TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Swaisha per aiutare i bambini di Gaza – “Una situazione terribile”

Swaisha per aiutare i bambini di Gaza – “Una situazione terribile”

A Gaza furono uccise più di 30.000 persone.

I più colpiti sono donne e bambini.

– È una situazione terribile, dice Cecilia Chatterjee Martensen, direttrice internazionale di Save the Children in Svezia.

Ora Expressen e Rädda Barnen uniscono le forze e avviano una campagna di raccolta fondi in cui i soldi verranno stanziati per il lavoro dell'organizzazione nel paese.

I bambini palestinesi ricevono cibo da una spedizione di aiuti a Gaza.

Foto: Anas Mohammed/Shutterstock

Cecilia Chatterjee Martensen, Direttore Internazionale di Save the Children Svezia.

Foto: Salvate i bambini

Dopo il 7 ottobre 2023 la situazione a Gaza è cambiata radicalmente. All’epoca, il movimento islamico Hamas, marchiato come terrorista, sferrò attacchi su larga scala contro Israele, che rispose con contrattacchi a Gaza.

Si dice che a Gaza siano morte più di 34.000 persone. La maggioranza sono donne e bambini.

Si dice che almeno 77.000 siano stati infettati.

Inizia l'assemblaggio

Save the Children è presente a Gaza e descrive la situazione come difficile. Ora Expressen e Rädda Barnen uniscono le forze per raccogliere fondi.

Abbiamo colleghi locali che sono ancora presenti a Gaza. Lavorano per potersi impegnare per i bambini, ma scappano anche da soli, dice Cecilia Chatterjee-Martensen.

Oltre a disporre di personale sul posto, Rädda Barnen collabora con partner locali, tra le altre cose, per fornire sostegno ai bambini nei campi profughi, procurandosi cibo, acqua, coperte e kit igienici.

– È una situazione terribile. È una piccola regione e i suoi bisogni sono grandi. “Non abbiamo mai visto nulla di simile prima”, afferma Cecilia Chatterjee-Martensen.

Conflitto in breve

La Striscia di Gaza si trova nell'angolo sud-orientale del Mar Mediterraneo e ha un breve confine con l'Egitto a sud. Altrimenti Gaza sarà assediata da Israele.

READ  Il Mossad israeliano ha interrogato un alto ufficiale iraniano - in Iran

Israele occupò la Striscia di Gaza nel contesto della Guerra dei Sei Giorni nel 1967.

Nel 2006, il movimento islamico Hamas ha sconfitto il movimento laico Fatah nelle elezioni parlamentari svoltesi a Gaza. Hamas voleva formare un'ampia coalizione con Fatah e altri partiti, ma quando questi partiti si rifiutarono, Hamas formò un proprio governo e stabilì una propria forza di sicurezza a Gaza.

A Gaza sono scoppiati sanguinosi scontri tra sostenitori di Hamas e Fatah. I tentativi di raggiungere un accordo fallirono e nel 2007 Hamas espulse il movimento Fatah da Gaza e prese il controllo dell'amministrazione e della polizia.

Da quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza, Israele ha imposto un assedio alla zona. Anche l’Egitto ha trattato Gaza in modo restrittivo.

Da allora i gruppi armati palestinesi e Israele hanno combattuto diverse guerre devastanti.

Il movimento Fatah governa ancora la Cisgiordania occupata da Israele.

Sabato 7 ottobre 2023, il movimento islamista Hamas, che porta una designazione terroristica, ha effettuato attacchi su larga scala contro Israele, che ha risposto con contrattacchi a Gaza.

Da allora è scoppiata una guerra su larga scala, con migliaia di vittime civili da entrambe le parti.

Le critiche nei confronti di Israele sono aumentate e, a gennaio, il Tribunale internazionale di guerra dell'Aia ha invitato Israele a garantire la protezione delle vite civili e l'ingresso di aiuti umanitari nel paese.


Fonte: TT/Landguiden/UI

Ma ci sono molte sfide che impediscono l’arrivo degli aiuti.

-Quando i bambini si riuniscono, dobbiamo assicurarci che sia sicuro per il nostro personale, ma anche per i bambini che riuniamo. È un lavoro incredibilmente duro. In questo caso, i nostri colleghi stanno facendo sforzi eroici per ottenere aiuto.

READ  La Svezia si unisce a un'alleanza globale per affrontare l'estrazione di petrolio e gas

Save the Children è presente a Gaza per aiutare, tra le altre cose, a fornire cibo, acqua e forniture igieniche.

Foto: Salvate i bambini

L'organizzazione ritiene che sia necessario un cessate il fuoco affinché tutti coloro che necessitano di assistenza possano essere raggiunti e le frontiere possano essere aperte.

Questo è l'importo per cui i tuoi soldi sono sufficienti

La somma di 480 corone svedesi è sufficiente a sfamare quattro famiglie per una settimana

La somma di 250 corone svedesi è sufficiente a fornire acqua a quattro famiglie per una settimana

100 corone svedesi sono sufficienti per curare un bambino gravemente malnutrito con crema alle noci per una settimana.

-Siamo pronti per ulteriore assistenza. Cecilia Chatterjee Martensen dice che, anche se adesso è difficile, l'aiuto è utile.

– Stiamo ancora parlando della possibilità di distribuire cesti alimentari alle famiglie in difficoltà. Lì abbiamo una malnutrizione massiccia. È importante avere semplicemente accesso all’acqua, al cibo e ai prodotti igienici che ti consentano di prenderti cura della tua igiene per ridurre il rischio di malattie. Finora siamo riusciti a raggiungere 500.000 persone con il nostro aiuto e questo fa un'enorme differenza.

Desidero aiutare

Chiamando il numero 902 00 3, stai donando denaro per conto di Designato per lavorare a Gaza. Contrassegnalo come urgente.

Puoi anche scansionare il codice QR qui sotto nell'app Swish per donare direttamente alla raccolta fondi.

Questo è un articolo di notizie. Expressen esamina, espone e fornisce le ultime notizie in modo obiettivo e fattuale. Maggiori informazioni su di noi qui.