TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Peter Pomerantsev su come i media possono far rivivere la democrazia

Peter Pomerantsev su come i media possono far rivivere la democrazia

Joe Biden cerca di far rivivere la democrazia, sia negli Stati Uniti che all’estero. Vede questo come una questione di destino per la nostra generazione, dopo un periodo in cui leader autoritari all’estero e populisti illiberali in patria hanno acquisito una crescente influenza.

Ma quando si tratta dei capisaldi della democrazia, della deliberazione aperta e del clima aperto di conversazione – ciò che lo separa dal governo mafioso e dal governo autoritario – i vecchi strumenti che avrebbero dovuto garantire un pubblico così democratico sono morti. Il pluralismo è stato così distorto in una polarizzazione così orribile che ogni speranza di un dibattito comune è diventata impossibile. La libertà di espressione è stata violata e ora viene utilizzata per diffondere disinformazione in quantità così oscene che le persone non sanno più dove trovare la verità. La metafora del “mercato delle idee”, la speranza che prima o poi prevarrà la migliore informazione, fornita da una teoria ideale della scelta razionale, sembra assurda nel diluvio di menzogne.

Tutto ciò che resta a cui aggrapparsi nel tumulto sono identità politiche aggressive, divise da cinici sostenitori, che dividono nettamente la società in opposti assoluti: “globalisti” contro “patrioti”, “persone della realtà” contro “nemici del popolo” contro di loro.

Se vogliamo davvero far rivivere la democrazia Dobbiamo inventare un nuovo modo di comunicare. Abbiamo già affrontato questa sfida. All’inizio del XX secolo, il fondatore della BBC Lord Wraith viveva in un mondo non molto diverso da quello in cui viviamo oggi. Il giornalismo scandalistico con un occhio solo e di parte fa a pezzi la società britannica mentre i tiranni sfruttano il potenziale totalitario dei nuovi mezzi di trasmissione. Reith sognava che i media avrebbero aiutato a creare un nuovo pubblico democratico, simile all’antica agorà greca:

READ  La crescita dell'Eurozona è una sorpresa positiva

Le comodità della città vanno portate in campagna; Diversità dei suoni della natura (compresi gli usignoli) per le strade della grande città. Le voci del leader del pensiero o dell’azione devono essere ascoltate davanti al fuoco; Notizie da tutto il mondo sono nelle orecchie del grande pubblico… Dichiarazioni e dibattiti di grande significato futuro saranno ascoltati da milioni di uomini e donne in tutto il mondo; I fatti sulle grandi domande… devono essere presentati in modo chiaro e distinto. Ritorna allo stato dell’antica città”.

In questa prospettiva, i media non si limitano a presentare la “verità” o le “opinioni”. In effetti, il suo scopo è creare in modo proattivo una conversazione pubblica completa, equa e gratuita.

Le democrazie di oggi – e le forze democratiche negli stati totalitari – hanno bisogno di rinnovare questa vecchia tradizione. Il nostro programma di ricerca Arena, affiliato alla London School of Economics e alla Johns Hopkins University, esplorano cosa potrebbe significare in pratica.

Ecco alcuni semplici passaggi da eseguire.

inizia a cercare Se l’agenda dei promotori agitati risuona effettivamente nel pubblico. Prendiamo l’Ungheria, ad esempio, dove la propaganda di Viktor Orbán funge da modello per altri populisti illiberali che vogliono dividere il paese in questioni di guerra culturale come l'”islamizzazione dell’Europa” e la minaccia alle tradizioni cristiane sotto forma di “straniero”, valori “liberali”. Quando abbiamo esaminato il paese, abbiamo scoperto che mentre le persone erano polarizzate su questi temi, erano allo stesso tempo meno importanti. Non controllavano il voto delle persone, ma facevano cose più realistiche come la salute e l’economia. Ripetendo l’agenda del governo, i media rischiano di rafforzare la polarizzazione che il governo vuole, evitando argomenti più difficili su cui il governo è peggio. Se vuoi davvero minare Viktor Orban in tutto il mondo, non dovresti ripetere il loro programma.

