TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ambiente del tumore può influenzare la prognosi del cancro al seno



L’ambiente in cui si manifesta il cancro al seno, la forma corporea del paziente, le dimensioni del tumore e le proteine ​​specifiche del cancro, interagiscono e influenzano la prognosi. Lo dimostra uno studio ora pubblicato nel numero di agosto di Translational Oncology. La conoscenza può migliorare ulteriormente la cura accurata del cancro al seno.

Brevi fatti di studio: cancro al seno/ricerca clinica ed epidemiologica pubblicata in una pubblicazione peer-reviewed/studio quantitativo avviato da ricercatore/studio prospettico di coorte con circa 1.000 pazienti con cancro al seno.

I progressi significativi nella diagnosi e nel trattamento hanno migliorato la sopravvivenza dei pazienti con cancro al seno negli ultimi decenni. Negli ultimi anni molti studi si sono concentrati sulle caratteristiche del tumore e sulla sua importanza nella diagnosi. È sempre più chiaro come, ad esempio, le dimensioni e le caratteristiche molecolari di un tumore, nonché l’ambiente circostante, possano influenzare il modo in cui i farmaci vengono somministrati nel trattamento del cancro al seno e nell’uccisione delle cellule tumorali.

La ricerca ora dell’Università di Lund rafforza l’immagine che la struttura corporea (BMI) di un paziente interagisce con il tessuto circostante in cui il tumore sta crescendo e potrebbe essere importante per la prognosi. Lo studio si basa sulla ricerca precedentemente osservata all’Università di Lund dal professor Matthias Belting, tra gli altri, che ha studiato le proteine ​​tumore-specifiche e la loro importanza per l’assorbimento dei farmaci antitumorali.

I risultati dell’attuale studio si basano su quasi 1.000 pazienti con cancro al seno che hanno subito un intervento chirurgico presso lo Skåne University Hospital tra il 2002 e il 2012. I ricercatori hanno studiato le dimensioni del tumore, le cellule dei tessuti circostanti, la forma del corpo del paziente e una proteina chiamata Caveolin-1 (*vedi dati). La proteina si deposita nelle membrane cellulari di tutte le cellule, sia nelle cellule tumorali che nelle cellule che circondano un tumore, dove è coinvolta nel trasporto di varie sostanze (compresi i farmaci) nelle cellule. I pazienti sono stati poi seguiti nel tempo.

READ  La vaccinazione contro il corona ha ridotto la diffusione del contagio tra le famiglie

– Abbiamo scoperto che va bene avere poca o nessuna Caveolina-1 nelle cellule intorno al tumore se sei un peso normale, o se hai un piccolo tumore, ma è vero il contrario se sei in sovrappeso o un tumore più grande. Christopher Gudina, uno studente di dottorato presso il Dipartimento di Oncologia dell’Università di Lund, spiega l’importanza di contestualizzare il tumore.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati, ma i risultati suggeriscono che la proteina Caveolin-1 può essere utilizzata come marker che offre agli operatori sanitari una diagnosi più accurata e supporta le opzioni di trattamento per i pazienti con cancro al seno.

– Il nostro studio indica l’importanza di tenere conto delle caratteristiche del paziente e non solo delle caratteristiche del tumore. La quantità di Caveolin-1 può essere influenzata da farmaci già approvati, ma sono necessari ulteriori studi poiché non è chiaro quale effetto abbiano questi farmaci sul cancro al seno. L’ambiente delle cellule tumorali in ogni paziente differisce in molti modi, ad esempio in termini di grado di infiammazione nel corpo e nelle cellule che circondano il seno.afferma Helena Gernstrom, professoressa di oncologia con un focus sull’epidemiologia integrativa del cancro presso l’Università di Lund, che ha condotto lo studio.

Contatto
Helena Gernstrom, professoressa di oncologia con un focus sull’epidemiologia integrativa del cancro presso l’Università di Lund. Telefono: 046-177719, Email: [email protected]
Christopher Godina, dottorando nel gruppo di ricerca Helena Gernstrom, email: [email protected]

Editoria
L’interazione tra la caveolina-1 e il corpo e le dimensioni del tumore influenza l’esito clinico del cancro al seno
Oncologia traslazionale agosto 2022E il https://doi.org/10.1016/j.tranon.2022.101464

READ  Lo studio mostra gli effetti devastanti a lungo termine di COVID-19

Lo studio è stato condotto con il supporto della Cancer Foundation, Ms. Berta Kamprad Foundation, Lund University School of Medicine, Southern District Health Care (fondi ALF).

* Fatto Kavolin-1Proteina della caveolina-1, che si trova nelle membrane cellulari e influisce sul trasporto di varie sostanze (come i farmaci) nelle cellule. La caveolina-1 si trova nelle membrane cellulari ricche di colesterolo e regola anche l’interazione tra le cellule tumorali, le cellule circostanti e il paziente.



——————
Stampa Contatta la Facoltà di Medicina dell’Università di Lund
: Katrin Ståhl, 046-222 01 31, 0725-27 97 97, [email protected]

Lund University è stata fondata nel 1666. Ci sono 46.000 studenti e oltre 8.400 dipendenti a Lund, Helsingborg e Malmö. Siamo uniti nella nostra ricerca per comprendere, spiegare e migliorare le condizioni del nostro mondo e dei nostri popoli. Lund University è stata più volte classificata come una delle 100 migliori università al mondo. Iscriviti alla nostra newsletter Apropå! Alcuni dei nostri 5.000 ricercatori commentano l’attualità: https://www.lu.se/kategori/nyhetsbrevet-apropa

tag: