TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Michael Winarsky: Årskrönika 2021 – DN.SE

L’anno è iniziato con l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea dopo un periodo di transizione. Joe Biden è succeduto a Donald Trump come presidente degli Stati Uniti. Durante l’autunno, ha assunto la carica di nuovo cancelliere della Germania. L’epidemia ha continuato a diffondersi, ma centinaia di milioni di persone in tutto il mondo sono state vaccinate contro il COVID-19.

Biden ha dichiarato di voler vedere la fine delle guerre eterne dell’America. Ma la nuova attenzione della Casa Bianca sulla minaccia di una Cina sempre più aggressiva rende più facile per il Medio Oriente e l’Europa influenzare i calcoli della politica di sicurezza. Un risultato, che potrebbe non essere del tutto intenzionale, è che la Russia, il partner più stretto della Cina che carica militarmente l’Ucraina, non riceve meno attenzione.

Poiché gli Stati Uniti vogliono gradualmente ridurre il loro coinvolgimento militare nell’Asia occidentale (Medio Oriente e Afghanistan), gli attori regionali sono stati spinti ad assumersi maggiori responsabilità per la risoluzione dei conflitti e la diplomazia.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Foto: Aljaloud City / AP

1. Dialogo tra acerrimi nemici

I due principali rivali in Medio Oriente, Arabia Saudita e Iran, stanno cercando di trovare un modo per regolare le loro relazioni. Ciò avviene nel quadro di un dialogo al quale gli Stati Uniti non partecipano. Il governo iracheno fa da mediatore e ha avviato colloqui tra il regime clericale sciita a Teheran e la monarchia sunnita a Riyadh. Improvvisamente, dopo cinque anni senza relazioni diplomatiche, i sauditi e gli iraniani si parlano. Per il governo di Baghdad, la forza trainante è che un Iraq diviso religiosamente ed etnicamente non dovrebbe diventare un campo di battaglia tra i due nemici storici. Non mancano i conflitti da disarmare: Yemen, dove Iran e Arabia Saudita sono coinvolti da ogni parte nella guerra civile. La Siria, dove l’Iran sostiene il regime di Bashar al-Assad con le forze armate, e l’Arabia Saudita sostiene le milizie islamiste. Ha diviso il Libano, dove ognuno ha il proprio rappresentante nel Paese sciiti e sunniti. E nel 2019, gli impianti petroliferi in Arabia Saudita sono stati attaccati e metà della produzione petrolifera saudita è stata chiusa, probabilmente a causa di missili e droni iraniani, cosa che l’Iran ha rifiutato.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi.

Foto: Vahid Salemi / AP

Per molti anni, l’Arabia Saudita e gli stati del Golfo (le dittature arabe sunnite nel Golfo Persico) hanno combattuto con artigli e becchi, e durante la presidenza di Donald Trump con il forte sostegno degli Stati Uniti, per contrastare la crescente influenza dell’Iran nella regione.

Ma con l’ingresso di Biden, si sono resi conto di non avere più il sostegno incondizionato degli Stati Uniti. Biden ha preso nettamente le distanze dall’Arabia Saudita, anche per quanto riguarda le violazioni dei diritti umani del regime, e ha cercato di trovare un equilibrio tra gli stati sunniti e musulmani sciiti. Pertanto, i sauditi stanno cercando gentilmente di allentare le tensioni con l’Iran.

Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken, il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid e il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan, in una conferenza stampa congiunta presso il Dipartimento di Stato a Washington, 13 ottobre 2021.

Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken, il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid e il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan, in una conferenza stampa congiunta presso il Dipartimento di Stato a Washington, 13 ottobre 2021.

Foto: Andrew Harnik/AP

2. Trattato abramitico

Anche un altro inaspettato processo di riconciliazione ha preso slancio durante l’anno, quando l’accordo di Israele con quattro dittature arabe ha cominciato a diventare realtà. Tuttavia, stava prendendo di mira l’Iran. Furono l’amministrazione Trump e suo genero Jared Kushner a mediare l’accordo alla fine dell’estate del 2020, implicando la normalizzazione delle relazioni da un lato con Israele e gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain dall’altro. Sono stati i primi paesi arabi con cui Israele ha stabilito relazioni diplomatiche dalla normalizzazione tra Giordania e Israele nel 1994.

Il nome “Alleanze abramiche” deriva dal fatto che sia ebrei che musulmani (oltre che cristiani) condividono Abramo e il patriarca delle religioni. L’accordo ha dato a Israele un importante successo diplomatico, poiché lo stato ebraico era ora riconosciuto da altri stati arabi. L’allora primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dovuto fare una concessione: la prevista annessione di gran parte della Cisgiordania palestinese occupata è stata rinviata. Ad ottobre 2020 è seguito l’accordo di normalizzazione tra Israele e Sudan e a dicembre tra Israele e Marocco.

