TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova situazione in Europa: il contagio si sta diffondendo anche nei Paesi dove molti sono vaccinati

La nuova situazione in Europa: il contagio si sta diffondendo anche nei Paesi dove molti sono vaccinati

Perché il Corona virus è così difficile da sconfiggere? Cosa è successo a quell’immunità di gregge che avrebbe fermato l’infezione?

I governi dei paesi dell’UE sono costretti a fare i compromessi che speravano di evitare. È tempo di un altro arresto? Misure speciali rivolte a chi non è stato vaccinato? O anche l’introduzione della vaccinazione?

procedure difficili Fa male all’economia solo quando è iniziata la ripresa. Sottolineano una popolazione già impoverita dopo più di un anno di difficoltà.

E non meno importante, aumenta la divisione nella società – tra vaccinati e non vaccinati. Gli estremisti prendono l’acqua nei loro mulini.

Durante le proteste in tutta Europa lo scorso fine settimana, i governi democraticamente eletti sono stati paragonati al medico nazista Josef Mengele e molti indossavano stelle ebraiche gialle. La violenza è scoppiata a Bruxelles, L’Aia e Rotterdam.

Una manifestazione a Bruxelles contro le misure contro il virus.

Foto: Hatem Kagat/Belga/AFP

Austria con un parente Poche vaccinazioni e una curva di infezione in forte aumento sono state all’avanguardia di nuove restrizioni. Lì, la comunità è di nuovo chiusa, mentre dal 1° febbraio vengono introdotte le vaccinazioni obbligatorie.

Il governo di Vienna è concentrato sull’assicurare che più persone facciano iniezioni, se necessario costringendole a farlo.

Lo stesso vale in molti paesi confinanti con l’Austria, dove la prevalenza del contagio è oggi la più alta al mondo e la copertura vaccinale è bassa: Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia. In questi paesi sono state messe in atto restrizioni che colpiscono specificamente i non vaccinati.

Ad est, in Romania e Bulgaria, la situazione resta disperata con ospedali sovraffollati. Questi paesi hanno la peggiore copertura vaccinale dell’Unione europea.

Un reparto covida in un ospedale di Bucarest, in Romania.

Un reparto Covida in un ospedale di Bucarest, Romania.

Foto: Vadim Gerda

Ma lo sconcerto Con la situazione attuale è che la comunicazione non sembra più così semplice.

Sicuramente i Paesi con un basso tasso di vaccinazione sono i più colpiti in assoluto, in termini di numero di morti e di ricoverati in terapia intensiva. E in tutta Europa, i non vaccinati consumano di più, in quasi alcuni luoghi, i letti d’ospedale.

Ma tra i paesi in cui le infezioni stanno aumentando più rapidamente, ce ne sono molti che hanno una copertura vaccinale superiore all’80% della popolazione adulta, un livello che la maggior parte degli epidemiologi avrebbe descritto all’inizio dell’epidemia come sufficiente per eliminare l’infezione.

Questo vale, per esempio Germania, Danimarca e Paesi Bassi. Ci sono più persone infette ora che mai durante una pandemia e le curve sono rivolte verso l’alto.

Informazioni sui paradenti alla porta di un negozio a Mühldorf am Inn, nel sud della Germania.  Mercoledì, il paese ha riportato 336 decessi per coronavirus e quasi 4.000 ricoverati all'IVA.

Informazioni sui paradenti alla porta di un negozio a Mühldorf am Inn, nel sud della Germania. Mercoledì, il paese ha riportato 336 decessi per coronavirus e quasi 4.000 ricoverati all’IVA.

Foto: Christoph Staci/AFP

Sebbene il tasso di mortalità non sia così alto qui come nell’est, i numeri sono preoccupanti in molti luoghi. La Germania ha riportato 336 morti mercoledì e quasi 4.000 sono stati ricoverati all’IVA. Ogni giorno viene battuto un nuovo record nel numero di persone infette.

Allo stesso tempo banche Il numero di morti e feriti in Romania è veloce, nonostante il paese sia ancora in grado di vaccinare metà della popolazione tedesca.

Sembra capovolto Lo scienziato. Il corona virus non smette mai di stupire. È “difficile”, come dice di solito Anders Tegnell.

Esistono numerosi fattori che controllano la diffusione e la mortalità del virus, molti dei quali potrebbero essere ancora sconosciuti alla ricerca. Può riguardare qualsiasi cosa, dalle caratteristiche dei diversi vaccini al sovraffollamento e al modo in cui è organizzata l’assistenza in hospice.

Se stai ancora cercando di vedere uno schema, puoi dividere approssimativamente i paesi dell’UE in tre gruppi, in base al livello di vaccinazione, all’ammissione all’IVA e al livello di prevalenza dell’infezione.

1 il primoIl gruppo più colpito è costituito dai paesi a est della vecchia cortina di ferro.

Qui la resistenza ai vaccini è maggiore che in Occidente e il tasso di vaccinazione è molto più basso. Qui il sistema assistenziale è in condizioni peggiori, anche per il fatto che molti medici e infermieri sono emigrati.

Questi paesi hanno generalmente adottato misure drastiche, tra cui la chiusura e la chiusura delle scuole, nel 2020, ma poi hanno emanato quasi tutte le regole.

Il risultato è che molti paesi di questa regione oggi sono i più colpiti al mondo in termini di mortalità pro capite.

Anche la scala iva per milione fornisce un quadro desolante. Bulgaria e Slovacchia sono le peggiori dell’Unione Europea e anche in Romania la situazione è disperata nonostante il calo dei contagi.

Le infezioni sono in aumento in Grecia, tra gli altri luoghi.

Le infezioni sono in aumento in Grecia, tra gli altri luoghi.

Foto: Thanassis Stavrakis / AP

2 il secondo gruppo Sono i paesi occidentali in cui l’infezione sta guadagnando slancio ora, in molti casi nonostante l’elevata copertura vaccinale. Come Germania, Austria, Paesi Bassi, Irlanda, Danimarca, Belgio e Grecia.

I contagi sono in aumento anche in Francia e Regno Unito, ma il livello è ancora lontano dal picco precedente.

È comune in questi paesi in generale che l’assistenza sanitaria sia di alto livello. Questo, combinato con una grande percentuale di vaccinatori, significa che il tasso di mortalità e il numero di pazienti IVA vengono mantenuti, almeno per ora.

I paesi di questo gruppo hanno anche varie forme di blocco e chiusura delle scuole nel 2020.

I residenti di una casa di cura nel nord della Spagna riceveranno una terza dose del vaccino Corona alla fine di settembre.

I residenti di una casa di cura nel nord della Spagna riceveranno una terza dose del vaccino Corona alla fine di settembre.

Foto: Alvaro Barrientos / AP

3 Il terzo gruppo sono i paesi in cui l’incidenza è attualmente a un livello basso. Come Svezia, Spagna, Italia e Portogallo. Anche qui sono pochissime le iva accettate.

È comune in questi paesi avere un alto livello di vaccinazione, e forse anche il fatto che saranno esposti alla prima ondata dell’epidemia più di altri, nonostante strategie molto diverse nel 2020.

Per saperne di più:

Johan Nilsson: Milioni di persone in Europa non hanno assolutamente alcuna protezione

“È solo questione di tempo prima che qualcuno venga colpito”.

In Europa crescono le proteste contro la diffusione del virus Corona

Jizeki: Non la stessa diffusione dell’infezione come in altri paesi

Sempre più pazienti vengono completamente vaccinati nell’IVA

READ  Record di produzione vinicola francese dopo il gelo