TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medici iraniani: le forze di sicurezza sparano in faccia alle donne e fanno sesso – vogliono “distruggerne la bellezza”.

Nonostante i tentativi del regime iraniano di fermarlo, le proteste seguite all’uccisione del 22enne Mohseh Gina Amini vanno avanti da quasi dodici settimane. Migliaia di manifestanti sono stati arrestati e una persona è stata condannata a morte. Secondo le organizzazioni per i diritti umani, finora più di 300 persone sono state uccise in relazione alle proteste.

Le prime segnalazioni di forze di sicurezza del paese che hanno sparato contro gruppi di manifestanti sono arrivate alla fine di ottobre. Ora medici anonimi testimoniano a The Guardian che le donne vengono colpite in faccia, al seno e ai genitali, mentre i manifestanti maschi vengono colpiti principalmente alle gambe, ai glutei e alla schiena.

I medici ritengono che la ragione di ciò sia che le forze di sicurezza “vogliono distruggere la bellezza delle donne”.

Ho curato una donna di vent’anni che aveva due calcoli freddi nell’area genitale. Altri dieci proiettili conficcati nelle cosce. “È stato facile rimuovere gli ultimi due, ma è stato difficile estrarre gli altri due, perché erano incastrati tra l’uretra e l’apertura della vagina”, ha detto un medico alla rivista.

Il rischio di gravi infezioni vaginali

I manifestanti che cercano assistenza medica dopo essere stati colpiti da colpi di arma da fuoco o feriti in altro modo rischiano l’arresto negli ospedali, secondo i resoconti di testimoni oculari dall’Iran. Pertanto, molti sono costretti a cercare segretamente assistenza da medici che effettuano cure a casa.

“Era a rischio di sviluppare una grave infezione vaginale, quindi le ho chiesto di vedere un ginecologo che sapevo potesse aiutarmi. Mi ha detto che ha protestato quando un gruppo di dieci guardie di sicurezza li ha convocati e le hanno sparato alle cosce e al sesso”, dice lo stesso dottore.

READ  I commenti del Papa sulla Catalogna sconvolgono Madrid

Molti dei 10 medici contattati da The Guardian affermano di essere rimasti traumatizzati curando in particolare le donne manifestanti.

Tiro da distanza ravvicinata

Le forze di sicurezza usano principalmente “pallini per fucili”, che sono palline di plastica o metallo progettate per la caccia. I colpi sono spesso sparati a distanza ravvicinata e, secondo i medici, il rischio di danni permanenti, anche per le donne, è grande.

“Le truppe sparano alle donne in faccia e ai loro genitali perché hanno un complesso di inferiorità. “Stanno cercando di sbarazzarsi dei loro complessi sessuali sparando a queste giovani donne”, ha detto al giornale un altro medico anonimo.

Leggi anche: Proteste di massa in Iran: questo è successo

Leggi anche: Maryam, 32 anni, dall’Iran: “Nessuna pietà”

Leggi anche: Le forze iraniane sparano agli studenti manifestanti

Leggi anche: Le speranze di rivoluzione ribollono in Iran

Tra il 1978 e il 1979 ebbe luogo la Rivoluzione iraniana, durante la quale il monarca iraniano, Mohammad Reza Pahlavi, fu rovesciato e sostituito da un governo islamico.

Quindi Ruhollah Khomeini fu nominato Leader Supremo del Paese, che morì dieci anni dopo. Ha scelto Ali Khamenei come suo sostituto, che da allora è stato il leader supremo del paese, l’ayatollah.

Sotto il dominio di Khomeini e Khamenei, il paese ha subito drammatici cambiamenti. Nel Paese è stata introdotta la legge islamica della Sharia, il che significa un codice di abbigliamento più rigoroso sia per gli uomini che per le donne.

Fonte: Britannica.nu

Vuoi saperne di più su come GP lavora con un buon giornalismo? Leggi il nostro codice etico quaggiù.

READ  La famiglia a Leopoli si prepara alla fuga: il padre deve essere lasciato