TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Intel introduce Graphics Xe per i data center

Dopo anni di attesa e ritardi, la scorsa settimana Intel ha annunciato che la quarta generazione di Xeon Scalable, nome in codice “Sapphire Rapids”, è finalmente pronta per una sorta di lancio il 10 gennaio 2023. Ora, altri pezzi si uniscono al puzzle del server in una forma di famiglia Max orientata al data center, dove, tra l’altro, emerge il progetto grafico “Ponte Vecchio”.

Proprio come con le schede grafiche Arc sia su consumer che Postazione di lavoroPer inciso, l’architettura Intel Xe è la base per le nuove schede di calcolo, ma sotto forma di Xe-HPC anziché Xe-HPG. Qui, l’azienda punta a data center e supercomputer con schede di interfaccia PCI Express e cosiddetti moduli OAM.

Nel design completo, è un circuito grafico con 128 core Xe, rispetto ai 32 che si trovano nell’ACM-G10 orientato al consumatore nell’Arc A770 orientato al consumatore. È accompagnato da fino a 128 GB di memoria ad alta larghezza di banda (HBM) e fino a 64 MB e 128 MB di cache L1 e L2, rispettivamente. Molti core Xe significano anche molto di più tracciamento dei raggi– Corso (m. unità di ray tracingRTU) e Intel sottolineano inoltre che ciò è utile per il rendering più pesante.

Per la variante connessa tramite PCI Express, sono implementati 56 core Xe e 48 GB di memoria HBM, con la possibilità di collegare tra loro più schede di calcolo tramite bridge Intel Xe Link. Qui, Intel sta recuperando terreno con Nvidia in termini di alimentazione e implementa il nuovo standard 12VHPWR con il connettore a 16 pin associato.

La famiglia Max non include solo la grafica. Anche i processori appartengono alla serie. Lì, Xeon Max è la novità, c’è anche la base Imminenti “Rapide dello zaffiro”. Come previsto patata frittaDesign conveniente, con quattro cerchi più piccoli contenenti un massimo di 15 centri ciascuno. Ciò fornisce un totale di 60 core, ma nel caso dello Xeon Max si arriva a un massimo di 56 core attivi.

Xeon Max è il primo processore basato su x86 con HBM integrato, qualcosa che secondo Intel dovrebbe fornire un adeguato incremento delle prestazioni nei carichi che includono, ad esempio, simulazione, apprendimento automatico o gestione di database.

newsroom-max-series-wallpaper.jpg

Con la famiglia Max, Intel sta compiendo un altro passo avanti verso la realizzazione del modello scalabile in cui l’azienda ha investito così tanto. In parte con un layout che può essere scalato dalla grafica integrata nei processori alle schede di calcolo avanzate per i data center, in parte riunendo i membri della famiglia Max. Processori e circuiti grafici dovrebbero funzionare in modo ottimale insieme, una disposizione comune non del tutto diversa dal concetto di Nvidia con la sua architettura grafica “Grace” e “Hopper” basata su ARM.

Tuttavia, la stessa Intel confronta principalmente la famiglia Max con la serie EPYC 7003 di AMD “Milan-X”, in cui l’architettura Zen 3 è combinata con una cache impilata. Secondo i dati sulle prestazioni dell’azienda, le prestazioni sono circa il doppio, come risultato del passaggio alla memoria HBM. Tuttavia, dobbiamo ancora capire quanto bene Intel sia attrezzata per affrontare il prossimo “genova” di AMD con un massimo di 96 core Zen 4.

READ  World of Warcraft: L'ira del Re dei Lich Classic

Maggiori informazioni sulla grafica di workstation e data center: