TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Noura ha perso la madre a causa di un cancro alla cervice

Noura ha perso la madre a causa di un cancro alla cervice

Nora ricorda bene di essere tornata a casa da scuola. Aveva undici anni ed era già stata ricevuta in sala dalla mamma Anna. “Dobbiamo parlare di qualcosa di serio”, ha detto la mamma.

-Ricordo che cercavo di prenderlo in giro. “Parla di qualcosa di serio, ahah…” dice Nora.

Ma la reazione della madre ha dimostrato che non era il momento degli scherzi. Seduta sul divano, Anna Wancelius ha raccontato alle sue due figlie di essere andata dal medico e lui le ha detto che aveva un cancro alla cervice.

Non esitate a fare il vaccino HPV

– Ero giovane e non capivo davvero cosa significasse. Anche se la parola “cancro” faceva paura, ovviamente avevo paura. Ma mia madre disse anche: “Lo abbiamo trovato presto per non morire”. Poi ho pensato: “Che carino, quindi forse non è così pericoloso”.

Era il 2014 e Noura era in quinta elementare. Alla stessa classe di studentesse è stata vaccinata gratuitamente contro l'HPV (papillomavirus umano), il virus che causa quasi tutti i tipi di cancro al collo dell'utero.

Per me non c’erano dubbi che mi sarei vaccinato.

– Per me non c'erano dubbi che mi sarei vaccinato. E probabilmente non è successo nemmeno ai miei amici, per quanto ricordo. Nel corso degli anni ci ho tenuto molto a sottolineare a tutti l’importanza della vaccinazione. Se vedi come funziona il cancro cervicale, diventa pericoloso in un modo completamente diverso.

La radioterapia è finita

Noura ha vissuto da vicino la malattia. Dice che all'inizio la vita non era molto diversa, dato che era sempre più una mamma casalinga. Dopo un po', si notò che il trattamento con radiazioni stava cominciando a svanire, e fu allora che Madre Anna decise di lasciare che Nora andasse con lei a Lund per scoprire cosa significasse veramente.

READ  Alti livelli di Legionella nella casa di cura Björksäter - Exposed Hässleholm
Durante la mia adolescenza la malattia di mia madre ha influenzato tutto, racconta Nora Wancelius Souders. Mi manca così tanto, ogni giorno. Foto: Ola Torkelson.

– Forse per me era importante capire, dice Nora. E ricordo di aver pensato che fosse molto spaventoso ma anche molto sicuro, perché i medici erano così meravigliosi. Mi hanno spiegato tutto quello che hanno fatto per farmi sentire a mio agio. È un bellissimo ricordo.

Ma anche difficile. Noura ritiene che l'esperienza malata di sua madre abbia influenzato il suo approccio agli ospedali, alle malattie e alle cure in generale.
– Penso che tutto ciò faccia paura oggi, indipendentemente dal fatto che si tratti di sangue o siringhe, proprio perché è associato alla malattia della madre.

“Capisco cosa succederà”

Il trattamento è andato bene. Due anni dopo, Anna ricevette la notizia positiva che il cancro nel suo corpo era sotto controllo. Ha fornito l'opportunità di festeggiare con le ragazze.

-Ricordo che eravamo fuori sul balcone e mia madre ha bevuto un bicchiere di champagne e mi ha preso del succo di mela analcolico. E poi abbiamo mangiato le fragole. Noura dice che ci è voluto solo un mese prima che la madre ricevesse nuove informazioni secondo cui il cancro si era diffuso al sistema linfatico.

Più tardi, mi sono reso conto che mia madre aveva capito cosa sarebbe successo.

Le ragazze pensavano che fosse solo un rallentamento temporaneo, dopo che la mamma si era ripresa una volta, quindi perché non dovrebbe succedere di nuovo?

– Più tardi, ho capito che mia madre aveva capito cosa sarebbe successo. Perché so che chiese al dottore se le restavano almeno cinque anni da vivere, perché io avevo tredici anni all'epoca e sperava che potessi arrivare a diciotto prima di morire. Ma la risposta è stata: “No, non pensiamo che ci vorranno cinque anni”.

READ  La gravidanza aumenta il rischio di contrarre il virus COVID-19

Non tutto era nero

Anna Wancelius è morta poco prima di Natale 2019. Noura all'epoca aveva 16 anni, mentre sua sorella Sarah ne aveva appena compiuti 18.

– La malattia di mia madre ha influenzato davvero tutto durante la mia adolescenza, dice Noura. Mi manca così tanto, ogni giorno. Ha imparato molto anche dalla sua malattia. Per un po' abbiamo avuto l'ASIH (Assistenza Sanitaria Avanzata a Domicilio) e poi ho potuto vedere da vicino come veniva trattata e come si sentiva.

Nora con una foto della sua amata madre Anna, scomparsa poco prima di Natale 2019. Fotografia: Ola Torkelson.
Nora con una foto della sua amata mamma Anna, scomparsa poco prima di Natale 2019.
– Mia madre ha vissuto per la musica fino alla fine e mi ha sempre spinto quando si trattava del mio interesse per la musica. Foto: Ola Torkelson.

Anche in quegli anni non era tutto nero. Avere una madre a casa ogni giorno e le ragazze che tornavano da scuola era un “lusso”.

Il mio ricordo più bello è quando mia madre serviva il caffè ogni pomeriggio. Sono molto felice di aver trascorso molto più tempo con mia madre di quanto molte persone trascorrano con i propri genitori in quegli anni.

Seguendo le orme di mia madre

Sono trascorsi ormai cinque anni dalla morte della madre di Nora. Ma ha comunque lasciato il segno nella vita di sua figlia. Da giovane Anna Wancelius studiò all'Accademia di musica di Malmö e poi lasciò la Svezia per tentare fortuna negli Stati Uniti – dove rimase per dieci anni e suonò con diverse band in diversi club di Los Angeles. . Angeles.

Ogni volta che suono mi sento come se lei fosse con me.

Ha anche insegnato musica – a Los Angeles e anche dopo essersi trasferita a casa in Svezia. Negli ultimi anni ha insegnato alla Scuola di Cultura di Hassleholm.

– Mia madre ha vissuto per la musica fino alla fine e mi ha sempre spronato quando si trattava del mio interesse per la musica, dice Nora.

READ  Il tipo di anima che potrebbe essere la migliore amica per qualcuno con un'allergia ai pollini - secondo l'esperto

Quest'estate ha intenzione di seguire le orme di sua madre. letteralmente.

– Farò lo stesso viaggio di mia madre negli Stati Uniti d'America. Vivrò nei luoghi in cui ha vissuto, visiterò i luoghi che ha visitato e ovviamente porterò con me i miei strumenti. Suono principalmente il trombone, ma anche il flauto, proprio come mia madre. E ogni volta che suono, mi sento come se lei fosse con me.