TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova ondata colpisce duramente l’Africa: dovrebbe essere la peggiore pandemia

Durante la pandemia di Corona, l’Africa è stata uno dei continenti meno colpiti in termini di numero di casi segnalati. Un totale di 5,3 milioni di persone sono state confermate infette, di cui 139.000 sono morte.

D’altra parte, da metà maggio, la diffusione dell’infezione è aumentata, contrastando la tendenza al ribasso globale. Durante questo periodo, è stato osservato un aumento in 20 paesi.

Nell’ultima settimana, il numero di nuovi casi è aumentato di oltre il 30% rispetto alla settimana precedente. La maggior parte dei nuovi casi è stata segnalata in Sud Africa, seguita da Zambia e Namibia. Ma anche l’Uganda e il Kenya stanno assistendo a curve di infezione in aumento.

Gli esperti ora avvertono Che la terza ondata possa colpire con più forza dell’onda precedente.

“Con tassi di infezione in rapido aumento e un numero crescente di segnalazioni di malattie gravi, l’ultima ondata rischia di diventare la peggiore in Africa fino ad oggi”, afferma Machidiso Moeti in una nota.

Crede che l’aumento possa ancora essere frenato, ma le possibilità stanno diminuendo sempre di più. Se non succede nulla, la nuova ondata dovrebbe battere i record nel numero di persone infette all’inizio di luglio.

Uno dei motivi dell’aumento è che le persone stanno diventando meno in grado di seguire le misure di controllo delle infezioni, secondo Machidiso Moeti, che sta anche esortando gli Stati a rendere accessibili ai cittadini i paradenti.

Allo stesso tempo, la diffusione può essere della variante delta è parte della causa, secondo il capo dell’Autorità africana per le malattie infettive, John Nkengasong. La variante è stata finora rilevata in almeno 14 paesi, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

READ  Dopo la notizia del cessate il fuoco - Eva spera di entrare a Gaza

John Nkengasong avverte anche della bassa copertura vaccinale nei paesi africani.

– Siamo totalmente indietro. Semplicemente non abbiamo un vaccino, dice all’Associated Press.

Solo l’1% circa degli 1,3 miliardi di persone in Africa è stato vaccinato. Dei 2,7 miliardi di dosi di vaccino distribuite durante la pandemia, solo l’1,5% è stato somministrato nel continente.

OMS Chef Tedros Adhanom Ghebreyesus ha più volte criticato la distribuzione disomogenea del vaccino a livello globale e ha invitato i Paesi occidentali a partecipare Con loro dalle dosi.

Inoltre, la Covax Partnership, che fornirà vaccini ai paesi a basso e medio reddito, non è progredita come previsto. Entro marzo dovevano essere distribuite 100 milioni di dosi. Due mesi dopo, a metà maggio, Covax aveva raggiunto solo circa 60 milioni di dosi.

– Machidiso Moeti afferma che la mancanza di vaccini sta già prolungando la sofferenza del COVID-19 in Africa.

Dice anche che l’OMS sta facendo tutto il possibile per pareggiare la fornitura mondiale di vaccini e assicurarsi che i paesi africani ricevano dosi sufficienti per proteggere le loro popolazioni.

Leggi di più sulla pandemia di Corona qui

Requisiti per la protezione orale indoor quando l’infezione si diffonde in Israele