TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Adesso saremo vaccinati contro l’ansia

Andrew Fox ha iniziato esponendo 46 giovani macachi rhesus alla tipica situazione terrificante in cui un essere umano entra nella loro gabbia senza stabilire un contatto visivo con gli animali.

Sono state valutate le interazioni di diverse scimmie e quindi il ricercatore ha utilizzato una serie di metodi biomolecolari per identificare i geni la cui attività nell’amigdala potrebbe essere collegata all’interazione delle scimmie.

Uno di questi geni era NTF3, che codifica per una specifica molecola di segnalazione. Più il gene è attivo nell’amigdala della scimmia, maggiore è la tendenza della scimmia a calmarsi nella situazione temuta.

Andrew Fox ha inserito il gene in un virus innocuo e lo ha iniettato nelle tonsille di cinque scimmie su dieci, che nel primo test hanno mostrato una paura uniformemente moderata.

La procedura è simile a quella utilizzata nei vaccini sperimentali a DNA o RNA contro, ad esempio, covid-19.

In questo caso, la teoria alla base dell’esperimento era che il virus avrebbe infettato le cellule nervose dell’amigdala e indotto a produrre grandi quantità della molecola di segnalazione, proprio come nelle scimmie che avevano meno paura al primo test.

Quando gli umani hanno visitato le cinque scimmie vaccinate ed hanno evitato il contatto visivo, avevano molta meno paura delle altre cinque scimmie non vaccinate.

Andrew Fox e colleghi non sanno esattamente come il gene NTF3 tenga a bada la paura, ma ipotizzano che la molecola di segnalazione stimoli la formazione di una rete di neuroni che sopprimono l’attività dell’amigdala.

I ricercatori ora esamineranno questo aspetto in modo più dettagliato. Si aspettano che il metodo sia l’inizio di un modo completamente nuovo di trattare e prevenire l’ansia negli esseri umani.

READ  Un'analisi critica degli studi sulla terapia ormonale in menopausa

“NTF3 è la prima molecola che siamo stati in grado di dimostrare la sua associazione con la paura nelle scimmie. Potrebbero essercene centinaia o addirittura migliaia”, afferma Andrew Fox.