READ  Prendi 300.000 se ti trasferisci in Italia

Non si tratta di rifiutare questioni di identità. Non basta scrivere solo di “domande difficili”. Ma dobbiamo comprendere i profondi bisogni emotivi e le insicurezze che i guerrafondai sfruttano con il loro discorso culturale. In Ungheria, ad esempio, abbiamo osservato che le persone di tutto lo spettro politico si sentono molto insicure e bramano la sicurezza. Un bisogno particolarmente inaspettato, data la cultura e la storia uniche dell’Ungheria: gli ungheresi parlano la loro stessa lingua, che non è imparentata con nessuno dei paesi vicini e che temono scomparirà; Sono stati umiliati in ogni grande lotta degli ultimi cento anni; Il paese è stato più colpito dalla crisi finanziaria del 2008 e l’aiuto da Bruxelles è arrivato in ritardo. I media del servizio pubblico 2.0 devono esplorare queste paure e traumi e sollevarli nel discorso pubblico, prima che i propagandisti possano sfruttarli.

La libertà di espressione è stata violata e ora viene utilizzata per diffondere disinformazione in quantità così oscene che le persone non sanno più dove trovare la verità.

Se il primo passo è Per capire quali problemi interessano alle persone e perché, la seconda cosa è cambiare i concetti e le categorie che usiamo sempre per capire il pubblico. I populisti totalitari e illiberali dividono le persone in grandi sistemi binari, come “persone comuni” contro “cosmopoliti liberali”. Anche i cosiddetti buoni media ripetono tali dicotomie quando parlano di “liberali” e “conservatori” come dei due gruppi stabili e omogenei. I nostri sondaggi appare, tuttavia Che queste coppie opposte non si riflettono nella società. In Ucraina, ad esempio, un paese che, secondo la propaganda del Cremlino, è diviso da una guerra di commemorazione tra settori della società filoeuropei e nostalgici, abbiamo scoperto che la maggior parte delle persone ha in realtà una visione molto accurata della storia e dell’identità sovietica. Sebbene provassero nostalgia per alcune parti del sistema di welfare, non volevano indietro la mancanza di diritti umani. La maggior parte di loro voleva un futuro “europeo”. La divisione binaria che il Cremlino impone alla popolazione è semplicemente sbagliata.

READ  North Scania | "Il lettore non si lascia ingannare", ha detto.

Peter Pomerantsev è giornalista e scrittore. Il suo libro più recente in svedese è intitolato “Questa non è propaganda” (Ordfront, 2020). Lavora ad Arena, un programma di ricerca a Londra che mira a combattere la disinformazione.

Foto: filipVanRoe © Reporters

Gli altri ricercatori si assomigliano tendenze in tutto il mondo. More Than Common, un’organizzazione non governativa che cerca di creare comunità in società frammentate, Scopri ad esempio Che negli Stati Uniti ci siano almeno otto diversi gruppi di opinione politica, contrariamente ai luoghi comuni dei due clan “liberali” e “conservatori” in guerra tra loro. C’è una “maggioranza esausta” che si sente messa a tacere dai fanatici ai margini.

Public Service Media 2.0 deve valutare il suo successo in base alla misura in cui sono coinvolte persone di tutto lo spettro politico.

Un primo passo molto semplice consiste nel verificare se le persone di diverse parti della società si fidano dei loro rapporti. Al momento, la fiducia è spesso politicizzata: negli Stati Uniti, i telespettatori di Fox News si fidano di Fox e non della CNN, e viceversa. I veri media di servizio pubblico devono acquisire fiducia in tutto lo spettro, senza compromettere i loro valori o la loro integrità. Questo non significa essere gentili con i veri fascisti là fuori – al contrario, significa isolarli.

Una strategia più complessa è partire dalla qualità delle discussioni che ti ispirano. In Italia, con gli informatici dell’Università di Venezia, abbiamo verifica Qualsiasi tipo di articolo sull’immigrazione aumenta o diminuisce la tossicità nei campi dei commenti di Facebook: insomma, che faccia insultare le persone o che accusi il giornale di diffondere notizie false. Abbiamo generalmente visto che i testi di opinione attenuano la polarizzazione e la tossicità, mentre i rapporti più neutri che mettono le cose nel contesto no. Come un terapeuta che esorta il paziente a fare un passo indietro e a riflettere sullo sfondo e sul contesto più ampio dietro gli eventi difficili, i media possono aiutare a calmare l’umore e fornire una prospettiva.

