TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliaia i feriti a Ischgl – ora inizia il processo contro l’Austria

32 persone sono morte dopo la famigerata eruzione delle Alpi di Ibiza.

Hannes Schopf, 72 anni, è morto sulle ali del Covid-19 dopo essere stato infettato nel villaggio di Ischgl nelle Alpi austriache.

Il famigerato processo per l’epidemia di corona inizia ad Ibiza Alp.

“L’ho mandato direttamente a morte”, ha detto la vedova Sieglind Schopf all’AFP.

Migliaia di persone provenienti da 45 paesi credono di essere rimaste ferite nella famigerata eruzione vulcanica nella località sciistica austriaca di Ischgl nel marzo 2020, secondo i rapporti. Agenzia di stampa Francia.

Venerdì è iniziato il primo dei 15 processi civili in quanto le autorità sono state accusate di non aver risposto abbastanza rapidamente alla diffusione del virus COVID-19 a Ischgl e in altre località sciistiche della provincia del Tirolo.

Le vittime vogliono soprattutto Austria Saremo ritenuti responsabili, ma non abbiamo ancora ricevuto alcuna indicazione in merito, ha detto all’AFP l’avvocato Alexander Clauser.

Ferito nel bus di evacuazione

Il primo processo riguardava il giornalista in pensione Hannes Schopf, 72 anni, che secondo sua moglie Sieglind Schopf era un pattinatore appassionato.

Sieglind e Hans Schopf.

Si dice che sia stato investito su un autobus durante una caotica evacuazione del villaggio, pieno di altri turisti che hanno starnutito e tossito. Pochi giorni dopo essere tornato a casa, morì.

In una precedente intervista con AFP, Sieglind Schopf ha affermato che il suo intero mondo è crollato quando suo marito è morto. L’ho incoraggiato ad andare in vacanza.

– Non posso perdonarmi, perché alla fine l’ho mandato a morte.

READ  I colombiani sono stati assassinati

Lo Stato chiede 100.000 euro

Lei e suo figlio stanno ora facendo causa allo stato austriaco per 100.000 euro (circa 1 milione di corone) per la sua morte.

Paradiso dello sci e città delle feste Ischgl.

E quando il processo è iniziato venerdì scorso, quello che il figlio di Ulrich Schopf ha detto in tribunale senza sua madre. Ha detto all’austriaco che la sua presenza lì è diventata molto emozionante ORF.

Dice che il denaro in sé non è la cosa importante, ma il restauro e la giustizia. Se ottengono un risarcimento, vogliono donare i soldi in beneficenza.

“Albernas Ibiza”

In tutto il mondo, sono 11.000 i casi di infezione riconducibili all’epidemia di Ischgl, secondo l’Associazione per la protezione dei consumatori, che aiuta le famiglie a gestire il processo.

L’avvocato Alexander Clauser.

L’avvocato Alexander Clauser indica un rapporto pubblicato nell’ottobre dello scorso anno, in cui si rileva che la reazione è arrivata troppo tardi. Si ritiene inoltre che le autorità locali abbiano agito al di sotto degli standard, nonostante il fatto che l’Islanda, ad esempio, abbia lanciato l’allarme secondo cui i viaggiatori sono tornati a casa con il virus.

600 persone affermano di aver contratto il coronavirus a Ischgl, secondo l’associazione, e un totale di 32 persone sono morte.

Lo studio legale della difesa che rappresenta il Paese è stato contattato dall’Agence France-Presse, che per ora non commenta. Ma le autorità negano che si sarebbe potuto fare di più.

Inserito:

READ  Atene sarà più brava ad affrontare il maltempo