TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prospettiva: Bo Rothstein - Su cos'è la corruzione e la relazione tra felicità e corruzione

Prospettiva: Bo Rothstein – Su cos’è la corruzione e la relazione tra felicità e corruzione

Bo Rothstein è professore di scienze politiche all’Università di Göteborg ed è stato anche professore all’Università di Oxford. Ha alle spalle una lunga carriera di ricerca internazionale dove si è particolarmente interessato a temi quali le politiche del welfare, la fiducia sociale, la corruzione e la riduzione della povertà. Poe è anche co-fondatore del programma di ricerca “The Quality of Government Institute” a Göteborg e un noto autore di dibattito pubblico. IMM racconta, tra l’altro, la causa alla radice della corruzione, cosa non è la corruzione e il rapporto tra felicità e corruzione.

Quali sono e quali sono state le tue forze trainanti più forti a livello professionale?

Per condurre importanti ricerche per il cosiddetto benessere umano. Questo concetto include, tra le altre cose, per quanto tempo ci si può aspettare che le persone vivranno in salute, la mortalità infantile e se i bambini di 10 anni sono in grado di leggere. Il benessere umano riguarda anche l’accesso delle persone alle risorse di base e l’esperienza di fidarsi degli altri. Voglio semplicemente spiegare perché la qualità del benessere umano è inferiore in alcuni settori della popolazione rispetto ad altri.

Come descriveresti il ​​concetto di corruzione?

È un concetto notoriamente difficile da definire e non c’è nemmeno uniformità attorno al concetto nella comunità di ricerca. La definizione più ampiamente accettata è che si tratta di un abuso di potere per guadagno personale. Il problema con questa definizione è che ciò che costituisce abuso non è definito e quindi si finisce nel relativismo. Quello che è considerato abuso in Danimarca non può essere considerato abuso in Nigeria per fare un esempio.

Abbiamo risolto il problema concentrandoci invece su cosa sia la corruzione. Qui ci siamo posti la domanda: “Qual è la regola di base che le persone in genere vogliono mantenere tra coloro che ricoprono un servizio pubblico?”. La risposta a questa domanda è la neutralità, che è l’opposto della corruzione. Nel processo decisionale, i funzionari governativi, ad esempio, non dovrebbero prendere in considerazione il genere, l’ambiente sociale, la razza o che qualcuno ha dato loro dei soldi.

Molte persone pensano alla corruzione quando sentono la parola corruzione, ma ciò che è già stato dimostrato che le persone in tutto il mondo reagiscono fortemente ad essa sono varie forme di nepotismo, che sono in diretto conflitto con la giustizia. Il favoritismo non riguarda solo la corruzione, ma l’ingiustizia. Alcune persone potrebbero non essere in grado di trovare un lavoro nel comune perché non appartengono al partito giusto. Altri non possono ottenere il permesso di costruire perché provengono da una famiglia non idonea. Le persone vogliono ottenere ciò che vogliono e di cui hanno bisogno, ma se non lo ottengono, la maggior parte delle persone apprezza che il processo che sta dietro non si basa sull’ingiustizia.

READ  Gapwaves fornirà le antenne radar per i nuovi clienti di autoميل

Quali sono i maggiori effetti della corruzione sulla società?

Alcuni anni fa, il Segretario Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che abbiamo tutte le risorse, tutta la tecnologia, tutte le medicine per fornire alle persone del mondo una salute pubblica dignitosa. Che ciò non accada è dovuto al fatto che il 70-75 per cento della popolazione mondiale vive all’ombra di istituzioni pubbliche rotte e corrotte. In altre parole, la corruzione ha potenti effetti negativi su quasi tutte le misure che abbiamo sul benessere umano. Non è nemmeno possibile avere democrazia in un Paese finché non si risolve il problema della corruzione. Se non c’è una gestione equa delle elezioni, i partiti che hanno perso le elezioni non accetteranno il risultato elettorale.

