TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trovare il gene dietro il fegato grasso usando le forbici genetiche |

Un gene speciale è coinvolto nella formazione della comune malattia del fegato grasso. Presenta una nuova tesi all’Università di Umeå. La scoperta è stata possibile grazie alle cosiddette forbici genetiche, che hanno vinto il Premio Nobel per la Chimica, ed è aperta alla ricerca di cure future.

Ecco come funzionano le forbici genetiche

Usando le forbici genetiche CRISPR/Cas9, puoi trovare i geni e rimuovere o aggiungere parti al DNA di un organismo. Emmanuel Charpentier e Jennifer Doudna hanno ricevuto il premio Nobel per la chimica 2020 per la loro scoperta.

Fonte: Università di Umeå

Le scoperte offrono nuove interessanti opportunità per comprendere meglio il metabolismo dei grassi e anche per comprendere il ruolo di un particolare gene nello sviluppo del cancro, afferma Karl Herdenberg, studente di dottorato presso l’Università di Umeå.

influenzare i nostri geni

La conversione in grasso nelle cellule del corpo è in gran parte controllata dai geni. L’insieme dei geni coinvolti è chiamato LRIG. La sua importanza nella regolazione del grasso corporeo ha una lunga strada nell’evoluzione. Maschera davvero vecchia eleganti certi tipi, Come hanno studiato i ricercatori, LRIG è stato utilizzato per immagazzinare il grasso. La famiglia LRIG è composta dai geni LRIG1, 2 e 3.

Karl Herdenberg ha mostrato nella sua tesi che le varianti di LRIG1 sono associate ad un aumento della massa corporea ma allo stesso tempo a un minor rischio di diabete di tipo 2. Ciò dipende dalla forma delle cellule adipose, poiché le cellule adipose più piccole sono associate a una migliore salute metabolica. La variante del gene LRIG1 trasportata da circa il 30 percento della popolazione produce più cellule adipose, ma sono più piccole e più efficienti dal punto di vista metabolico.

READ  Bjorn Olsen critica l'annuncio dell'allentamento delle restrizioni

Identificazione del gene alla base del fegato grasso

Negli esperimenti con i topi, Carl Herdenberg e il gruppo di ricerca sono stati anche in grado di vedere che i topi privi del gene LRIG3 erano protetti dal fegato grasso, inoltre, senza alcun aumento di altre malattie. Dà speranza che i farmaci mirati a LRIG3 possano essere sviluppati per trattare il fegato grasso, con pochi rischi di effetti collaterali.

Il fegato grasso colpisce una persona su quattro

Il fegato grasso è una delle malattie del fegato più comuni al mondo e colpisce circa una persona su quattro. Esiste una forte associazione con il diabete e l’obesità e il fegato grasso può progredire in condizioni più gravi come la cirrosi. Oggi c’è una carenza di farmaci per il fegato grasso.

Altre scoperte

I ricercatori sono stati anche in grado di vedere che la proteina, netrina-1, neutralizza la funzione di LRIG e impedisce la conversione dei grassi in cellule. Questo può essere visto grazie all’uso delle forbici genetiche CRISPR/Cas9.

– È incredibile quanto velocemente sia passato dalla scoperta delle forbici genetiche fino a quando non siamo stati in grado di utilizzarlo nella nostra ricerca. Forse potrebbe presto portare a una cura per disturbi comuni, dice Karl Herdenberg.

La ricerca in corso chiarirà i meccanismi alla base dell’effetto di LRIG sull’accumulo di lipidi nella speranza di consentire lo sviluppo di farmaci per malattie come il diabete e il fegato grasso.

Poiché le malattie metaboliche (ad es. diabete di tipo 2 e obesità, commentano gli editori) sono così comuni e hanno gravi conseguenze per l’individuo e la società, c’è un grande bisogno di trovare nuovi trattamenti.

READ  Malattia spagnola scoperta in un museo - 100 anni dopo

ipotesi:

Funzioni molecolari e fisiologiche delle proteine ​​LRIG e netrina-1 in salute e malattia.

Chiamata:

Carl Herdenberg, PhD Student, Dipartimento di Scienze delle Radiazioni, Università di Umeå, [email protected]