TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

cirkulär ekonomi

Economia Circolare, Risoluzione del Parlamento Europeo sul Piano d'Azione

La recente decisione del Parlamento europeo sul piano d'azione della Commissione europea definisce la via da seguire per il suo rafforzamentoEconomia circolare Nel vecchio continente.

molto divertente Green Deal europeo, presentato da Ursula von der Leyen l'11.12.19, ha cominciato a concretizzarsi in iniziative concrete. Prestando attenzione anche ai diritti dei consumatori a prodotti durevoli e riparabili, nonché alla correzione delle informazioni.

Prendere in considerazione Obiettivi di sviluppo sostenibile
(Obiettivo di sviluppo sostenibile) 12)Consumo e produzione responsabili) e 15 (Vita sulla Terra), nell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, nonché l'obiettivo di raggiungere la neutralità climatica nell'Unione europea entro il 2050.

Economia circolare, contesto

2,5 miliardi Ogni anno nell’Unione Europea vengono prodotte tonnellate di rifiuti. L'impatto ambientale dei beni dipende in larga misura, fino all'80%, dalla fase di progettazione. Il modello usa e getta, nei prodotti e negli imballaggi, è del tutto insostenibile. La metà di tutte le emissioni di gas serra – e oltre il 90% dello stress idrico e della perdita di biodiversità – provengono dall’estrazione e dalla lavorazione delle risorse. Se il consumo globale di materiali raddoppiasse nei prossimi 40 anni, si prevede che la quantità di rifiuti generati ogni anno aumenterebbe del 70% entro il 2050.

Economia circolare Innanzitutto, si presuppone una riduzione significativa dell’uso complessivo delle risorse naturali e della produzione di rifiuti (1,2). Ma raggiungere questo obiettivo richiede una profonda trasformazione delle catene del valore in tutta l’economia e l’uso sostenibile delle materie prime primarie. Ridurre le emissioni di anidride carbonica, ridurre l’impronta ambientale della produzione ed eliminare le sostanze tossiche. Passare da uno schema lineare di scarti di produzione e consumo a una circolarità effettiva. Entro il 2050, secondo gli obiettivi annunciati a Bruxelles.

Economia circolare, piano d’azione dell’UE

Commissione europea – Nel piano d'azione dell'11.3.20 sull'economia circolare – si è concentrato sulla prevenzione dei rifiuti e sulla loro gestione ottimale, con focalizzare Specifico in sette aree chiave. Plastica, tessili, rifiuti elettronici, cibo, acqua, imballaggi, batterie, veicoli, edifici e strutture. (3) Senza rinunciare alle ambizioni di crescita, competitività e persino Comando Unione Europea Globale su questi aspetti.

Guida Progettazione ambientalePertanto, l’ambito della progettazione ecocompatibile dovrebbe essere ampliato anche per includere prodotti che non sono legati al consumo energetico. (4) Il Parlamento a sua volta ha approvato iniziative per combattere l’obsolescenza programmata, migliorare la vita e la riparabilità dei prodotti e rafforzare i diritti dei consumatori attraverso il “diritto alla riparazione”. Sottolinea inoltre l'importanza del diritto dei consumatori a informazioni accurate sull'impatto ambientale di prodotti e servizi, piuttosto che… Greenwashing E false affermazioni ambientali.

Piano d'azione per l'economia circolare, risoluzione del Parlamento europeo

10.02.21 Il Parlamento europeo ha approvato il piano d’azione proposto dalla Commissione e ha aggiunto una serie di raccomandazioni volte a completare il percorso verso un’economia circolare entro il 2050. L’Assemblea di Strasburgo chiede regole più severe su consumo e riciclo (5) e invita la Commissione a seguire l'orario già stabilito.

READ  Attenzione: un conto di risparmio può essere costoso per te

È stato confermato Qualsiasi proposta legislativa deve basarsi su una valutazione d’impatto globale e gli Stati membri devono a loro volta integrare l’economia circolare nei loro piani nazionali di ripresa e resilienza. Raccomandazioni di Strasburgo, nei seguenti dieci punti principali.

Obiettivi vincolanti e indicatori armonizzati

1. Obiettivi vincolanti Per il 2030 dovrà essere determinata l’impronta ecologica dei materiali, lungo tutto il loro ciclo di vita e per ciascuna categoria merceologica, e l’impronta ecologica dei consumi.