Trump ha dichiarato pacificamente la “nascita di un nuovo Medio Oriente” e Biden ha promesso di onorare l’accordo che non vuole chiamare “Accordo di Abrahamo”.

L’accordo tra Israele ei quattro Stati arabi ha raggiunto l’obiettivo di isolare l’Iran, ma non ha avvicinato a una soluzione il lungo conflitto tra Israele e palestinesi. Invece è diventato Una nuova guerra a Gaza a maggio, centinaia di mortiIsraele ha ottenuto il riconoscimento arabo senza alcuna concessione ai palestinesi, come il congelamento degli insediamenti illegali. Gli accordi di Abraham possono essere visti come un segno che la causa palestinese non determina più la situazione nella regione.

In contrasto con il dialogo a Baghdad tra Arabia Saudita e Iran, gli accordi significano che gli Stati Uniti continueranno a svolgere un ruolo di primo piano in Medio Oriente, anche se a Israele sarà consentito di agire come agente nel confronto con l’Iran. A novembre Israele, Bahrain ed Emirati Arabi Uniti hanno condotto un’esercitazione navale congiunta nel Mar Rosso, coordinata dagli Stati Uniti, inimmaginabile solo pochi anni fa.

“In un momento in cui gli elettori americani vogliono porre fine all’intervento militare in Medio Oriente, gli Accordi di Abraham mirano a mantenere l’egemonia americana nella regione, a un costo leggermente inferiore”, ha scritto l’esperta svedese-svedese Trita Parsi su The American Prospect. rivista.

Paracadutisti statunitensi in partenza dall'Afghanistan, agosto 2021.

Paracadutisti statunitensi in partenza dall’Afghanistan, agosto 2021.

Foto: Sra Taylor Crul / US Air / TT

3. Il ritorno dei talebani in Afghanistan

Non è stata una sorpresa che gli Stati Uniti abbiano lasciato l’Afghanistan dopo 20 anni di guerra. Era ovvio per molto tempo, se non prima, quando Donald Trump ha annunciato all’inizio del 2020 il ritiro degli americani e ha firmato un accordo con i talebani, senza consultare il governo cliente degli Stati Uniti a Kabul.

Quando Joe Biden si trasferì alla Casa Bianca un anno dopo, ereditò la guerra in Afghanistan, ma obbedì alla decisione di Trump di ritirarsi. Ci è voluto più tempo per organizzare l’immigrazione di massa: la data di fine è stata fissata per l’11 settembre, il ventesimo anniversario degli attacchi terroristici a New York e Washington nel settembre 2001. La guerra che gli Stati Uniti hanno iniziato a fermare i terroristi finirà finalmente per gli Stati Uniti.

L’insistenza di Biden sulla sua agenda non è stata inaspettata. Né che i talebani riprenderanno rapidamente il controllo di Kabul dopo la partenza degli Stati Uniti. Puoi leggerlo su DN e sulla stampa del resto del mondo. Ma poche persone pensavano che sarebbe andato veloce come un fulmine. Furono la Casa Bianca, la CIA e il Pentagono i più sorpresi dal rapido crollo, poiché i loro esperti prevedevano che l’esercito del governo afghano addestrato dagli Stati Uniti avrebbe potuto tenere a bada i talebani per mesi, se non anni.

L’8 luglio, Biden ha dichiarato in una conferenza stampa che non potrebbe essere come la caduta di Saigon nel 1975: “Non c’è alcuna possibilità che le persone vengano salvate dai tetti dell’ambasciata degli Stati Uniti. Impossibile confrontare. La probabilità dei talebani prendere il controllo dell’intero paese è molto piccolo.” .

Un combattente talebano svolge il suo dovere nel centro di Kabul, 20 dicembre 2021.

Un combattente talebano svolge il suo dovere nel centro di Kabul, 20 dicembre 2021.

Foto: Mohamed Rasfan/AFP

La fine della guerra divenne caoticaIl 15 agosto, i talebani conquistarono Kabul, prima che le ultime forze statunitensi partissero. Il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il paese. L’esercito afghano, con una forza di 300.000 soldati sulla carta, si è trasformato in una fantasia e si è fuso in pochi giorni.

I talebani, che hanno promesso di stabilire un regime “inclusivo”, hanno reintrodotto la rigida legge islamica e solo il governo talebano partecipa al governo. Una catastrofe umanitaria ha sostituito decenni di occupazione e guerra, poiché milioni di afgani sono minacciati di morire di fame. La necessità di assistenza e la mancanza di democrazia sono palesi, ma il mondo esterno non ha ancora deciso come – e se – fornire aiuto al Paese governato dai talebani.

READ  La polizia ha rilasciato la cauzione dopo le accuse di omicidio