TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ritorno di Sjöström alla distanza dell'oro: "Test"

Il ritorno di Sjöström alla distanza dell’oro: “Test”

La promettente stella del nuoto è tornata alle Olimpiadi di Cannes, in Francia, all’inizio di giugno, dopo un incidente scivoloso e un intervento chirurgico al gomito a febbraio.

Poi c’erano i 50 e i 100 metri stile libero nel programma. È principalmente rivolto al nuoto a stile libero a Tokyo.

Ma ha lasciato una piccola apertura per la farfalla.

Alle gare di questo fine settimana a Roma si deciderà la classica del venerdì-domenica Sette Colli, che nuoterà nei 50 e 100 stile libero e nei 50 e 100 farfalla. La distanza corta della farfalla non è disponibile nel programma olimpico.

“Ancora discutibile”

Sjöström in precedenza aveva affermato di essere riluttante a nuotare la medaglia d’oro olimpica del 2016 a Tokyo in un mese.

Il motivo è che a causa dello stress sul suo braccio, non è stata in grado di iniziare ad addestrare le farfalle fino all’ultimo mese circa.

– C’è ancora il dubbio. Adesso proverò. Se mi shock e nuoto un po’ per 57 secondi, puoi pensarci. Quando sei alle Olimpiadi, vuoi essere parte dello spettacolo. Non hai bisogno di fare la fila in un ramo dove non vado oltre. È qui che mi trovo ora nella farfalla, dice.

Al ritorno al French Canet, ha nuotato 24,68 nei 50 metri stile libero e 54,84 nei 100 metri stile libero, a solo uno e tre secondi dal suo record mondiale di distanza.

– Ora hai qualcosa con cui confrontarti e ovviamente vuoi di meglio. Cerco di non pensare troppo ai tempi ma cerco di pensare di più a come nuotare. So che c’è ancora molto da fare con la forza del braccio e così via, dice Sjöström che si è operato l’8 febbraio.

READ  Sophia Cabell parla del ruolo di una porno star in Pleasure - Kulturnytt di P1

“cercando di essere realistici”

Può essere facile quando diventi sempre più forte dimenticare che ti sei rotto il braccio a febbraio. Pensi di non essere bravo come di solito in questo periodo dell’anno, ma poi devi cercare di ricordare che ci vogliono più di sei mesi per recuperare forza e resistenza nel braccio, dice.

Trinidad e Tobago: senti la pressione che mancano solo un mese alle Olimpiadi?

– Sto cercando di godermi i progressi che ho fatto. Le Olimpiadi non sono l’obiettivo finale, la marcia continua. Continuerò con la riabilitazione e tornerò più forte dopo. Ci saranno gare questo autunno e la prossima estate. Le Olimpiadi saranno una delle tante competizioni, sembra strano dirlo, ma la situazione è la stessa.

– Sarebbe incredibile se riuscissi a superare i peggiori tempi di pausa alle Olimpiadi, ma cerco di essere realistico e lo vedo anche nel lungo periodo.

Tutti gli svedesi gareggeranno alle Olimpiadi ad eccezione della saltatrice a rana Sophie Hanson a Roma. Inoltre, quelli che lo fanno ora hanno un’ultima possibilità di qualificarsi per le Olimpiadi. Thérèse Chammar, che a sorpresa è tornata alla francese Canet, puntando ad essere una riserva nelle gare a squadre di Tokyo, nuota esattamente come i 50 e 100 metri stile libero.