Ma possiamo andare più in profondità E considera più effetti a lungo termine. Chiedi perché le persone credono nelle teorie del complotto. studiamo noi Completato recentemente In Ucraina, persone inclini a menti cospirative e aperte alla disinformazione, nello stile di una teoria della cospirazione, hanno mostrato che il finanziere George Soros governa segretamente l’Ucraina, condividendo una visione di base del mondo. Sentono di avere un numero limitato di clienti personali e di non avere il controllo sugli eventi che li circondano. Credono anche, non del tutto ingiustificato data la storia dell’Ucraina, che il mondo sia pieno di forze nascoste e malvagie che le vogliono disperatamente.

Il giornalismo che lavora con questi modi di pensare di base farà da pioniere e rafforzerà il senso di autodeterminazione delle persone. Un modo è quello che a volte viene chiamato Post-stampaStampa dedicata. Cercando di raggiungere il pubblico in modo che possa aiutare a stabilire l’agenda, e persino invitarlo al lavoro editoriale, per creare contenuti che aiutino le persone a organizzarsi e ad affrontare i problemi a cui tengono, dalle informazioni sul coronavirus al miglioramento dei servizi locali.

Cambiare l’agenda, analizzare i gruppi sociali, andare oltre i confini… tutto questo richiede un nuovo atteggiamento e nuovi approcci ai media. Quando una volta ho chiesto a un produttore americano di TV via cavo cosa fanno per raggiungere gli spettatori dall’altra parte dello spettro ideologico e creare una nuova sfera pubblica comune, sono stato accolto con uno sguardo confuso: perché dovrebbero farlo? Il loro compito è sparare ai loro seguaci. Questa è la logica politica ed economica in cui vivono. La polarizzazione è sinonimo di alta visibilità. E con la crescente dipendenza dei media dagli abbonamenti online, aumenta l’importanza di creare un senso di appartenenza. Tutti i media possono fornire informazioni, sono le pagine di opinione che ti rendono unico. La logica economica dei social media, che premia una mentalità mafiosa ispirata ad algoritmi aggressivi e polarizzazione, rende più redditizie le divisioni e il bigottismo.

La logica economica dei social media, che premia una mentalità mafiosa ispirata ad algoritmi aggressivi e polarizzazione, rende più redditizie le divisioni e il bigottismo.

pagare per questo Public Service Media 2.0 richiede un mix di azioni diverse. In alcuni paesi (ad es. Svezia e Regno Unito) esiste già una tradizione praticabile di finanziamento centralizzato del servizio pubblico, sebbene i media statali debbano pensare a come valutare e valutare le proprie attività. In paesi come gli Stati Uniti o l’Ungheria, dove il servizio pubblico è limitato o nelle grinfie dello stato, c’è la speranza che una nuova generazione di media civici, un mix di media e ONG, si metta a combattere. Un esempio ispiratore è il Public Press Laboratory dell’Ucraina, una nuova ONG che combina la ricerca sulle scienze sociali con il giornalismo che garantisce effettivamente che i contenuti relativi, ad esempio, al COVID-19 o alla guerra con la Russia raggiungano un pubblico importante.

Per finanziare tali organizzazioni, potremmo, ad esempio, tassare le società di social media che fanno soldi con una forma di capitalismo di sorveglianza che ha causato ingenti danni alla sfera pubblica. L’Australia ha già richiesto alle società di social media di condividere i profitti con i media legacy. Sfortunatamente, i media per la condivisione degli utili, che sono in gran parte controllati da Rupert Murdoch, possono arrecare a loro volta un terribile danno alla democrazia. Il profitto dovrebbe invece andare ai citizen media.

Indipendentemente dal modello di finanziamento, il punto principale rimane che la sana sfera pubblica, in cui i fatti, le prove e la fiducia possono prosperare, è fondamentale per la democrazia quanto il sistema sanitario e le forze di difesa – e che deve essere supportata di conseguenza.

Il compito dei media è sotto molti aspetti quello di esaminare il potere. Ma quando l’obiettivo forte è offuscare e creare divisione, la fiducia e il dibattito inclusivo devono renderli responsabili.

Traduzione dall’inglese: Rebecka Kärde

Leggi anche

Peter Pomerantsev: Per curare il populismo, dobbiamo iniziare a scavare più a fondo

Peter Pomerantsev: Ecco perché Trump e Putin si affidano alle proprie teorie del complotto