TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kamil parla del suo ruolo in House of Gucci di Cotein.

Circa dieci anni fa, è stato scoperto nella serie comica “Connas”, dove realizza un’esilarante parodia a basso budget di un cattivo ficcanaso parigino. “Chiama il mio agente!” Dopo la vittoria! Camille è diventata la più grande attrice francese esportata dalla giungla dopo Marion Cotillard. “Chiama il mio agente!” Il personaggio di Andrea Martell, la cameriera amorevole che ripassa dentro i cadaveri, ha aperto le porte a Hollywood. Basato su Elizabeth Tanner, un noto agente stellare del cinema francese. Anche nel reality “House of Gucci” di Ridley Scott, interpreta una persona reale nella giungla, la donna più attratta dal re della moda Mauricio Gucci (Adam Driver), che ha lasciato sua moglie Patricia Regiano (Lady Gaga).

Lady Gaga ha recentemente parlato del suo violento “metodo di recitazione”, dove ha parlato per mesi con accento italiano, vomitando sul disco e richiamando ricordi di abusi per comunicare con il suo personaggio. Camille sembra avere un rapporto molto sereno con il suo piccolo ma significativo personaggio perché non è così strano che solo Paola Franci nel film sia ritratta come una persona ragionevolmente ragionevole e perbene in una famiglia piena di stranezze egoiste.

– Non ho mai incontrato Paula Francie prima del film, ma penso che a Ridley Scott piacessi perché mi vedeva come un estraneo, e Camille Gatin ride un po’ dicendo che l’ho rappresentato per lui.

Som Pavla Franchi di Kamil Forest I “Casa di Gucci”.

Foto: © MGM / Courtesy Everett Collection

Ha ottenuto quel ruolo facendo un’audizione Lì si è filmata in modo classico. L’intervista di dieci minuti con Paula Franஞ்சois è stata la fonte di ispirazione dall’ultimo giorno del processo in cui Regiano e altri tre sono stati condannati per l’omicidio di Mauricio Gucci nel 1995.

– Ho cercato di catturare la sua voce e il modo in cui era in quel momento, era così triste e pesante per lei. Ho immaginato Paula come una persona che amava veramente Mauricio e piangeva la sua perdita, ma era sulla strada giusta. Questo ha fortemente influenzato la mia interpretazione. Sarebbe stato emozionante fare di più, ma Camille Gottin dice su uno schermo a Londra, dove Pavla è soprattutto attraverso il personaggio frustrato e arrabbiato di Lady Gaga, dove il film ha recentemente debuttato al suo gala.

Non è un grande consumatore di crimini reali, ma pensa che la “Casa di Gucci” offra la maggior parte delle cose in questo contesto.

– È affascinante che alcune delle persone che incontri non abbiano disciplina. Tutto si disintegra e si trasforma in un vortice di frustrazione, odio e autodistruzione, che alla fine diventa mortale e porta all’omicidio. Seguire la vita della famiglia Gucci è incessantemente interessante ma molto spaventoso.

Christian vestito come il rivale francese della casa di moda italiana Gucci, il suo rapporto con la moda sembrava rilassato, come un abito elegante, bianco e facile da indossare con una cravatta dorata lucida indossato sul tappeto rosso alla premiere di gala del film a Londra . Dior.

– Penso che sia molto interessante quando la moda racconta una storia, quando va di pari passo con l’arte, il teatro, il cinema e la musica e riflette le rivoluzioni dell’arte.

Innan “Casa di Gucci” Pronta per la prima, Camille Cotein ha già interpretato Matt Damon nel thriller drammatico “Stillwater” che ha gareggiato a Cannes. “Spotlight” è un film del regista Tom McCarthy che è scomparso nell’alluvione quando i cinema hanno riaperto negli Stati Uniti (è diventato un film commerciale in Svezia) ma è stato molto prezioso. Lì interpreta una madre colta a Marsiglia, dove subisce un intervento chirurgico in un paese e in una cultura in cui non comprende i perduti operai americani della raffineria di petrolio di Damon. Il suo personaggio Virginie è un altro brav’uomo con un grande cuore.

– Sì, se hai intenzione di parlare di una cosa in comune quando si tratta delle mie foto ora, sembra che all’estero ci sia un preciso bisogno di agire come persone che stanno saldamente a terra e si prendono cura degli altri.

“Chiama il mio agente.”

Foto: Christophe Brachet

Questa primavera, “Chiama il mio agente!” La notizia è arrivata. Ritorna sia in un film che in una quinta stagione.

– Tutto dipende dalla sceneggiatura, ovviamente, finora nulla di chiaro da quello che so. Quando si tratta di film, è decisamente più difficile scrivere bene per un cast, perché il formato è così minimale. Vediamo, dice Godin.

Ma lei è chiaramente interessata Come Andrea Martell lascia il suo lavoro in agenzia alla fine della quarta stagione della serie per prendersi più cura di sua moglie e dei suoi figli e come gestisce la sua nuova vita.

– Questo mi sorprenderà, e lei è soddisfatta di essere una madre a tempo pieno e vuole lavorare di più per questo, dice Gottin.

– Quello che mi manca di questa serie è che la sceneggiatrice Fanny Herrero è stata così brillante che la serie, nonostante la sua forma umoristica, ha continuato a trattare vari temi sociali attuali. Andrea LGBTQ è un forte simbolo del mondo e del diritto di fondare una famiglia in una relazione omosessuale, ma questa serie affronta molte questioni importanti come la retribuzione delle donne, l’uguaglianza e anche il meto. Anche questo, insieme alla sensazione di essere dietro le quinte in un affascinante mondo di celebrità, penso sia cruciale per il successo della serie.

Sì, cerca di essere il più semplice possibile per i suoi agenti.

– Ho molta simpatia per loro, hanno fatto grandi cose per me, quindi non posso lamentarmi, ahah.

“Chiama il mio agente!”

Foto: Netflix

READ  I consigli dello chef per preparare la pizza italiana perfetta a casa