L’impatto maggiore della corruzione è la distruzione della fiducia sociale, che è un bene fondamentale della società. Se le persone non si fidano l’una dell’altra, è spesso difficile per le parti avviare scambi vantaggiosi, economici, sociali, emotivi o professionali. Influisce anche sulla nostra volontà di agire per il bene più grande. Se non ci fidiamo dell’apparenza degli altri, ad esempio smistando i rifiuti alla fonte o minimizzando l’influenza del clima, è facile sentirsi persi perché sei l’unico a fare lo sforzo.

In altri contesti ho parlato molto del contratto sociale. Dicci cosa significa e come si collega alla corruzione?

Il contratto sociale è un’antica teoria che risale agli antichi greci. Si basa sul fatto che esiste una sorta di contratto implicito tra lo Stato ei cittadini. I cittadini pagano le tasse e seguono le leggi, e lo stato attua ciò che lo stato promette secondo le leggi che si applicano a tutti. Nei paesi in cui lo stato non mantiene ciò che ha promesso, come acqua, elettricità e protezione della polizia, la disponibilità a pagare le tasse è spesso bassa. Questo, a sua volta, contribuisce alla tendenza delle persone a utilizzare invece procedure corrotte per ottenere ciò di cui hanno bisogno. Insomma, quando lo Stato non mantiene le sue promesse, neanche i cittadini manterranno la loro quota di contratto.

Credo che solo creando contratti sociali efficaci le società possano curare la corruzione in modo stabile ea lungo termine. Naturalmente, non sto parlando del fatto che raggiungeremo società libere dalla corruzione. Probabilmente sarebbe come creare un paese senza criminalità. Ma la corruzione sistemica può essere distinta dalla corruzione come eccezioni.

Nel mio ultimo libro, Controlling Corruption, descrivo come la Svezia sia riuscita a creare un tale contratto sociale già alla fine del XIX secolo. Se torniamo all’inizio del XIX secolo, la Svezia era un paese molto corrotto. Tuttavia, dalla metà del secolo, sono arrivate un gran numero di importanti riforme, come la riforma delle scuole primarie. Le riforme hanno significato che lo stato svedese ha stabilito un contratto sociale che ha funzionato bene con i cittadini.

READ  Potrebbe arrivare fino a $ 100 al barile

Possiamo essere più felici di una società senza corruzione? Quali sono gli effetti positivi, cosa ci guadagniamo lavorando sui temi?

Sì, diventiamo più felici, viviamo più a lungo e ci fidiamo di più dei nostri simili. I sondaggi del World Values ​​​​Survey mostrano, tra le altre cose, che ci sono due fattori principali che rendono infelici noi umani. Il primo è se sentiamo di non essere sani. Il secondo è che se sperimentiamo che viviamo sotto istituzioni corrotte e discriminatorie in cui non abbiamo il controllo sulle nostre vite. Le persone che vivono in paesi corrotti spesso sentono che qualunque cosa facciano, diventano perdenti perché non hanno le giuste connessioni o abbastanza soldi per comprare influenza politica o servizi di base. Questo vale anche per il livello organizzativo. I dipendenti che considerano il sistema di regole del posto di lavoro illegale, inaccettabile e discriminatorio hanno dimostrato di essere meno felici.

La corruzione è un problema legislativo?

No, la corruzione non è un problema legislativo. La maggior parte dei paesi corrotti ha grandi leggi anticorruzione. Se guardi un paese come l’Italia, puoi vedere che la corruzione è più diffusa nelle regioni meridionali del paese. Ma il paese ha le stesse leggi che sono in vigore in tutto il paese da più di 150 anni. Naturalmente, sono necessarie leggi in questo settore, ma non è qui che la scarpa si blocca.

È un problema culturale o che cos’è?

