopra, borse con il testo “carve” – ​​​​le virgolette erano il suo segno distintivo e una speciale ironia che usava.
– Puoi usare la tipografia, le parole e attraverso questo cambiare completamente il modo in cui percepisci qualcosa, senza cambiare nulla nell’oggetto, ha detto in un’intervista con il tedesco 032c.
– Se prendo una maglietta da uomo e scrivo “Donna” sulla mia schiena – questa è arte.

Le citazioni erano la firma di Virgilio.
Foto: Francesco Gili / Tutti i diritti riservati – Francesco Gili

Tra i capi più riscritti che Virgil Abloh ha creato in questo modo c’è un abito da sposa Hailey Bieber in cui “TO DATH DO US PART” è ricamato nelle sue corone Off-White su un lungo velo.

READ  "Non giustifica quello che ha fatto Zlatan".

4. Virgil Abloh si è ripreso

Virgil Abloh ha richiesto copie delle sue interviste. L’idea era quella di far parte di una sorta di archivio in cui le sue idee fossero raccolte da diverse fasi della sua carriera. Ha detto al Times:
Ho pensato molto a quanto sia importante per il futuro avere l’opportunità di ascoltare i pensieri e le idee di John Galliano durante, diciamo, il terzo anno della sua carriera.
Speriamo che questo archivio si estenda ben oltre il 2021.

5. Virgil Abloh era il re della collaborazione

Con la collezione premium di Ikea, è diventato noto a più svedesi.
Foto: IKEA

All’inizio della sua carriera, Virgil Abloh ha identificato le opportunità che si trovano nella collaborazione con altri marchi, personali e aziendali. In questo modo, raggiungi rapidamente più persone e vieni presentato a un nuovo pubblico – e la collaborazione stessa spesso genera PR – chiamato nei media il “re della collaborazione”. Qui in Svezia, la sua collaborazione con Ikea ha raccolto molte attenzioni. Ma l’azienda di profumi e accessori Byredo è stata la prima a presentare la collezione di fragranze e musica in syndication Elevator music (2018). Altri partner sono Serena Williams, Evian, Moet & Chandon, Rimowa, Jimmy Choo, Saks Fifth Avenue, Takashi Murakami, Nike, Pioneer… la lista è lunga. Ma ora, purtroppo, non sarà così.

6. Virgil Abloh aveva un caro amico in Svezia

Virgil Abloh ha visitato Stoccolma diverse volte, molto prima di collaborare con IKEA (2017 è stato uno degli ospiti internazionali durante la Stockholm Fashion Week). Attraverso visite in Svezia, Virgil e Peridos hanno trovato creatori svedesi Ben Gorham l’un l’altro come amici – e come soci in affari.

Il capo di Byredo Ben Gorham e Virgil Abloh vengono fotografati a Parigi.

Leggi anche Incontra la nuova élite svedese per procura

Leggi anche Melissa Horn: “La maggior parte delle mie parole si basa su relazioni vissute”

Leggi anche Mask Fashion: Kim Kardashian ha creato una tendenza sul tappeto rosso