TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La tecnologia moderna dovrebbe aiutare i bambini con comportamenti difficili

La tecnologia moderna dovrebbe aiutare i bambini con comportamenti difficili

I ricercatori del Karolinska Institutet hanno sviluppato nuovi approcci per sostenere i bambini e i giovani con comportamenti aggressivi. Con l’aiuto della terapia cognitivo comportamentale e dei metodi digitali vogliono sostenere sia i bambini che i genitori, ma vogliono anche ridurre il carico di lavoro sempre crescente nel settore sanitario.

Nel 2022, 21 progetti di ricerca hanno ottenuto finanziamenti nell’ambito del Programma di ricerca Forte sulla salute mentale. Uno di questi progetti, guidato da Pia Enbrink e dal suo team presso il Dipartimento di Psicologia del Karolinska Institutet, si concentra sullo sviluppo e sulla valutazione di un modello di assistenza passo dopo passo per famiglie con bambini e giovani di età compresa tra 8 e 16 anni che stanno attraversando difficoltà. Con un comportamento aggressivo e provocatorio.

Sono necessari sforzi terapeutici migliori

– In questo studio, vogliamo valutare sia gli effetti che il rapporto costo-efficacia degli interventi CBT per genitori e bambini. L’obiettivo ovviamente è quello di poter aiutare le famiglie e i bambini che hanno bisogno di sostegno, e allo stesso tempo vogliamo anche ridurre il crescente carico di lavoro del sistema sanitario. Tuttavia è necessaria una maggiore conoscenza, afferma Pia Enbrink.

Studi precedenti hanno dimostrato che i trattamenti per bambini e giovani con questo tipo di problemi comportamentali hanno avuto effetti da piccoli a moderati e che manca ancora la comprensione dei meccanismi di cambiamento. Il trattamento più supportato nella ricerca e raccomandato nelle linee guida di cura è il supporto genitoriale, ma i bambini e i giovani con problemi comportamentali sono un gruppo eterogeneo e manca la conoscenza su chi ottiene un aiuto adeguato dai trattamenti esistenti.

– Ciò indica che vi è spazio e necessità di sforzi di miglioramento. Sappiamo, ad esempio, che il rinforzo positivo è una componente importante della genitorialità e che le regole e le conseguenze naturali sono importanti. Sappiamo anche che programmi di sostegno ai genitori meno complessi possono avere un impatto migliore. Tuttavia, dobbiamo capire meglio quali interventi individuali funzionano meglio di altri e come i diversi interventi dovrebbero essere combinati al meglio in un trattamento coeso e passo dopo passo, afferma Pia Enbrink.

È importante fornire un aiuto tempestivo a questi bambini e giovani, altrimenti c'è il rischio di un peggioramento dei problemi comportamentali, che può portare a conseguenze come malattie mentali, difficoltà con i coetanei e a scuola.

READ  A sempre più bambini e giovani adulti viene diagnosticata l’ADHD e i farmaci sono aumentati di diverse centinaia di per cento

spiegazione delle parole

  • 1

    CBT, terapia cognitivo comportamentale

    La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è una forma di terapia molto popolare. La terapia presuppone che i pensieri, i comportamenti e i sentimenti di una persona siano interconnessi e possano essere influenzati e modificati. Nella terapia cognitivo comportamentale impari come funzionano pensieri e comportamenti e come puoi cambiarli. Leggi di più su Terapia cognitivo comportamentale, terapia cognitivo comportamentale – 1177

  • 2

    RCT, studio randomizzato e controllato

    Gli studi randomizzati controllati sono un modo, ad esempio, per studiare l'effetto di un metodo di trattamento in relazione ad un altro metodo già accettato o all'assenza di trattamento. Il fatto che lo studio sia randomizzato significa che i partecipanti allo studio vengono divisi casualmente in due o più gruppi, ai quali vengono poi assegnati i diversi trattamenti da confrontare.

Modello progressivo di cura

Il progetto, chiamato Step by Step in Behavioral Problems, include un modello passo dopo passo che integra la tecnologia moderna per la massima efficacia.

Nel 2023, abbiamo sviluppato sforzi individuali, il che significa che nella prima fase i genitori seguono un programma di supporto digitale per i genitori. Attraverso le strategie dei precedenti programmi di sostegno ai genitori nella terapia cognitivo comportamentale e il modello di terapia di screening familiare, imparano come prevenire e gestire la rabbia e i conflitti. L’idea quindi è che le famiglie con problemi persistenti ricevano terapie complementari alla terapia cognitivo comportamentale, inclusa la tecnologia della realtà virtuale che simula situazioni quotidiane in cui sia i bambini che i genitori hanno l’opportunità di mettere in pratica le abilità che stanno imparando.

– Il progetto è il primo nel suo genere a valutare la terapia utilizzando la realtà virtuale (VR) in un contesto svedese per famiglie con bambini e giovani con problemi comportamentali, e speriamo che la tecnologia VR possa contribuire a una maggiore opportunità di mettere in pratica abilità e forse anche una maggiore motivazione al trattamento, afferma Pia Enbrink.

