TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

India: qui il coronavirus si sta diffondendo il più velocemente possibile

L’India è sempre stata sotto i riflettori come Paese che si è leggermente ripreso dalla pandemia del Coronavirus. Entro la fine dell’anno, sono stati registrati quotidianamente tra 15.000 e 20.000 nuovi casi nel secondo paese più popoloso del mondo con una popolazione di oltre 1,3 miliardi.

Ora la situazione è l’opposto. L’India è il motore del contagio e nelle ultime settimane è stato difficile stare al passo con gli sviluppi. Durante le vacanze di Pasqua vengono allertati quotidianamente 80.000 nuovi casi. Una settimana dopo, il numero era di poco superiore a 150.000. Il livello ora si avvicina a 300.000 casi registrati al giorno. Inoltre, la cifra oscura è colossale, poiché la capacità di test è debole o assente in molte aree delle zone rurali.

quello che è successo? Esperti in India spiegano il massiccio aumento del numero di persone che ignorano il rispetto delle restrizioni, mentre diverse elezioni statali, partite di cricket e un importante festival indù hanno riunito decine di milioni di persone. Anche le mutazioni del virus possono influenzare lo sviluppo. La variante britannica in rapida espansione sta diventando sempre più diffusa La nuova variante indiana con doppie mutazioni Sono stati scoperti in almeno cinque stati.

Epidemiologo di stato In precedenza, Anders Tegnell aveva detto a DN Simili drastici aumenti si sono verificati in molti paesi durante la pandemia, ed è raramente possibile indicare una causa reale.

Incoronazione di una donna a Nuova Delhi.

Foto: Navin Sharma / SOPA Images / Shutterstock

La diffusione dell’infezione è attualmente maggiore Nella capitale, New Delhi, con circa 25.000 nuovi casi al giorno. Ci sono segnalazioni di mancanza di ossigeno e prezzi di droghe volgari sul mercato nero. Quando c’erano solo circa 100 letti d’ospedale liberi in una città di circa 20 milioni di persone, il primo ministro Arvind Kejriwal ha deciso lunedì di estendere il blocco e il coprifuoco per il resto della settimana.

Se non affrontiamo un blocco ora, affronteremo un grave disastro, afferma secondo i media indiani.

Inoltre, Bombay, Ahmedabad, Lucknow e molte altre grandi città hanno imposto il coprifuoco e rafforzato le restrizioni su diversi tour. Le misure hanno portato i lavoratori migranti, che lavoravano a giornata nelle fabbriche e nei cantieri delle grandi città, a tornare nei loro villaggi d’origine. Sia a Delhi che a Bombay, le code sono lunghe alle stazioni degli autobus e dei treni.

La stessa cosa è successa la scorsa primaveraQuando circa 80 milioni di persone hanno iniziato a tornare a casa, molte di loro erano a piedi e in condizioni di estrema difficoltà. Allora, come adesso, le autorità furono portate a letto. Non c’è possibilità di testare o isolare l’afflusso di persone che ora arrivano in stati poveri come Bihar e Uttar Pradesh, e c’è il rischio che l’infezione possa diffondersi rapidamente in nuovi luoghi.

Coda alla fermata dell'autobus a Need Delhi.

Coda alla fermata dell’autobus a Need Delhi.

Foto: Gliss Andrabi / AFP

– Troppe persone (lasciando le grandi città) ci hanno reso sbilanciati, Srinath Reddy dice, Presidente della Public Health Foundation of India per il New York Times.

Il primo ministro Narendra Modi Il suo governo nazionalista indù è stato criticato per non essere preparato alla seconda ondata. Ora stanno cercando di accelerare la campagna di vaccinazione per migliorare la situazione. Lunedì è arrivata la notizia da New Delhi che a maggio la vaccinazione è diventata gratuita per tutti a partire dai 18 anni. Il governo sta anche fornendo più sostegno finanziario per aumentare la produzione di vaccini.

L’India vaccina poco più di tre milioni di persone al giorno e 124 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino. Lo dice un epidemiologo alla BBC Bahramar Mukherjee Che ce ne sono pochissimi. Per stare al passo con la diffusione dell’infezione, più di dieci milioni di persone devono essere vaccinate ogni giorno.

Sono frustrato dal fatto che l’India non abbia aumentato il tasso di vaccinazione quando la curva di prevalenza dell’infezione era bassa. È molto più facile farsi vaccinare quando molte persone non sono malate. Ora la capacità di cura è stata combattuta tra vaccinazioni e cura delle arterie coronariche.

In India sono stati approvati due vaccini – Covaxi dell’azienda indiana Bharat Biotech e vaccino Astra Zeneca, concesso in licenza in India dal Serum Institute di Pune con il nome Covishield.

L’impianto, situato a Pune, nello stato del Maharashtra, dovrebbe produrre 1,5 miliardi di dosi di vaccino quest’anno. L’istituto del siero ha finora venduto 64 milioni di dosi a 85 paesi durante la pandemia, ma per circa un mese l’India ha sostanzialmente bloccato tutte le esportazioni. Il vaccino prodotto in India dovrebbe andare principalmente ai bisogni locali.

Il Serum Institute di Pune è il più grande produttore di vaccini al mondo.

Il Serum Institute di Pune è il più grande produttore di vaccini al mondo.

Fotografia: Rafiq Maqbool (AP

Il Serum Institute, a sua volta, ha avvertito che gli Stati Uniti avevano smesso di esportare prodotti chimici, tubi flessibili, filtri e pezzi di ricambio necessari per la produzione. Il proprietario dell’azienda, Adar Bunawala, venerdì ha invitato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a riprendere l’esportazione di materie prime per dimostrare che il mondo è unito nella lotta contro il virus Corona. Il Serum Institute si aspettava di produrre 100 milioni di dosi al mese a partire da marzo, ma l’obiettivo è ora spostato all’estate.

Le ultime settimane Diversi paesi hanno sospeso il traffico aereo verso l’India a causa dell’ulteriore diffusione dell’infezione. Lunedì è arrivata la notizia che il primo ministro britannico Boris Johnson avrebbe annullato la sua visita programmata in India la prossima settimana

L’India ha circa 15 milioni di casi confermati di COVID-19. Secondo la compilation della Johns Hopkins University. Solo gli Stati Uniti hanno registrato più casi di corona. Morirono poco meno di 180.000 persone. L’aumento dei decessi non è grande quanto il numero dei feriti. Ciò può essere in parte spiegato dal fatto che il paese ha una popolazione molto piccola, con più della metà di età inferiore ai 25 anni.

Per saperne di più: FHM sulla variante indiana: ha il potenziale per essere più contagioso

READ  Questa potrebbe essere la causa degli effetti collaterali del vaccino Astra Zeneca