TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I talebani occupano la seconda città più grande dell’Afghanistan

Giovedì Herat, la terza città più grande del Paese, è caduta nelle mani dei talebani. E in tarda serata, l’agenzia di stampa AP ha riferito sul suo sito web che anche Kandahar era stata occupata. L’informazione è arrivata da funzionari locali dell’omonima prefettura.

Così, i talebani controllano 12 dei 34 capoluoghi di provincia del Paese.

In serata, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato di aver iniziato l’evacuazione della sua ambasciata a Kabul e il rimpatrio del personale:

“Avremo una presenza diplomatica più piccola a causa dell’attuale situazione della sicurezza”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price in una conferenza stampa.

3000 soldati

Il Pentagono ha annunciato che 3.000 soldati avrebbero collaborato all’operazione. Le prime truppe arrivano entro 24-48 ore, afferma il portavoce John Kirby. Secondo i media, l’aeroporto di Kabul sarà una base per le truppe. Kirby assicura solo che i soldati stanno andando laggiù.

– Sembra una missione di salvataggio. Mostra quanto sia grave la situazione, afferma Jan Hallenberg, esperto di politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti e capo della ricerca presso il TT Foreign Policy Institute.

La decisione riguarda principalmente il personale civile dell’ambasciata di Kabulam. Il numero elevato di dipendenti che hanno lasciato non è stato annunciato durante la conferenza stampa. D’altra parte, l’ambasciata dovrebbe rimanere aperta e attiva.

Poco dopo l’annuncio degli Stati Uniti, la Gran Bretagna ha fatto un annuncio simile. Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha annunciato che 600 soldati britannici sarebbero stati inviati in Afghanistan per “sostenere la presenza diplomatica” e “aiutare i cittadini britannici a partire”.

READ  Una "svolta storica" ​​con una chiara legge sul clima dell'UE

Sulla base dello scenario, l’Unione Europea ha annunciato che i talebani avrebbero assunto il potere formale sul Paese. Il ministro degli Esteri Josep Borrell ha dichiarato in una nota che qualsiasi paese esposto alla violenza sarà congelato e non sarà riconosciuto dall’Unione europea.

Continuando a cadere

All’inizio della giornata, anche Ghazni, situata 150 chilometri a sud-ovest della capitale e città di importanza strategica, situata su un’autostrada che collega Kabul con la città meridionale di Kandahar, è caduta. Anche lì infuriano aspri combattimenti tra i talebani e le forze governative.

Secondo Jan Hallenberg, il ritorno degli americani è l’unica cosa che può fermare i talebani. Ma in questo caso deve essere preceduta da un’enorme catastrofe umanitaria.

Se Kabul crollerà completamente nel prossimo futuro, se vedremo orribili sofferenze umane in televisione e i diplomatici americani verranno evacuati in elicottero, allora forse il presidente Joe Biden dovrà fare qualcosa. Ma dice che rimane altamente improbabile.

La maggior parte delle capitali occupate si trova nelle parti settentrionali del Paese, dove in precedenza il movimento aveva difficoltà a prendere piede.

Sistemarsi in tavola?

Gli islamisti mirano ad occupare la più grande città del nord, Mazar-i-Sharif. Il presidente afghano Ashraf Ghani è volato lì mercoledì nel tentativo di coinvolgere i signori della guerra locali nella difesa della città.

L’agenzia di stampa francese ha citato una fonte citata dall’agenzia di stampa francese secondo cui il governo centrale, sotto pressione, ha offerto ai talebani un accordo di condivisione del potere. La proposta deve essere stata presentata dai negoziatori della parte governativa attraverso i mediatori durante i colloqui in Qatar.

– La proposta significa che i talebani otterranno parte del potere in cambio dell’arresto della violenza nel Paese, secondo la fonte della squadra negoziale da parte del governo.

READ  L'assassinio del presidente di Haiti: è qui che è stata fatta irruzione nella casa di Moise

Ma perché i talebani dovrebbero acconsentire a questo? chiede Jan Hallenberg.

Non si arrenderanno finché non prenderanno il potere. Dice perché stanno vincendo.

Gli analisti si aspettavano che i talebani guadagnassero terreno quando le forze straniere guidate dagli Stati Uniti iniziarono a ritirarsi dal paese a maggio. Ma molti sono rimasti scioccati dal rapido successo degli islamisti.

Bivaras ta Kabul

I talebani hanno controllato la maggior parte dell’Afghanistan tra il 1996 e il 2001, quando il suo regime profondamente conservatore è stato rovesciato nell’invasione guidata dagli Stati Uniti in seguito agli attacchi dell’11 settembre.

Gli Stati Uniti non hanno intenzione di fermare il ritiro dopo 20 anni, che dovrebbe essere completato in poche settimane. Il presidente Joe Biden ha detto giorni fa che spettava alle forze afghane difendersi.

Finora, tuttavia, gli Stati Uniti, che ora si trovano fuori dal paese, continuano a fornire supporto aereo al governo afghano.

Ma Washington non sembra nutrire grandi speranze che i talebani possano essere respinti. Una fonte della difesa ha detto a Reuters che un’analisi dell’intelligence statunitense ha stimato che i talebani, come uno dei tanti possibili scenari, potrebbero circondare Kabul entro un mese e forse anche catturare la città entro tre mesi.

– Temo che Kabul cadrà in poche settimane, dice Jan Hallenberg.

Una delegazione talebana è arrivata per colloqui a Doha, dove il governo centrale avrebbe offerto loro una divisione dei poteri. Foto: Hussain Syed/AP/TT

Fatti: talebani

L’ideologia dei talebani combina un’interpretazione fondamentalista dell’Islam con l’antico simbolo culturale del pashtunwali, dal nome del gruppo etnico pashtun che costituisce la spina dorsale dei talebani.

Il movimento è nato ufficialmente nel 1994, ma le fondamenta sono state gettate molto prima nei campi profughi pakistani dove molti afgani sono fuggiti dall’invasione sovietica nel 1979.

Dopo la sconfitta e il ritiro dell’Unione Sovietica nel 1989, seguì la cosiddetta Guerra di Continuazione, quando i signori della guerra che combatterono, con il sostegno degli Stati Uniti, tra gli altri, rivolsero le armi l’uno contro l’altro.

I talebani hanno promesso di sostituire il caos con l’ordine. Nel 1996, il movimento occupò la capitale, Kabul, e controllò la stragrande maggioranza del paese fino all’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2001.

L’esercizio del potere da parte dei talebani è stato conservatore, brutale e arbitrario. La musica è stata vietata, le esecuzioni sono state eseguite in pubblico, la libertà delle donne è stata severamente limitata e l’istruzione delle ragazze è stata interrotta.