Antropologi ed economisti spesso accusano la corruzione come un problema culturale. Sono un forte avversario di questo. In questo contesto, è importante separare due tipi di standard, etici e le cosiddette “procedure operative standard”. Gli standard morali riguardano ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Per quanto riguarda in particolare la visione della corruzione, la percezione morale delle persone in tutto il mondo non è molto diversa. D’altro canto, le procedure operative standard si riferiscono a schemi familiari, ad es. Come si comportano di solito le persone o come vanno le cose di solito in un’organizzazione, in un villaggio o in un paese. Qui, tuttavia, ci sono differenze significative.

Questi due criteri spesso sono in conflitto tra loro. Il fatto che le persone seguano “procedure operative standard” corrotte non significa necessariamente che credano che il comportamento sia corretto e appropriato. Ci sono molti buoni esempi di come le SOP negative possono essere modificate. D’altra parte, se diciamo che la corruzione è un problema culturale, forse possiamo chiudere il negozio, perché come si cambia la cultura?

Un altro grosso problema con l’affermazione che la corruzione è radicata nella cultura di un paese è che indirettamente afferma che i paesi con un alto grado di corruzione hanno una cattiva cultura. Non è lontano dal dire che le persone che vivono in paesi altamente corrotti sono cattive persone. Questo non è un buon inizio per portare il cambiamento.

READ  Avanza infastidisce Peter Malmvist: "Snapped"

Come si è evoluta nel tempo l’attenzione e la comprensione della lotta alla corruzione da parte della Svezia?

Un cambiamento radicale è avvenuto in questo settore in brevissimo tempo. Il problema della corruzione in Svezia è stato oggetto di programmi d’azione solo alla fine degli anni ’90. Prima di allora, ignoravamo il problema. Durante il ventesimo secolo c’era una teoria secondo cui “alcune corruzioni possono essere cattive, ma altre possono essere buone perché lubrifica le ruote e rende il lavoro così fluido che non c’è molto da curare”. Se torni indietro e guardi i libri di testo, diciamo, sulla scienza politica degli anni ’90, la parola corruzione non verrà menzionata. Né la corruzione è stata trattata come un problema nei nostri programmi di assistenza allo sviluppo. C’è stato anche un enorme sviluppo nel numero di volte in cui la parola corruzione compare negli articoli accademici e nei resoconti dei media.

Quali sono le tue esperienze con la consapevolezza, l’atteggiamento e la volontà delle organizzazioni pubbliche e private di lavorare con le questioni anticorruzione oggi?

È relativamente alto. Diverse aziende svedesi sono state smascherate negli ultimi anni con le dita in una lattina di marmellata quando facevano affari in paesi con corruzione sistemica. Oltre alle terribili conseguenze finanziarie, ha anche causato danni significativi al marchio dell’azienda. Pertanto, le aziende più serie oggi stanno lavorando attivamente con la lotta alla corruzione. Vogliono evitare a tutti i costi di essere coinvolti o addirittura associati a truffe di corruzione. Nell’ambito di questo lavoro, grandi aziende svedesi come Ikea e Skanska si sono spostate da alcuni mercati in cui non è possibile operare senza tangenti. Anche il settore pubblico ha recentemente iniziato a lavorare più seriamente su questi temi.

Quali pensi siano le componenti più importanti per “eliminare” la corruzione?

Non è possibile scrivere una ricetta universale per il successo in tutto il mondo. Bisogna esaminare il “paziente” prima di applicare la conoscenza generale a un problema. Pertanto, non posso contribuire a questa ricetta generale. È importante ricordare che il nostro istinto naturale come umani quando finiamo in una posizione di potere è di usarlo a beneficio di noi stessi, della nostra famiglia, del nostro clan o del nostro partito. Non farlo è qualcosa che devi praticare. Pertanto, quando si educano le persone che possiedono potere e influenza, devono essere adeguatamente stabiliti i principi fondamentali di obiettività, imparzialità e cadavere davanti alla legge.