TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Muore una donna incinta: migliaia di persone protestano contro la legge polacca sull’aborto

Quando l’acqua è andata via e Isabella è andata all’ospedale della città di Pszczyna, nel sud della Polonia, i medici hanno detto che non potevano fare nulla. Hanno dovuto aspettare che il cuore fetale smettesse di battere.

A causa della legge sull’aborto, i medici non possono fare nulla. Stanno aspettando che il feto muoia o che inizi qualcosa. Altrimenti potrei avere la setticemia, legge mamma Barbara da un sms che Isabella ha mandato dall’ospedale.

Dopo che i medici hanno stabilito che i suoni cardiaci si erano fermati, il feto doveva essere rimosso con taglio cesareo, ma Isabella ha sviluppato una setticemia ed è morta durante il tragitto verso la sala operatoria. Isabella era incinta di 22 settimane, il feto che portava in grembo era gravemente ferito e pesava circa 500 grammi.

“I ginecologi hanno paura”

È passato un anno da quando la Polonia ha imposto un divieto quasi totale all’aborto. Anche se il feto non è in grado di vivere, deve essere asportato. La rigida restrizione degli aborti ha portato a proteste diffuse in tutta la Polonia.

– È una tragedia per la famiglia della donna e anche per tutti noi ginecologi. Noi ginecologi temiamo come verranno implementati i cambiamenti nella legislazione. Abbiamo paura che la polizia bussi alla nostra porta e dica che siamo assassini, dice Maciej Sucha, un ginecologo.

La trentenne Isabella è ora vista come la prima vittima del divieto di aborto. L’incidente è avvenuto all’inizio di settembre, ma i dettagli della sua morte stanno emergendo solo ora e hanno portato ad un acceso dibattito e nuove proteste.

I medici chiudono

Il PiS al governo nega la morte di Isabella a causa delle nuove regole sull’aborto, ma incolpa i medici per illeciti.

READ  Iniziato a Roma il G20 - Wolfgang Hansson è al lavoro per risolverlo

Oggi, due medici che erano in servizio negli ospedali sono stati chiusi quando Isabella è morta per il suo lavoro.

Vedremo più casi come Isabella?

– Certamente, anche se il rapporto di rischio è piccolo e piccolo, con il passare del tempo e molti pazienti, in questo caso vedremo morti reali, dice Socha.