TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una nuova cura per i malati di Parkinson dà speranza per una vita migliore

Una nuova cura per i malati di Parkinson dà speranza per una vita migliore

Lo scopo dello studio è scoprire se è possibile sostituire le cellule della dopamina perdute con cellule sane coltivate da cellule staminali. I ricercatori sperano di creare un farmaco biologico pionieristico che rallenti gli effetti del morbo di Parkinson.

Thomas Mattson è stato il primo al mondo a sperimentare con le cellule. Oggi evita la sensazione di andare in giro con un drink addosso e gode di una fluidità nei movimenti completamente diversa.

“Ho riavuto il mio corpo”

-Ho ripreso il mio corpo come il mio e sono riuscito a ridurre i farmaci. Thomas Mattson dice che la paura di cadere è finita.

Finora sono state operate cinque persone utilizzando le cellule dei ricercatori coltivate in laboratorio.

Oggi i ricercatori possono confermare che le cellule vivono nel cervello e producono dopamina.

«È molto entusiasmante, poiché le cellule soddisfano tutti i requisiti di sicurezza necessari per aumentare la dose», afferma il direttore del progetto Malin Parmar, professore di neuroscienze cellulari all’Università di Lund.

La dose è raddoppiata

Ora i successivi tre pazienti ricevono una dose doppia, contenente ciascuno 14 milioni di cellule cerebrali.

Ci sono rischi raddoppiando la dose?

– Esiste sempre il rischio teorico che si formino tumori e il rischio di produrre troppa dopamina nel cervello. “Penso che questo rischio sia molto piccolo”, afferma Jessene Paul-Vesy, direttore medico e investigatore responsabile.

Se tutto andrà bene con i primi otto pazienti, il gruppo di ricerca proseguirà studi più ampi in collaborazione con un'azienda farmaceutica. La speranza è che le cellule trapiantate siano disponibili come medicinali in tutto il mondo entro sette-dieci anni. L’interesse da parte del gruppo dei pazienti è enorme.

READ  I batteri resistenti complicano il trattamento antibiotico.

– Ci sono anche pazienti che vivono all'estero che vorrebbero trasferirsi in Svezia per partecipare a questo studio, ma il reclutamento è terminato, dice Gysine Pohl-Vese.

Qual è il suo messaggio oggi ai pazienti affetti dalla malattia di Parkinson?

– C'è assoluta speranza.

Ascolta come è cambiata la vita di Thomas Mattson con le nuove celle nel video qui sopra.