TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il regime censura i post relativi alle proteste in Cina

Grandi folle si sono radunate domenica nella capitale, Pechino, ea Shanghai, dove la polizia si è scontrata con i manifestanti in diverse località.

Lunedì, l’agenzia di stampa francese AFP ha riferito che la polizia ha arrestato due persone e le ha portate via da un luogo a Shanghai, dove i manifestanti si erano radunati nel fine settimana.

Lunedì la polizia cinese non ha risposto al numero di persone arrestate durante le manifestazioni, nonostante le ripetute richieste di Agence France-Presse.

Per saperne di più: ‘Apri, apri’ – Centinaia di persone hanno manifestato contro le rigide restrizioni del coronavirus a Pechino

Ci sono state anche segnalazioni Sulle dimostrazioni delle università di tutto il paese e sulla raccolta di informazioni di centinaia di persone nella città multimilionaria di Wuhan.

Secondo quanto riferito, le giovani donne portavano fogli di carta bianchi bianchi, un simbolo di censura. I manifestanti avrebbero anche gridato “No ai test rapidi, abbiamo bisogno di cibo” e “No al lockdown, sì alla libertà”.

Le proteste contro le dure regole anti-coronavirus si stanno registrando in un numero sempre maggiore di luoghi in Cina. Allo stesso tempo, sono state sollevate critiche anche contro il Partito comunista ei manifestanti hanno chiesto le dimissioni del leader Xi Jinping.

I post compaiono il lunedì mattina Agence France-Presse ha riferito, sui social media, che le manifestazioni erano state epurate e censurate dalle autorità.

I termini di ricerca “Liangma River” e “Urumqi Road”, i luoghi delle proteste a Pechino e Shanghai, non mostrano alcuna traccia delle proteste sulla piattaforma cinese Weibo.

Anche i video di studenti universitari che cantano e dimostrazioni in altre città sono scomparsi dalla popolare app Wechat, sostituiti da un messaggio che indicava che i post erano stati contrassegnati come “contenuti sensibili”.

READ  Afghanistan vicino al confine: le forze statunitensi si ritirano prematuramente

A Shanghai è stato arrestato Un giornalista della BBC viene arrestato dalla polizia cinese mentre segue una manifestazione di piazza. È stato preso a calci e pugni al momento dell’arresto e trattenuto per diverse ore prima di essere rilasciato, secondo la BBC.

La BBC è profondamente preoccupata per il trattamento riservato al giornalista Ed Lawrence, che è stato arrestato e ammanettato mentre copriva le proteste a Shanghai, afferma un portavoce della società di servizi pubblici britannica.

Anche un portavoce del primo ministro britannico Rishi Sunak ha condannato l’arresto.

L’arresto di questo giornalista che stava solo facendo il suo lavoro è scioccante e inaccettabile. Secondo il portavoce, i giornalisti dovrebbero poter svolgere il proprio lavoro senza paura.

— Continueremo a sollevare questioni relative ai diritti umani con il governo cinese a tutti i livelli.

Il punto critico delle proteste di questa settimana è stato l’incendio di un appartamento nella città di Urumqi nello Xinjiang che ha ucciso dieci persone giovedì. Molti sostengono che le restrizioni abbiano esacerbato le conseguenze dell’incendio dell’appartamento. Ma i funzionari hanno negato le accuse e hanno detto che non c’erano ostacoli per i residenti a fuggire dall’edificio.

Leggi di più:

Pechino – la Città Proibita dove chiunque può essere messo in quarantena in qualsiasi momento

Marian Bjorklund: Il contratto del Partito Comunista con il popolo si è notevolmente indebolito