TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Molti sono stati uccisi in attacchi aerei nel Tigray

Le informazioni sui morti nell’attacco aereo provengono dal rappresentante dei servizi sanitari della regione, che a sua volta fa riferimento al servizio di soccorso e ai testimoni. Si dice che altre 40 persone circa abbiano subito lesioni potenzialmente letali.

L’aggressore ha attaccato martedì poco dopo mezzogiorno davanti a una manifestazione, uccidendo almeno 13 persone e ferendone altre due.

– Non abbiamo visto l’aereo, ma l’abbiamo sentito, dice.

– Quando è avvenuta l’esplosione, tutti sono scappati. Siamo tornati dopo un po’ e abbiamo cercato di aiutare i feriti, ha detto la donna.

Un altro testimone, una donna di 47 anni, ha detto di aver visto 58 corpi dopo l’attacco e ha stimato il numero dei feriti a circa 200.

Le Nazioni Unite chiedono l’accesso

Di recente, ieri, i residenti del capoluogo regionale Mikkeli hanno dichiarato che sono scoppiati nuovi scontri.

L’esercito etiope non vuole confermare o smentire l’incidente, ma un portavoce afferma che non sta prendendo di mira i civili.

Le Nazioni Unite chiedono un’indagine urgente su quanto accaduto. Un portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto “profondamente preoccupato” per le notizie di vittime civili nell’attacco aereo.

– Abbiamo chiesto di venire in zona per poter valutare la situazione e vedere come possiamo aiutare, ma finora non abbiamo avuto questa opportunità. Il portavoce del ministero Stephane Dujarric afferma che la situazione nella regione rimane molto instabile.

Guerra civile dallo scorso autunno

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ordinato un attacco al Tigray nel novembre dello scorso anno dopo le accuse secondo cui il Fronte di liberazione etiope, che controlla lo stato, avrebbe attaccato le basi dell’esercito.

READ  L'Unione Europea condanna il sigillo russo dell'opposizione

Numerose sono state le testimonianze ricevute dalla regione su massacri, violazioni e uccisioni casuali, poiché i contatti con loro sono stati interrotti per lungo tempo.