TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una massiccia manifestazione che sfida la pioggia a Glasgow

Durante la gigantesca manifestazione di venerdì a Glasgow, Greta Thunberg ha concluso il suo acclamato discorso “Ci vediamo domani” ai manifestanti.

Molti hanno risposto alla chiamata: sabato mattina, migliaia di persone si sono radunate a Kelvingrove Park, congelate e sommerse durante l’inverno scozzese.

“Sono qui per la giustizia climatica per gli esseri umani, gli insetti, i vermi e ogni cosa vivente, affinché il nostro pianeta possa prosperare”, afferma Melanie Eve, che afferma di aver aspettato due anni e mezzo per venire qui.

Voglio dimostrare che siamo pronti per il cambiamento. Grande cambiamento.

“Abbiamo la custodia di questo pianeta, ma abbiamo fallito nella missione di proteggere le specie e la biodiversità”, ha detto Joe Knockles all’inviato del TT prima della marcia di protesta.

più di 100.000

Gli organizzatori hanno stimato che più di 100.000 persone si sono unite alla marcia attraverso Glasgow.

Gli elicotteri della polizia sorvolavano una folla di giovani e meno giovani, compresi i rappresentanti dell’organizzazione Extinction Rebellion, nota per la sua azione per il clima estremo.

Lo svedese Victor Eckert posa in Il vento leggero. Crede che la base per protestare in incontri come la conferenza sul clima COP26 sia che non sono contenti di come stanno andando le cose e che c’è l’ambizione di mobilitarsi dal basso.

Ciò che accade al di fuori della zona blu pura mette sotto pressione coloro che sono all’interno e che negoziano, dice.

Come molti altri sul posto, Victor Eckert crede che il cambiamento non avvenga nella zona blu, ma nell’ampio movimento popolare.

“Un altro mondo è possibile”

Il treno di sabato è terminato a Glasgow Green Park. Molti volevano vedere Greta Thunberg parlare per il secondo giorno consecutivo. Ma l’organizzatrice ha annunciato in un sms di voler fare spazio ad altri, come gli indigeni e le voci emarginate.

READ  La difficile situazione del nuovo contagio della diplomazia cinese sui vaccini

Vanessa Nakati, un’importante attivista per il clima dell’Uganda, ha parlato venerdì e sabato scorso. Per lei, la crisi climatica non riguarda solo il clima e gli obiettivi e le statistiche sulle emissioni nette, ma riguarda “persone reali”.

Ha spiegato che ogni sviluppo di nuovi combustibili fossili deve fermarsi.

– La crisi climatica e ambientale è già qui, dice nel suo discorso, secondo Sky News.

Un altro mondo è possibile. Possiamo farlo insieme. Non dobbiamo perderci d’animo dopo tutto quello che abbiamo realizzato.

Sonia Bakilova, Lovisa Tegnvik, Hana Soldal, Clara van den Bos e Lenya Aronson erano lì ad ascoltare. Rappresentano la Chiesa di Svezia, una delle organizzazioni con status di osservatore durante la COP26.

Il gruppo è sul posto da quasi una settimana, ma domenica prenderà l’autobus per la Svezia.

È triste perché questo va avanti per un’altra settimana intera, ma anche noi siamo stanchi, sono successe così tante cose, dice Clara van den Bos.

rally mondiali

Quando i manifestanti si sono radunati a Glasgow, le proteste avevano già avuto luogo in Australia, tra gli altri luoghi. A Sydney e Melbourne, i manifestanti hanno mostrato la loro forte insoddisfazione per l’atteggiamento positivo del primo ministro Scott Morrison nei confronti dell’industria mineraria del paese. L’agenzia France-Presse ha riferito che molti manifestanti erano vestiti da blocchi di carbone in segno di protesta.

Nella capitale sudcoreana, Seoul, si è radunata una piccola folla, circa 500 manifestanti, desiderosi di misure più dure sull’azione per il clima.

Centinaia di manifestazioni climatiche si sono svolte in tutto il mondo, in Europa quelle più grandi, ad esempio Londra e Copenaghen.

L’attivista Vanessa Nakati ha parlato per il secondo giorno consecutivo a Glasgow. Sottolinea la giustizia climatica. Foto: Alberto Bezzali/AP/TT

Gli attivisti per il clima della Extinction Rebellion hanno marciato sabato a Glasgow.

Gli attivisti per il clima della Extinction Rebellion hanno marciato sabato a Glasgow. Foto: Scott Heppell/AP/TT