TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non osare uscire quando le medicine vitali si esauriscono

Molti farmaci comuni utilizzati dalle persone con epilessia si sono esauriti, il che ha creato grande preoccupazione per i pazienti che in molti casi sono a rischio di convulsioni e convulsioni senza i farmaci.

– Molti dei nostri membri testimoniano di come pescano in diverse farmacie per ottenere le loro medicine. In molti casi si esaurisce completamente, il che è molto pericoloso perché non solo è possibile cambiare il farmaco, afferma Sofia Segergren, segretaria sindacale dell’Associazione svedese per l’epilessia.

L’Agenzia svedese per i medicinali ha segnalato un forte aumento del numero di farmaci nell’elenco di base, che quindi non sono disponibili in farmacia. Radio Eco Svezia l’altro giorno. Al momento, ci sono circa 500 farmaci.

Prenditi del tempo per sperimentare

Secondo le normative, le aziende farmaceutiche sono obbligate a notificare all’Agenzia svedese per i medicinali se un prodotto non può essere consegnato almeno due mesi prima che si verifichi.

Nell’epilessia, i pazienti spesso provano a lungo il loro trattamento e piccoli cambiamenti possono avere gravi conseguenze. Allora due mesi di preavviso sono un tempo molto breve.

Anna Ixel soffre di epilessia sin da quando era bambina. Prende le medicine mattina e sera e un mese fa le è stato detto che le medicine erano state ripristinate. L’ultima volta che ha cambiato farmaco, è stata ricoverata in ospedale con un massimo di 20 attacchi epilettici al giorno.

– Dal momento che trattamenti così complessi sono vitali, vorrei avere la preparazione alle crisi. Due mesi non sono sufficienti per provare un altro mese. Poi c’è anche il rischio di essere cancellati, dice Anna Exel.

READ  La malattia di Alzheimer può ora essere prevista con esami del sangue e test di memoria

I farmaci antiepilettici agiscono sul sistema nervoso e spesso richiedono una lenta e graduale eliminazione di un preparato e una lenta escalation di una nuova formulazione.

– Inoltre, è spesso necessario contattare un neurologo per un cambiamento. Molti membri affermano che i medici di base degli stessi centri sanitari non vogliono sostituire un farmaco con un altro. Poiché c’è una carenza di neurologi, dice Sophia Segergren, possono essere necessarie diverse settimane prima che tu possa ottenere aiuto.

L’ansia per il mondo esterno fa la sua parte

Per i cinque farmaci elencati che la Epilepsy Society utilizza come esempio, le previsioni variano per quando saranno disponibili nelle farmacie, da novembre a gennaio 2023. Alcuni sono esauriti dalla scorsa primavera. Secondo l’Agenzia svedese per i medicinali, le ragioni sono complesse e non legate solo alla mancanza di singole materie prime.

Una spiegazione sono i disordini globali, i prezzi dell’energia e l’inflazione, che hanno anche conseguenze sulla produzione e la consegna dei farmaci, afferma Johan Andersson, capo unità dell’Agenzia svedese per i medicinali.

Un problema ricorrente è che le aziende farmaceutiche non notificano in tempo il preventivo residuo. In circa il 66% dei casi, la notifica arriva quando la carenza è già una realtà. Allora diventa impossibile per l’assistenza sanitaria e per i pazienti prepararsi.

Sfortunatamente, trovo difficile credere che le quotazioni rimanenti diminuiranno a breve termine. Il lavoro viene svolto in molte direzioni diverse per migliorarlo e abbiamo un dialogo continuo con farmacie, case farmaceutiche, distributori, associazioni sanitarie e pazienti, afferma Johann Andersen.

Anna Excel ha le compresse per altri cinque giorni.

– Allora non so cosa succede. Dice che andare al lavoro o anche dormire da solo non aiuta se ho un grave attacco.

READ  Alimenti ricchi di vitamina D: la lista di un dietologo

Nell’epilessia c’è una sorta di squilibrio tra le cellule nervose. Alcuni neuroni diventano iperattivi e si verifica un attacco.

Il modo in cui compaiono le convulsioni dipende da quale parte del cervello si verifica l’attività dell’epilessia. Pertanto, le crisi epilettiche si dividono in due tipi principali:

Convulsioni generalizzate, quando ampie parti del cervello sono interessate dall’inizio della crisi.

Convulsioni focali, che iniziano in una parte limitata del cervello.

L’epilessia viene trattata principalmente con farmaci, i cosiddetti antiepilettici. Questi prevengono e riducono il rischio di convulsioni fintanto che li prendi. Dovrebbero essere assunti regolarmente, a volte più volte al giorno.

Il trattamento riduce l’eccitabilità elettrica del cervello in modo che le convulsioni non si verifichino facilmente. Esistono più di 20 diversi farmaci per l’epilessia, ciascuno con effetti leggermente diversi ed effetti collaterali diversi.

Fonte: 1177, Hjärnfonden