TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Metabolismo e sonno legati alla SLA |

Il sintomo comune della SLA, la sclerosi laterale amiotrofica, è la debolezza muscolare strisciante che si diffonde in diverse parti del corpo e alla fine porta alla paralisi. I ricercatori sospettano da tempo che i cambiamenti nel metabolismo del corpo, tra le altre cose, influenzino lo sviluppo di una malattia neurologica incurabile e fatale.

sa Petersén è professore di neuroscienze all’Università di Lund e medico senior in psichiatria. Voleva indagare su come il metabolismo è correlato alla SLA ed è responsabile del nuovo studio pubblicato in Neuropatologia e Neurobiologia applicata.

Esiste un chiaro legame tra metabolismo e SLA, anche se i meccanismi sottostanti sono sconosciuti. Il fattore di rischio per lo sviluppo della SLA è il fisico magro mentre protegge un BMI elevato. Precedenti studi hanno dimostrato che un aumento del metabolismo è associato a un decorso più rapido della SLA. È stato anche notato che oltre alla debolezza muscolare e al metabolismo alterato, le persone colpite possono anche essere influenzate dal sonno e dalla disregolazione emotiva, afferma Osa Petersen.

200 ricevono la SLA in Svezia ogni anno

La SLA, la sclerosi laterale amiotrofica, è un gruppo di malattie neurodegenerative. Nella SLA, le cellule nervose della corteccia motoria, del tronco encefalico e del midollo spinale muoiono. L’effetto sui neuroni nella SLA è correlato all’accumulo di diversi tipi di proteine ​​nelle cellule nervose. Un sintomo comune è la debolezza muscolare strisciante che si diffonde in diverse parti del corpo e alla fine porta alla paralisi. I muscoli si raggrinziscono.

Poco più di 200 persone si ammalano in Svezia ogni anno e la maggior parte ha un’età compresa tra i 45 ei 75 anni. Il tempo medio di sopravvivenza è da due a quattro anni. Non esiste un trattamento per ridurre la malattia.

READ  Più di cento ricercatori del KI hanno ricevuto fondi nell'ultimo bando dello Swedish Research Council

Cooperazione con l’Australia

Il metabolismo, il sonno e la regolazione delle emozioni sono controllati dal centro ormonale cerebrale nell’ipotalamo. Il gruppo di ricerca Petersén ha goduto di una proficua collaborazione a lungo termine con il nuovo dottore onorario della Facoltà di Medicina, la professoressa Glenda Halliday, Università di Sydney. Halliday è il principale riferimento internazionale nelle malattie neurodegenerative. In studi già pubblicati, questa collaborazione ha dimostrato cambiamenti patologici nell’ipotalamo nella demenza del lobo frontale e in un’altra malattia neurodegenerativa, la malattia di Huntington.

Sanaz Jabri, un borsista post-dottorato e aspirante medico, ha condotto analisi del tessuto cerebrale di pazienti affetti da SLA che hanno portato i ricercatori a una nuova ipotesi sul ruolo dell’ipotalamo nella SLA.

La nostra ipotesi era che l’ipotalamo fosse anche influenzato dalla SLA e che specifici gruppi di neuroni che controllano con precisione il metabolismo, il sonno e la regolazione delle emozioni siano danneggiati.

Sono stati condotti studi nel laboratorio di Petersén a Lund sul tessuto cerebrale di pazienti affetti da SLA deceduti a Sydney e sul tessuto di controllo intatto. Gli studi si basano su una raccolta altamente sistematica di materiale clinico proveniente dall’ambiente di ricerca e dalle banche del cervello in Australia, istituita dalla professoressa Glenda Halliday per un periodo di molti anni. Uno dei primi autori è un neurologo Dr. Rebecca Ahmed ha raccolto dati clinici da queste persone presso la clinica SLA di Sydney, dove lavora.

L’ipotalamo è più piccolo nei pazienti con SLA

– I nostri risultati mostrano che l’ipotalamo è più piccolo nei pazienti con SLA e che i gruppi di neuroni che producono sostanze che regolano il metabolismo, il sonno e le emozioni sono danneggiati. Queste sostanze sono orexina e ossitocina. Questi neuroni sono anche influenzati da un accumulo di una proteina correlata alla malattia chiamata TDP-43, afferma Sanaz Jabri.

Il numero di neuroni che producono orexina e ossitocina è inferiore nel tessuto cerebrale dei pazienti con SLA rispetto ai gruppi di controllo. Queste sostanze regolano il metabolismo, il sonno e le emozioni del centro ormonale cerebrale nell’ipotalamo e possono partecipare al decorso della malattia nella SLA. Foto: Snaz Jabri

La ricerca ha dimostrato che la SLA fa parte di un gruppo di malattie che includono anche la demenza del lobo frontale e che il denominatore comune è il modo in cui i neuroni vengono attaccati dalla proteina TDP-43 (43- Potassio acido). È una proteina che ha importanti funzioni nelle cellule nervose come la regolazione dei geni espressi e il modo in cui le sostanze vengono trasportate all’interno delle cellule. Non è ancora chiaro come TDP-43 causi questa malattia neurodegenerativa.

READ  Esercizio: esercizi, consigli e ispirazione

In un’altra collaborazione internazionale, Åsa Petersén ha dimostrato che l’ipotalamo è più piccolo nelle immagini con telecamera magnetica di pazienti affetti da SLA e di individui con predisposizioni genetiche specifiche associate alla malattia.

I nostri nuovi risultati mostrano che ci sono cambiamenti specifici nell’ipotalamo che potrebbero essere collegati al metabolismo interessato, al sonno e alla regolazione emotiva alterata nella SLA, afferma sa Petersén.

Vuoi indagare sul nesso di causalità

Il prossimo passo per i ricercatori della SLA a Lund è studiare questi cambiamenti in un materiale più ampio e in modo più dettagliato.

Condurremo ulteriori ricerche sul modo in cui l’ipotalamo è influenzato dalla SLA ed esamineremo se possiamo dimostrare una relazione causale diretta tra i cambiamenti ipotalamici specifici e il metabolismo interessato e possibilmente compromissione delle capacità motorie nella malattia. Speriamo di identificare nuovi punti di attacco per futuri trattamenti per la SLA.

Materiale scientifico:

Perdita di metabolismo e sonno che regola i gruppi di neuroni che esprimono orexina e ossitocina nell’ipotalamo nella SLA. Neuropatologia e Neurobiologia applicata21 marzo 2021.

Contatto:

Collegamento alla pagina personale di Åsa Petersén sul portale di ricerca
Link alla pagina personale di Snaz Jabri nel portale di ricerca