TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Servizio storico a Kiev | GP

La cattedrale di Santa Sofia era quasi piena quando sono iniziate le funzioni natalizie in ucraino. La scelta della lingua è stata un segno della rottura con la Chiesa ortodossa russa con sede a Mosca nell’ultima settimana.

Il sermone dell’arcivescovo Zhivanig conteneva numerosi riferimenti alla guerra.

– Come paese, abbiamo cercato di vivere in pace con buoni rapporti con tutti i nostri vicini. Ha detto che il nemico crudelmente e vigliaccamente ha rotto la pace, ha invaso il nostro paese, ha sparso sangue, ha diffuso la morte e ha cercato di distruggere la nostra identità ucraina.

Momento meraviglioso

Molti visitatori che non sono riusciti a trovare posto in chiesa hanno seguito la funzione tramite schermi video, nonostante il freddo estremo, fino a dieci gradi sotto zero. Tra i partecipanti c’erano soldati in uniforme.

– Questo è un grande momento. In passato questo luogo, sul suolo ucraino, era associato a Mosca. Ora sentiamo che è il nostro posto, questo è un posto ucraino. Questo fa parte dell’Ucraina, ha detto all’Associated Press Alex Ficiak, uno dei visitatori del servizio.

Il ministro della Cultura ucraino Oleksandr Tkachenko ha annunciato prima delle vacanze di Natale che l’Ucraina aveva rilevato la chiesa il giorno di Capodanno poiché il contratto di locazione con la Chiesa ortodossa russa è scaduto il giorno di Capodanno.

– Questa è la prima vittoria per l’Ucraina. Tutti qui sono felici. Il visitatore Oksana Abu Akl ha detto che questa è la prima volta in 300 anni che possiamo tenere il nostro servizio qui.

Le origini della Cattedrale di Santa Sofia, nota anche come Lavra, e del Monastero di Petherska o Monastero rupestre risalgono al 1015. Ci sono parti dell’area nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO e la sua importanza culturale per l’Ucraina è incommensurabile.

READ  Un diplomatico è sospettato di aver ucciso suo marito

Festeggia in una casa bombardata

Tuttavia, non tutti in Ucraina potevano celebrare il Natale in chiesa e la maggior parte doveva celebrarlo come meglio poteva. A Chasev Yar, un miglio a sud di Pashmut, i pochi abitanti rimasti della città si sono riuniti per festeggiamenti tranquilli in una casa parzialmente distrutta, devastata dalle bombe.

– Gesù è nato in una grotta. Siamo in una grotta. E il sacerdote Oleg Kruchinin ha detto ai presenti che aveva un significato speciale: non perdersi d’animo e non arrendersi.

Servizio di Natale a Cherson. Foto: Libkos/AP/TT