TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli sviluppi alla Riksbank sono stati esagerati

Gli sviluppi alla Riksbank sono stati esagerati

I numeri di inflazione di oggi sono stati sorprendentemente alti. Il tasso di inflazione secondo l’indice dei prezzi delle materie prime, ovvero la variazione rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, a marzo è stato del 6,1%. Si tratta del tasso di inflazione più alto dal dicembre 1991 e in aumento rispetto a febbraio, quando il tasso di inflazione era del 4,5%. Secondo il consenso degli analisti, ci si aspettava un aumento del 5,6%.

Claes Eklund, capo economista dello studio legale Mannheimer Swartling, osserva che l’inflazione ha sorpreso al rialzo per diversi mesi consecutivi. Anche l’impennata è ampia e non riguarda più interruzioni occasionali dell’approvvigionamento. Qui fa notare che le previsioni di Riksbank erano completamente sbagliate.

L’inflazione più alta dal 1991 – “ci ha sorpreso di nuovo al rialzo”

Gli sviluppi alla Riksbank sono stati esagerati. Le previsioni erano completamente sbagliate e la banca ha perso credibilità. Pertanto, il prezzo del documento aumenterà molto più velocemente di quanto precedentemente riportato dalla banca”, afferma e continua:

Ma è un compromesso difficile. Da un lato, devi premere i freni per dimostrare che stai riprendendo il controllo e, dall’altro, c’è il rischio che questo possa portare il paese in recessione. Il giudizio delle generazioni future sulle azioni della Riksbank durante la crisi non sarà generoso».

Dice che l’inflazione dovrebbe essere vicino al massimo, ma c’è il rischio che gli aumenti dei prezzi prendano piede e influenzino le richieste salariali nel movimento di contrattazione collettiva.

Quindi l’inflazione scenderà più lentamente di quanto sarebbe stato nella maggior parte delle previsioni, il che a sua volta costringerà Riksbank a salire più in alto di quanto è in gioco oggi. Ma l’evoluzione è molto incerta. “Putin, guerra, petrolio, gas, corona: molti fattori esterni possono giocare”, dice.

READ  Iver acquisisce Nogui, un'azienda IT che fornisce servizi in container, operazioni basate sulla conoscenza e sicurezza informatica

Si ritiene che l’inflazione di per sé non danneggi il mercato azionario se è dovuta a una flessione dell’economia. Tuttavia, i numeri di inflazione che stiamo vedendo ora sono in gran parte dovuti a crisi esterne che hanno colpito diverse imprese e settori in modo diverso.

“Gli aumenti dei tassi di interesse in arrivo ora non vanno bene nemmeno per il mercato azionario. Quindi il consiglio di base è che il mercato azionario nel suo insieme sta andando peggio, ma lo sviluppo dei vari sottosettori avrà un aspetto diverso”, afferma. .