TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Malfunzionamento del radar nucleare in Russia: punta all'Ucraina

Aggiornato il 16.01 | Pubblicato il 00.53

Secondo quanto riferito, l’Ucraina ha distrutto una stazione radar avanzata nelle profondità della Russia.

Ci sono voluti cinque anni per costruirlo ed è progettato per rilevare, ad esempio, i missili nucleari da lontano.

Newsweek ha scritto che l'attacco potrebbe significare che l'Ucraina ha oltrepassato una delle linee rosse di Putin.

Diversi media riferiscono che mercoledì i droni ucraini hanno attaccato un impianto radar nella città di Kovelkino, situata a 68 miglia all'interno del territorio russo nella sottorepubblica mordvina.

Scrive RBC Ucraina L'attacco è stato effettuato dall'intelligence ucraina. Anche il canale russo Telegram VChK-OGPU, che avrebbe fonti nelle forze di sicurezza di Putin, conferma e descrive l'attacco. Secondo la rivista Newsweek Come “di successo”.

Il radar si chiamava “Container 29B6” ed era l'unico del suo genere in Russia. Ci sono voluti cinque anni per costruirlo, è costato l’equivalente di più di un miliardo di corone ed è entrato in uso alla fine del 2019.

Stazione radar in Russia.

Molti maestri

Il sistema è costituito da un gran numero di alberi alti, una stazione radio e un comando separato. Secondo RBC Ucraina, proprio quest'ultimo è stato distrutto dai droni.

La struttura fa parte del sistema di sorveglianza russo per il rilevamento tempestivo di proiettili in arrivo, come i missili balistici in grado di trasportare armi nucleari. Questo è ciò che viene chiamato

OTH RadarSul radar dell'orizzonte Sfrutta la riflessione nella ionosfera attorno alla curvatura della Terra e può quindi arrivare più lontano dei radar convenzionali.

READ  Allarmi su ospedali sovraffollati nel Sud - Gli USA tornano con più di 100.000 casi al giorno

Secondo Newsweek, che cita l'agenzia di stampa TASS controllata dallo stato russo, il “Container 29B6” ha un'autonomia fino a 300 miglia. Tuttavia, ha una “zona cieca” in un raggio di 90 miglia più vicino agli alberi, L'ucraino scrive una difesa rapida. Secondo il giornale, questo potrebbe spiegare perché è stato localizzato finora in Russia, ma anche perché i droni che attaccano possono non riuscirci.

I media russi hanno riferito nel 2020 che un altro “container 29B6” sarebbe stato installato nell’enclave di Kaliningrad, fornendo alla Russia una copertura radar in tutta Europa.

Ma mentre aspettava che la costruzione fosse completata, la Russia era completamente dipendente dall’impianto ormai dismesso in Mordvinia, ha scritto Newsweek.

“Sarà molto difficile riempire il vuoto”, ha scritto VChK-OGPU.

“Forse ho oltrepassato la linea rossa di Putin”

Anche Newsweek lo nota L’attacco potrebbe significare che l’Ucraina ha oltrepassato una delle linee rosse previste dalla dottrina nucleare russa, aggiornata l’ultima volta nel 2020 da un decreto presidenziale di Vladimir Putin.

Si prevede, tra le altre cose, che le bombe nucleari russe possano essere schierate in caso di “influenza nemica su strutture statali o militari vitali, la cui incapacità operativa potrebbe invalidare le misure di risposta delle forze nucleari”.

I rappresentanti russi, incluso lo stesso Putin, hanno rilasciato più volte dichiarazioni verbali sulle armi nucleari dopo l’invasione, che è stata fortemente criticata nel mondo esterno. Tuttavia, gli Stati Uniti sono sempre stati chiari sul fatto che non ci sono segnali sul campo che la Russia abbia rafforzato i suoi preparativi nucleari.