TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il tiratore di Buffalo si dichiara colpevole di crimini d’odio | GP

Più specificamente, l’ormai diciannovenne delinquente riconosce l’omicidio e l’omicidio come un crimine di odio e terrorismo interno. Ha anche ammesso di aver tentato di uccidere tre persone.

Ciò significa che passerà il resto della sua vita dietro le sbarre.

Quando gli è stato chiesto dal giudice se la diciannovenne avesse ucciso ogni vittima a causa del colore della sua pelle, ha risposto: “Sì”. I suoi avvocati dicono che ora si rammarica delle sue azioni.

“Era importante sapere perché queste preziose vite ci sono state rubate per nessun motivo diverso dal colore della loro pelle”, ha detto il sindaco di Buffalo Byron Brown dopo la confessione dell’autore.

L’uomo è anche in tribunale per essere processato con diverse accuse federali, che potrebbero portare alla pena di morte.

L’azione si è svolta il 14 maggio, quando il tiratore ha percorso 20 miglia da casa sua nella comunità di Conklin per eseguire la sparatoria di massa. Il negozio di alimentari dove ha sparato si trovava in una zona dove vivevano molti neri e la maggior parte delle vittime erano nere.

L’autore indossava un elmetto, un giubbotto antiproiettile e indumenti mimetici ed era armato con un fucile semiautomatico AR-15.

Era convinto della “supremazia bianca” ed era alimentato dalla fede in una diffusa teoria del complotto secondo cui esisteva un piano senziente per sostituire i bianchi con persone di altre razze.