TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Covid-19 aumenta il rischio di infarto e ictus

Un nuovo studio dell’Università di Umea, pubblicato su The Lancet, mostra che il rischio di infarto e ictus aumenta di tre volte nelle prime due settimane dopo aver contratto il COVID-19.

Lo scopo dello studio era quello di indagare se COVID-19 è un fattore di rischio acuto per infarto e ictus Anne Marie Force Connolly, ricercatore presso il Dipartimento di Microbiologia Clinica dell’Università di Umeå e autore principale dello studio.

Nelle prime due settimane dopo il COVID-19, abbiamo visto un aumento di tre volte del rischio di infarto e ictus, ha affermato.

Ischemia significa un ictus causato da un coagulo di sangue.

Il più grande studio fino ad oggi

Lo studio si basa su tutti gli 86.742 pazienti COVID-19 in Svezia tra febbraio e il 14 settembre 2020 e 348.481 pazienti. I ricercatori hanno confrontato l’incidenza di infarto miocardico e ictus nei pazienti COVID-19 con quella dei soggetti di controllo.

È il più grande studio pubblicato fino ad oggi che esamina il rischio di infarto e ictus in COVID-19.

Il rischio è stato calcolato utilizzando due diversi metodi statistici, afferma Force Connolly.

Abbiamo ottenuto gli stessi risultati in entrambi i modi.

Inoltre, lo studio mostra che il rischio di infarto e ictus durante la terza e la quarta settimana dopo il COVID-19 raddoppia.

È importante vaccinarsi

La ragione dell’aumento del rischio di ictus e infarto miocardico con MERS-CoV non è nota.

Lo studio mostra quanto sia importante la vaccinazione. Soprattutto per gli anziani, afferma Ann Marie Force Connolly.

Ioannis KatsularisUn cardiologo, studente di dottorato presso il Dipartimento di sanità pubblica e medicina clinica e co-primo autore dello studio, è d’accordo.

READ  Le abitudini dei giovani durante la pandemia di Coronavirus preoccupano l'Agenzia di sanità pubblica

Ha detto: “I risultati indicano che gravi complicanze cardiovascolari possono rappresentare un’importante manifestazione clinica del virus Covid-19. I nostri risultati mostrano anche l’importanza della vaccinazione contro il Covid-19, in particolare gli anziani, che sono più suscettibili alle malattie cardiovascolari”. dice in un comunicato.