TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vaccino Corona: ha conseguito un diploma in vaccinazioni in Russia e Cina

Vaccino Corona: ha conseguito un diploma in vaccinazioni in Russia e Cina

La diffusione del contagio in India ha sollevato interrogativi sulla globalizzazione e l’uguaglianza. Quando una settimana fa il primo ministro indiano Narendra Modi ha lanciato un appello per un aiuto internazionale di emergenza, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso, tra le altre cose, dosi di ossigeno e vaccini.

Tuttavia, il capo è accusato di dare con una mano e di portare con l’altra. All’inizio di quest’anno, Joe Biden ha smesso di esportare materie prime e ingredienti in altri paesi che sono cruciali per la produzione di vaccini con riferimento alle normative sui brevetti.

L’India, che è stata a lungo il più grande produttore di vaccini e farmaci al mondo, non è in grado di aumentare la produzione nazionale di vaccini. Il Serum Institute indiano, il più grande produttore di vaccini al mondo a Pune nel Maharashtra, prevedeva di aumentare la produzione da 60 milioni di dosi di vaccino Astra Zeneca a 100 milioni di dosi al mese a marzo. L’obiettivo ora sta progredendo almeno fino all’estate.

Mancanza di vaccino Ha portato l’India a ritardare la campagna di vaccinazione. Di conseguenza, l’India, che sarà il fulcro del commercio internazionale di vaccini, ha in linea di principio bloccato tutte le esportazioni in relazione al fabbisogno interno. I paesi in tutto il mondo ora mancano di centinaia di milioni di dosi del vaccino. La vaccinazione è stata ora ritardata in un massimo di 92 paesi a basso e medio reddito poiché si affidano alla piattaforma di distribuzione dei vaccini dell’OMS Covax, con i vaccini dall’India che costituiscono una parte molto importante.

Secondo la professoressa Anna Mia Extrom, la riluttanza dell’Unione europea e degli Stati Uniti a impegnarsi con i paesi poveri sta facendo morire le persone inutilmente, allo stesso tempo che potrebbero emergere nuove mutazioni che rendono meno efficace il vaccino di oggi. Inoltre, la mancanza di vaccini e la continua diffusione dell’infezione possono portare alla continua chiusura delle società, con conseguenze disastrose per l’economia globale. Ciò va a discapito degli Stati Uniti e dell’Unione Europea, che si oppongono anche al commercio internazionale di vaccini cercando di fermare la vendita dei vaccini Pfizer / Biontec al di fuori dell’Unione.

READ  Il folle parcheggio ha fatto fermare Malin, 46 anni

Istituti di siero Adgare Adhar Poonawalla.

Foto: Subhash Sharma / Polaris

Il proprietario del Serum Institute Adar Poonawalla ha invitato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a riprendere a esportare tubi, filtri e materie prime per dimostrare che il mondo è unito nella lotta contro il Coronavirus.

OMC L’Organizzazione mondiale del commercio ha invitato i paesi del mondo a collaborare per ridurre i danni a lungo termine per l’economia globale. Secondo il presidente dell’organizzazione, Ngozi Okonjo-Iweala, i diritti sui brevetti e altre barriere al commercio dovrebbero essere accantonati.

All’inizio di ottobre, l’India e il Sud Africa hanno presentato all’Organizzazione mondiale del commercio proposte per un’esenzione temporanea dalle norme sui brevetti per il trasferimento di conoscenze e brevetti al fine di accelerare la produzione di vaccini nel mondo.

La proposta è sostenuta da più di 100 paesi, l’Organizzazione mondiale della sanità, Gates, il Programma congiunto delle Nazioni Unite per la lotta all’AIDS e molte organizzazioni come Medici Senza Frontiere, ma è stata fermata dall’Unione Europea, tra cui Svezia e Stati Uniti America. Il risultato è stato che una manciata di paesi impedisce la capacità del mondo intero di combattere rapidamente il Coronavirus, minando così il coordinamento globale delle vaccinazioni per tutti coloro che ne hanno bisogno, afferma Anna Mia Ekström, descrivendo la situazione attuale come il livello più basso nella cooperazione globale.

Anna Mia Extrom, Professore di epidemiologia globale delle infezioni.

Anna Mia Extrom, Professore di epidemiologia globale delle infezioni.

Foto: privato

Due settimane fa 170 vincitori di premi Nobel ed ex capi di stato e di governo, come Mikhail Gorbachev, Gordon Brown, Alexander Stubb, Sherine Ebadi, Elfredi Jellink e Malala Yousafzai, hanno scritto una lettera aperta al Presidente degli Stati Uniti. Chiedono che la tecnologia sia resa disponibile in modo che un “diritto collettivo alla sicurezza” abbia la precedenza su alcuni “monopoli commerciali” in modo che la tecnologia sia disponibile per tutti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ripetutamente invitato i paesi ricchi a condividere le dosi del vaccino.

Cina e Russia hanno scelto una strada diversa dagli Stati Uniti e fondendo la diplomazia dei vaccini con gli accordi commerciali.I paesi stanno fornendo vaccini a paesi in Africa, Asia ed Europa contro la promessa di costruire strade da soli, acquistare energia o acquistare in aziende. Secondo Anna Mia Ekström, hanno capito il vantaggio del fatto che il vaccino è la migliore moneta attualmente disponibile.

La diplomazia dei vaccini offre vantaggi geopolitici a Cina e Russia e accelera il cambiamento negli equilibri di potere. Grazie alle loro azioni a breve termine, gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno perso così tanto della reputazione e dell’influenza che molti paesi in Africa e in Asia diventeranno presto più importanti per l’economia globale.

Dice Anna Mia Extrom La cosa più importante è garantire che i vaccini siano autosufficienti nel maggior numero di paesi possibile.

Ora sembra che Joe Biden abbia ascoltato le critiche e speriamo che colga l’opportunità e affini un po ‘la reputazione degli Stati Uniti. L’Unione europea deve seguire l’esempio. Dice che il mondo conosce il doppio gioco.

Per saperne di più: Ecco perché la Svezia e l’Unione Europea sono tornate nella battaglia contro i vaccini