La terapia della realtà virtuale per i bambini si basa su un modello olandese chiamato Le tue capacitàche nelle valutazioni ha mostrato risultati promettenti per quanto riguarda la capacità di gestire e prevenire la rabbia, nonché una maggiore motivazione al trattamento nei partecipanti.

READ  Screening delle cartelle cliniche utilizzando l'intelligenza artificiale: l'algoritmo giusto nelle cure primarie

Il progetto verrà ora valutato sperimentalmenteStare

Nell’autunno del 2023, con l’aiuto della ricercatrice post-dottorato Sophie Elsem dell’Università di Amsterdam, abbiamo formato i terapisti. Ora, dopo l’approvazione etica, il piano è quello di testare il programma di supporto genitoriale digitale e istituire trattamenti di realtà virtuale in studi pilota. Inoltre, vengono condotte interviste con medici che lavorano con il gruppo target, genitori che hanno esperienza nel trattare bambini con problemi di aggressività e bambini e giovani che si arrabbiano facilmente. Gli input che riceveremo verranno utilizzati come base per migliorare e modificare i metodi di trattamento prima della fase successiva del progetto, uno studio randomizzato e controllato, RCT. dice Pia Enbrink

Il progetto di ricerca è guidato dal Karolinska Institutet ma è una collaborazione tra ricercatori e medici dell’Università di Amsterdam, dell’Università di Uppsala, della regione di Västra Götaland e della regione di Kronoberg.

Il trattamento inizia con il supporto genitoriale digitale

La prima fase del modello passo-passo comprende un programma di supporto digitale per i genitori, progettato per aiutarli a prevenire e affrontare la rabbia e i conflitti. L'obiettivo è che il programma migliori la capacità dei genitori di comprendere e gestire i sentimenti, i bisogni e le reazioni del bambino. Lo studio inizia con un programma di sostegno ai genitori perché la ricerca mostra che questo metodo è efficace per le famiglie che vivono problemi di conflitto e di sfida.

Il trattamento inizia prestando attenzione a ciò che è già efficace e rafforzandolo. I genitori hanno la possibilità di esercitarsi a mostrare apprezzamento e di trovare nuovi modi di socializzare che rafforzino la relazione. Quando questa diventa una base sicura, i genitori possono gradualmente trovare nuovi modi per negoziare e stabilire dei limiti. I confini vengono per ultimi nel programma perché la ricerca dimostra che è importante avere un buon rapporto ed enfatizzare l'attenzione a ciò che funziona, piuttosto che a ciò che non funziona, e che questo di per sé può contribuire a ridurre i problemi.

READ  Nuovo importante studio presso l'Università di Umeå: i consumatori di Snus hanno un aumentato rischio di morte prematura

Le famiglie con problemi persistenti ricevono supporto continuo utilizzando la realtà virtuale

Successivamente, le famiglie che stanno ancora riscontrando difficoltà vengono assegnate a tre diversi metodi di terapia cognitivo comportamentale:

  • Terapia della realtà virtuale per bambini e giovani
  • Terapia della realtà virtuale per i genitori
  • Accesso continuo ai programmi di supporto ai genitori con un coach digitale

Attraverso l'uso della tecnologia della realtà virtuale, è possibile simulare situazioni reali in un mondo virtuale, consentendo la formazione nelle competenze di prevenzione e gestione della rabbia. La formazione professionale è un tipo importante di intervento terapeutico, ma a volte può essere difficile da implementare e motivare il paziente. Attraverso la realtà virtuale, uno psicologo può interpretare diversi ruoli, ad esempio quello di compagno di classe, genitore o insegnante in ambienti come la scuola, la casa o il cortile, creando così un'esperienza più realistica rispetto a un normale gioco di ruolo.

Il Programma Nazionale di Ricerca sulla Salute Mentale è un programma di ricerca decennale gestito da Forte. Un'area di ricerca prioritaria è la promozione, la prevenzione e gli interventi precoci della salute mentale. Questo progetto è il risultato del primo invito a presentare proposte del programma sulla salute mentale dei bambini e dei giovani, incentrato su:

  • Presenza e distribuzione della felicità, dei problemi psicologici e delle condizioni psicologiche tra i bambini e i giovani
  • Gli sforzi per promuovere il benessere dei bambini e dei giovani
  • Sforzi per prevenire i disturbi mentali nei bambini e nei giovani
  • Interventi terapeutici per bambini e giovani con patologie psicologiche

Ulteriori informazioni su questo annuncio
Maggiori informazioni sul programma di ricerca

Persone da contattare
Lidia Coloh
Direttore del programma di salute mentale
08-562 051 82
[email protected]

L'articolo è tratto da Forte Magasin, rivista del Forte Research Council, specializzata nella ricerca sulla salute, la vita lavorativa e il benessere delle persone. Clicca qui per un abbonamento gratuito.