TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le preoccupazioni dell’Onu sulle condanne a morte russe: un crimine di guerra

I detenuti hanno preso parte alla difesa ucraina delle acciaierie Azovstal a Mariupol.

“L’organismo delle Nazioni Unite per i diritti umani è preoccupato per la cosiddetta Corte suprema dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, che ha condannato a morte tre soldati”, ha affermato la portavoce Ravina Shamdasani durante una conferenza stampa a Ginevra.

Dal 2015 abbiamo notato che il cosiddetto sistema giuridico in queste cosiddette repubbliche non ha seguito importanti garanzie di un processo equo, come udienze pubbliche, indipendenza e imparzialità in tribunale, e il diritto a non essere obbligati a testimoniare. Shamdasani sottolinea che tali processi contro i prigionieri di guerra costituiscono un crimine di guerra.

La corte separatista afferma che gli inglesi erano mercenari che hanno commesso terrorismo.

Secondo le famiglie degli uomini britannici, non furono a lungo mercenari o volontari senza soldati nell’esercito ucraino.

I due uomini britannici che si sono trasferiti in Ucraina nel 2018 hanno scritto BBC. Uno di loro è fidanzato con una donna ucraina, britannica e ucraina. L’altro è sposato con una donna ucraina, ha detto la sua famiglia alla BBC.

Sia il governo britannico che il pubblico ministero ucraino, Irina Venediktova, hanno affermato che le condanne a morte hanno violato la Convenzione di Ginevra.

READ  Hong Kong non dovrebbe onorare le vittime in Piazza Tiananmen