TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Italia ha un problema senza il gas russo: "La bolletta è tre volte più alta rispetto all'anno scorso", dice l'imprenditore Renato Marani.

L'Italia ha un problema senza il gas russo: “La bolletta è tre volte più alta rispetto all'anno scorso”, dice l'imprenditore Renato Marani.

Dopo molte esitazioni, l’Italia ha aderito alla linea dell’UE e ha accettato all’unanimità di imporre sanzioni alla Russia. La sospensione del sistema bancario SWIFT e il rischio di interruzione della fornitura di gas rappresentano un nodo difficile per il Paese.

I prezzi del gas sono alle stelle e, senza fonti energetiche private e con una forte dipendenza dal gas per l’approvvigionamento energetico, si parla di un possibile razionamento. Allo stesso tempo, cresce la speranza che l’Italia possa finalmente iniziare a produrre energia rinnovabile.

Solo una settimana fa, l’Italia, insieme a Germania e Ungheria, era tra i paesi più riluttanti a includere SWIFT nelle sanzioni congiunte dell’UE contro la Russia. Hanno espresso preoccupazione per il fatto che tale decisione potrebbe significare che non sarebbe possibile effettuare i pagamenti per le importazioni di gas russo.

L’Italia è fondamentalmente priva di fonti energetiche proprie. Il paese importa il 40% del suo fabbisogno di gas dalla Russia ed è fortemente dipendente dal gas, più della Germania, ad esempio, che di fatto ottiene una quota maggiore delle sue importazioni di gas dalla Russia.

Draghi non è un politico, ma guarda soprattutto all’economia

Stefano Libero

L’Italia fa affidamento principalmente sul gas per la produzione di energia e non ha accesso a fonti energetiche diverse e alternative.

Ma non è stato facile per il Primo Ministro Mario Draghi prendere una decisione del genere.

Draghi non è un politico, ma guarda soprattutto all'economia, e quando si è trovato sotto la pressione di potenti gruppi di interesse economico, ha avuto paura delle conseguenze disastrose per l'economia, cosa che lo ha fatto esitare, dice Stefano Libre, giornalista economico ed editoriale scrittore del quotidiano La Stampa.

READ  Catherine Kellos Marsal: Se fai quello che hanno detto gli esperti dodici mesi fa, non avrai un buon anno

Ma una volta che l’Italia ha deciso di seguire gli altri paesi dell’UE e adottare la stessa linea dura contro Putin, non è stato possibile tornare indietro. Nel discorso di Draghi in Parlamento martedì ci sono stati altri accenti. La condanna di Putin è stata totale. Con o senza gas.

Cosa significa questo per l’Italia?

-Al momento l'Italia continua ad acquistare gas, anche se le consegne sono leggermente diminuite. Le discussioni su quali banche dovrebbero essere nell'elenco delle sanzioni sono ancora in corso, afferma Libre, aggiungendo:

– Se ci sarà un blocco totale, l’Italia potrà farlo fino all’estate.

Didascalia
Il coronavirus sta colpendo duramente l’Italia, che già soffre di un’economia carica di debiti, afferma Stefano Libre, giornalista finanziario ed editorialista del quotidiano La Stampa.

Foto: Christine Sandberg/Yale

Le centrali elettriche alimentate a carbone possono essere gestite e risparmiare energia

Ma il governo ha agito rapidamente. L’ultima cosa che il Paese vuole dopo la pandemia di Corona è che l’economia si fermi. Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è subito recato in Algeria, secondo Paese nella lista dei Paesi da cui l'Italia importa la maggiore quantità di gas, per assicurarsi e incrementare gli approvvigionamenti da lì.

Draghi ha anche dato il via libera alla possibilità di far funzionare, se necessario, una o più centrali elettriche a carbone nel Paese. A titolo precauzionale, il governo ha anche iniziato a parlare della possibilità di attuare la legalizzazione, se necessario.

Ma ciò che si è già avvertito è l’aumento dei prezzi dell’elettricità e del carburante.

“La bolletta elettrica di gennaio era quasi tre volte più cara rispetto allo scorso anno”.

Una persona che ha avvertito l'aumento dei prezzi dell'elettricità è l'imprenditore Renato Marani, proprietario di una fabbrica con circa 30 dipendenti che produce i telai metallici di molti elettrodomestici da cucina.

READ  Durante la crisi, la legna da ardere si è trasformata da un business di convenienza in un grande business

– La bolletta elettrica di gennaio di quest'anno è stata quasi tre volte più alta rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, passando da 3.400 a 8.800 euro. Dice che i prezzi continuano a salire.

Il motivo è che l'elettricità viene convertita in gas.

– In stabilimento utilizziamo il gas metano solo per il riscaldamento, e anche quest'anno è aumentato di circa il 50 per cento rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, spiega Marani.

Inoltre, abbiamo aumenti enormi e ridicoli dei prezzi delle materie prime e dei pezzi di ricambio necessari per la produzione. Questo problema è emerso durante la pandemia ed è ancora molto presente.

Per gli imprenditori che se lo possono permettere, dice, è solo questione di pagare i conti e realizzarlo. Ma i suoi dipendenti sono lì con lo stesso stipendio e costi più alti a casa. Sta cominciando a farsi sentire tra la maggior parte delle persone.

Buone condizioni per la produzione di energia solare ed eolica

Da alcuni mesi il governo sovvenziona gli alti prezzi dell’elettricità e sicuramente continuerà a farlo. Ma non è come l'esperienza del piccolo imprenditore Renato Marani. La maggior parte delle aziende del paese sono esattamente come le sue piccole e medie imprese.

Gianni Silvestrini, ricercatore e presidente del Kyoto Environmental Club, spera che questa situazione significhi una svolta per l'Italia per quanto riguarda la produzione di energia rinnovabile.

Da otto anni l’Italia non investe nelle energie rinnovabili, mettendosi così in questa difficile situazione. Ma si spera che ora ci sia un cambiamento forzato in questa crisi, dice.

Un uomo vestito di grigio parla al microfono.
Didascalia
Gianni Silvestrini dice che l'Italia si è messa in una posizione difficile perché il Paese non ha investito nelle energie rinnovabili.

Foto: Kristin Sandberg/YL

Secondo Silvestrini ci sono buone condizioni per la produzione di energia solare ed eolica in Italia.

READ  Direttiva volta a istituire un sistema in cui le norme fiscali del paese di residenza si applicano alle piccole e medie imprese

C'era interesse, ma i tempi di elaborazione delle autorizzazioni e altri ostacoli burocratici hanno sostanzialmente bloccato tutti i tentativi, dice.

– Ma sembra che la guerra abbia ora dato origine a una visione politica e alla richiesta da parte del mondo aziendale di renderci meno dipendenti dal gas e di riorganizzare la produzione di energia.

Silvestrini spera che questo, insieme alla pressione dell’Unione Europea per passare alle energie rinnovabili, porti a un cambiamento di rotta.

Nelle case italiane sarà inoltre necessario sostituire milioni di caldaie per il riscaldamento con pompe di calore più efficienti dal punto di vista energetico.