TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johan Eske: Essere lì e giocare l'uno per l'altro è tutto ciò che la Svezia dovrebbe fare

Johan Eske: Essere lì e giocare l’uno per l’altro è tutto ciò che la Svezia dovrebbe fare

Cos’è la coesione di squadra?

Una foto del parco di Copenhagen rappresenterà sempre la risposta.

Quando la stella danese Christian Eriksen si è sdraiata sull’erba e lo staff medico ha lottato per la sua vita, i giocatori si sono riuniti intorno a lui come scudo, protezione, supporto.

Qualunque cosa accada, sarà la foto degli Europei di calcio 2021.

I suoi colleghi erano lì per lui e per l’altro. Ma sono riusciti a esistere per se stessi e per i loro sentimenti individuali?

Il giorno dopo era È facile dire che è stato un errore continuare a giocare contro la Finlandia. Chi può dire quando sarà opportuno giocare per i giocatori danesi?

Penso (!) che i giocatori come squadra sentivano di voler giocare per Eriksen. Cosa vogliono personalmente? Cosa provavano veramente?

Quando hanno il tempo di elaborare ciò che è successo abbastanza da prendere decisioni razionali per continuare a giocare? Forse non prima della fine degli Europei. È diverso per individui diversi. Ed è questo che è una squadra, individui diversi.

I giocatori svedesi hanno inviato un saluto al loro compagno di squadra danese in merito all’ultimo allenamento in vista della prima del Campionato Europeo della squadra.

Foto: Andreas Hård / SvFF / Bildbyrån

L’occasione della Svezia contro di loro È sempre stato un grande giocatore nel mondo del calcio per giocare l’uno per l’altro ed essere più forte come squadra.

La nuova nazionale spagnola, avversaria lunedì a Siviglia, ha dimostrato la sua forza di squadra. Giocatori e leader sanno come possono essere colpiti da crisi personali e tragedie.

Nel 2018, i giocatori svedesi si sono uniti a Jimmy Durmaz quando è stato oggetto di odio e razzismo durante la Coppa del Mondo.

Nel 2019, i giocatori spagnoli sono stati costretti a unirsi quando sono stati improvvisamente senza un capitano per la loro squadra nazionale.

Luis Enrique l’ha appena ricevuto Essere il capitano della squadra nazionale in una partita durante il suo primo gruppo come capitano della squadra nazionale nel marzo 2019. Prima della seconda partita, ha lasciato la squadra per stare con sua figlia che ha il cancro.

Nel settembre dello stesso anno morì. Due mesi dopo, Enrique tornò al lavoro.

Luis Enrique prima di una conferenza stampa durante le qualificazioni agli Europei che ha dovuto annullare.

Luis Enrique prima di una conferenza stampa durante le qualificazioni agli Europei che ha dovuto annullare.

Foto: Vegard Wivestad Grøtt / Bildbyrån

Lo sport in generale e il calcio in particolare sono forti e belli quando sono in grado di confortare e sostenere in una crisi. Pertanto, la frustrazione è stata grande all’inizio dell’epidemia.

Il calcio e lo sport sono qualcosa che finisci per fare quando altrimenti sarebbe sciocco. Non possiamo farlo in questo momento e penso che sarà un’altra dimensione in questo per molti, ha detto il capitano della squadra nazionale Jan Andersson durante un’intervista a Lidingo nell’aprile 2020.

Adesso è sport Correre. Ora il mondo è abituato a convivere con l’epidemia. La scorsa settimana, alle squadre spagnole e svedesi è stato ricordato quanto sia difficile fermare il virus.

La Svezia non ha bisogno di presentare un test PCR per testare la possibilità di vincere il derby Covid contro la Spagna.

Tutti sanno che la risposta è no. Tutti conoscono la storia.

La Svezia si ritirò in Spagna con grandi speranze, tornò a casa e li superò in astuzia. 4-0 1998, 3-0 2007, 3-0 2019.

Allora è allora e ora è ora? Non sarà più facile di prima.

Tiki Takan è morto. Lo stile offensivo della Spagna è ora almeno più vario e impegnativo.

La squadra spagnola sembra diversa ora rispetto a prima, ma questo non rende più facile una visita a La Cartuja. I blocchi di Barcellona e Real Madrid di allora con giocatori esperti sono ora giocatori più giovani provenienti da più luoghi e club.

Christian Eriksen pensa Quel sabato sera sarà un gioco. È diventata una lotta per la vita o la morte. Eriksen è sopravvissuto. Questo è tutto ciò che conta.

La Svezia non deve battere la Spagna per avere buone possibilità di qualificarsi agli Europei. È un primo spettacolo insolito per la Svezia nel torneo.

La partita non va vinta, c’è tutto per vincerla.

Domenica, una squadra della nazionale svedese ha sostenuto un saluto tradotto che ha parlato dell’intero mondo del calcio. Combattimenti cristiani.

Lunedì la Svezia esce a giocare tra di loro e l’uno per l’altro e non importa cosa ne pensi il resto di noi. Ciò che conta è che in questa band c’è la convinzione di rendere l’apparentemente irreale una realtà.

commozione stasera.

Leggi di più:

Johan Eske: La pandemia ha causato una crisi dell’airbag per Anderson

Johan Eske: Le foto di Eriksen non erano così tragiche quanto orribili

Johan Eske: la Norvegia ha fatto così male a perdere il campionato europeo di calcio

READ  I saltatori competono per nuove medaglie di campionato a settembre