TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Josephine Reinblum Berg sulle minacce contro Marcus Berg

Josephine Reinblum Berg sulle minacce contro Marcus Berg

Nella prima del Campionato Europeo della Svezia contro la Spagna lo scorso giugno, terminata 0-0, Marcus Berg ha perso una chiara occasione da rete.

Successivamente, l’odio e le minacce si sono riversate sui social media per il giocatore dell’IFK a Göteborg e il personale di sicurezza della Federcalcio svedese ha deciso di inviare le guardie a casa di Berg a Göteborg e le minacce sono state segnalate alla polizia.

– Posso sopportarlo, sono in una stanza d’albergo in Spagna. So cosa hai passato. So quando le cose vanno bene o male. So che stavo per segnare gol. Lo so! capisci? Scrivo che sono il peggiore, non me ne potrebbe fregare di meno. Ma quando colpisce le persone che li circondano… ecco perché ero lì quando il sindacato ha detto: “Stiamo parlando di questo”, Marcus Berg ha detto al GP lo scorso autunno.

La moglie di Marcus, Josephine Rainblum Berg, era a casa a Göteborg con i tre figli della coppia, di dieci, otto e cinque anni.

a esprimere Ringblom ha raccontato a Berg i sentimenti che hanno permeato l’evento la scorsa estate.

– Quando ero allora, era orribile. Dice che non sapevano quando sarebbe finita o come sarebbe finita.

“Minacciare, inserire e scrivere commenti sessuali inappropriati sui figli di qualcuno è così lontano dal bersaglio. Nel mio mondo non riesco a capire come le persone possano essere così coinvolte”, ha scritto Josephine su Instagram dopo l’evento.

“Dov’era quel confine sfocato?”

Evolvi per esprimere:

– Ero così sconvolto. Ero ferito, ero triste, ero arrabbiato. Sei sui social da molto tempo, avresti dovuto ricevere commenti su di te e sulla tua ragazza ma non a quel livello. Questo è diventato molto minaccioso e spiacevole. Hai superato un confine per il quale non eri pronto e questo è inaccettabile.

READ  TV: Zlatan viene cacciato da qui

Dopo l’incidente, Josephine Renblum-Berg ha iniziato a essere più coinvolta nella questione, nell’odio e nelle minacce sui social media.

– Non riesco a capire come qualcuno possa stare seduto a casa dietro un telefono o un computer e inviarlo a qualcuno. Dove erano sfocati quei confini? Dove, quando, come e perché stava bene? È una conversazione difficile da avere, ma vorresti quasi sederti con qualcuno e chiedere perché. Per capire cosa vogliono da esso?

Successivamente, il caso relativo alle minacce alla famiglia Berg è stato archiviato.

Il GP ha precedentemente esaminato l’odio e le minacce contro i calciatori svedesi e diversi capitani delle squadre ad Allsvenskan e ha testimoniato a Superettan su come sono stati smascherati.

“La gente vorrebbe che tu fossi morto per poter fare pipì sulla tua tomba”, ha detto il capitano dell’AIK ed ex giocatore della nazionale Sebastian Larsson.

Leggi anche: Marcus Berg parla di odio massiccio

Leggi anche: Testimonianza del capitano della squadra: Siamo odiati e minacciati

Leggi anche: Persecutore del giocatore della Nazionale: “La gente si morde”

Leggi anche: Persecutore del giocatore della Nazionale: “La gente si morde”

Leggi anche: Una grande tempesta di odio contro i giocatori della nazionale

Vuoi saperne di più su come funziona GP con un buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico qui.