TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove immunoterapie contro il linfoma portano speranza – Örebronyheter

Foto: Ospedale Accademico

Sempre più malattie neoplastiche del sistema linfatico (linfomi) possono essere trattate con l’immunoterapia. Questa primavera, le cellule CAR-T sono state approvate per l’uso come trattamento per il linfoma mantellare recidivante e sono in corso studi che utilizzano l’anticorpo bispecifico. In termini pratici, ciò significa che i pazienti hanno già diritto a tali immunoterapie. I progressi compiuti vengono riconosciuti in occasione della Giornata mondiale del linfoma, il 15 settembre.

-Per il linfoma, la progressione progredisce rapidamente. Oggi disponiamo di molti più trattamenti nel nostro arsenale rispetto a cinque o dieci anni fa. Ciò vale soprattutto per l’immunoterapia su misura. Da gennaio, le cellule CAR-T sono state approvate per l’uso in pazienti con linfoma mantellare recidivante. Abbiamo già trattato diversi pazienti e ottenuto buoni risultati. afferma Ingrid Glemilius, MD, oncologa medica senior ed esperta in medicina oncologica di precisione, presso l’Ospedale Accademico.

Lo sviluppo è molto positivo perché più della metà dei pazienti ha una ricaduta. Il trattamento significa che hai la possibilità di sbarazzarti del linfoma. Tuttavia, esiste ancora il rischio che la malattia ritorni, ma si spera che ci vorrà molto tempo. Per alcuni linfomi, la malattia può anche essere completamente curata con la terapia con cellule CAR T. Lei continua.

Il linfoma, o cancro dei linfonodi, è un tipo di cancro che inizia nei nostri globuli bianchi. È una delle forme di cancro più comuni tra gli adulti in Svezia. Ogni anno vengono diagnosticate circa 2.000 persone. Il cancro è causato dalla trasformazione dei globuli bianchi nel sistema linfatico (linfociti) in cellule tumorali che possono crescere dal tessuto linfatico in qualsiasi parte del corpo. I sintomi più comuni sono linfonodi ingrossati, affaticamento, febbre, perdita di appetito, perdita di peso inspiegabile e sudorazione notturna.

READ  Come faccio a notare che la mia pressione sanguigna è troppo alta?

Esistono circa 65 linfomi diversi, che sono in qualche modo semplificati in: Linfoma di Hodgkin, che di solito causa sintomi dovuti a linfonodi ingrossati ed è il linfoma più comune nei giovani. Linfoma non Hodgkin (aggressivo e indolente). Esempi di linfomi aggressivi includono linfomi a grandi cellule B e la maggior parte dei linfomi a cellule T. Un esempio di linfoma indolente è il linfoma follicolare.

I linfomi sono molto diversi. Alcuni sono aggressivi e crescono rapidamente, altri crescono molto lentamente. Ciò significa che la possibilità di cura varia notevolmente tra i diversi tipi di linfoma. dice Ingrid Glemius.

Terapia con cellule T nel linfoma a cellule mantellari

Il linfoma mantellare ha origine da un tipo di globuli bianchi (linfociti del gruppo B) che si formano nel midollo osseo e si trovano solitamente in un linfonodo. La malattia è relativamente rara e colpisce ogni anno poco meno di 100 persone in Svezia. Per la terapia con cellule CAR-T, una persona deve essere sufficientemente forte e sana, poiché il trattamento può causare determinati effetti collaterali. Può essere somministrato solo dopo due trattamenti precedenti quando la malattia ritorna. È inoltre necessario aver precedentemente testato nuove pillole per la malattia (i cosiddetti inibitori della tirosina chinasi) per ottenere cellule CAR-T.

La terapia con cellule CAR-T inizia con il pretrattamento, quando il paziente riceve, ad esempio, citostatici, radiazioni o compresse contenenti inibitori della tirosina chinasi, farmaci mirati che agiscono rallentando o arrestando la crescita del tumore.

Un tipo di cellula immunitaria, chiamata cellula T, viene quindi purificata dal sangue del paziente. Le cellule vengono poi inviate al laboratorio dove vengono dotate di un nuovo gene che consente alle cellule T di individuare e uccidere le cellule tumorali. Le cellule vengono poi coltivate per tre-cinque settimane, in modo che diventino più numerose. Prima di essere riportati, il paziente riceve tre giorni di pretrattamento con citostatici in modo che il corpo non attacchi le cellule T.

READ  Minor rischio di demenza: i cambiamenti nello stile di vita fanno la differenza 4 novembre 2022 - Vetenskapsradion Hälsa

Molti studi sugli anticorpi bispecifici

Parallelamente vengono condotti studi sui cosiddetti anticorpi bispecifici contro la maggior parte dei linfomi a cellule B, che vengono somministrati soprattutto in caso di recidiva della malattia e costituiscono una forma di immunoterapia. Questi studi sono condotti da diverse aziende farmaceutiche e si svolgono contemporaneamente in più di 15 paesi nel mondo, tra cui diversi ospedali universitari svedesi.

– Gli anticorpi hanno due “estremità” dove una si lega alle cellule tumorali e l’altra alle nostre cellule T. Avvicina la cellula immunitaria a quella tumorale, proprio come un magnete che le tiene insieme, in modo che il sistema immunitario del corpo possa aiutare a uccidere la cellula tumorale. Lei spiegò.

Il trattamento viene effettuato a intervalli regolari tramite un’iniezione o una flebo una volta alla settimana, anziché con una dose intensiva elevata come con le cellule CAR-T.

– La nostra speranza è che il trattamento possa far sì che più persone sopravvivano e vivano più a lungo, anche se potresti aver avuto diverse ricadute di linfoma. Allo stesso modo, il trattamento può essere somministrato anche a pazienti più anziani e fragili. A lungo termine, valuteremo se gli anticorpi bispecifici possano essere somministrati anche come trattamento di prima linea per il linfoma, ad esempio in combinazione con citostatici. Ingrid Glemelius si è riunita.

Salute | Svezia
Örebro Notizie

Fonte: Ospedale Accademico