2. Introduzione agli indicatori Entro il 2021 esistono raccomandazioni armonizzate, comparabili e consolidate sugli impatti materiali e sul consumo, con una serie di sottoindicatori sull’efficienza delle risorse e sui servizi ecosistemici.

Indicatori Dovrebbero misurare il consumo di risorse e il ciclo di vita dei prodotti fabbricati nell’UE, tenendo conto anche delle importazioni, della trasformazione in paesi terzi e delle esportazioni. Deve essere conforme agli standard internazionali ed essere aggiornato regolarmente.

Benefici e sussidi

3. Regole e politiche A favore di nuovi modelli di business sostenibili e circolari che risparmino risorse e riducano l’impatto ambientale. Eliminando le barriere normative e fiscali ingiustificate e affrontando le sfide ambientali legate alla digitalizzazione.

4. Eliminare i sussidi per attività dannose per l’ambiente, anche nel quadro della strategia industriale europea e della strategia per le piccole e medie imprese. L’industria deve svolgere un ruolo attivo nella transizione verso un’economia più circolare.

Informazioni trasparenti

5. Passaporti digitali Dovrebbe essere introdotta per aiutare le imprese, i consumatori e le autorità di vigilanza del mercato a:

– Registrazione degli impatti climatici, ambientali, sociali e di altro tipo sul prodotto lungo tutta la catena del valore,

– Fornire informazioni affidabili, trasparenti e facilmente accessibili sulla durabilità del prodotto e sulle possibilità di manutenzione, riutilizzo, riparazione e smontaggio, nonché su

– Gestire i materiali utilizzati, la composizione (materiali e sostanze chimiche utilizzate), l’impatto ambientale e altri impatti. A questo proposito, il Comitato è invitato a studiare le opzioni disponibili per l'introduzione di un marchio del distributore.

6. Contrasto al Greenwashing e false asserzioni ambientali, anche regolamentando l’uso delle asserzioni ecologiche e definendo metodi di calcolo armonizzati.

Controlli di conformità, appalti pubblici green

7. Maggiori controlli di conformità Dei prodotti importati e distribuiti nell'Unione Europea anche attraversoCommercio elettronico. I controlli formali negli Stati membri devono seguire criteri uniformi che stabiliscano numero e frequenza minimi, coordinati dalla Commissione europea.

8. Attuazione degli appalti pubblici verdi (STERLINA INGLESE, Appalti pubblici verdi), e forse anche su base obbligatoria anziché volontaria, per accelerare la transizione ambientale.

READ  Tassi di interesse più elevati possono costringere le unità abitative ad aumentare le tasse

BlockchainIncentivi e tariffe

9. Promozione della tecnologia digitale COME blockchain Pubblico, per monitorare i flussi di materiali, i processi e le prestazioni ambientali dei prodotti durante tutto il loro ciclo di vita Catena di fornitura.

10. Incentivi finanziari e tariffe. L’adeguamento delle tariffe dei servizi e delle tasse su base ambientale e gli incentivi fiscali per il consumo sostenibile (come l’imposta sul valore aggiunto) devono essere accompagnati da tasse sulle emissioni di gas serra e sulle catene di approvvigionamento insostenibili.

Obsolescenza programmata

Parlamento europeo Richiede inoltre iniziative che migliorino la durabilità e la riparabilità dei prodotti e promuovano i diritti dei consumatori attraverso il libero accesso alle informazioni necessarie per la riparazione e la manutenzione, comprese le informazioni e l'accesso ai pezzi di ricambio e agli aggiornamenti dei prodotti. Programmazione.

Etichetta coordinata Chiaro e di facile comprensione, è indispensabile sviluppare un grado di riparazione uniforme e introdurre contatori di utilizzo per categorie specifiche di prodotti. Il “diritto alla riparazione” dovrebbe includere anche il ciclo di vita prolungato dei prodotti, l’accesso ai pezzi di ricambio e a informazioni complete al riguardo, nonché costi ragionevoli di riciclaggio.

Obsolescenza programmata Il problema dovrebbe essere affrontato anche attraverso misure legislative Dedicatocome ad esempio essere inseriti nell'elenco contenuto nell'Allegato I della Direttiva sulle pratiche commerciali scorrette (Ordinanza n. 2005/29/CE, recepita in Italia dal D.Lgs. n. 206/05, il cosiddetto Codice del Consumo).

Prevenire gli sprechi, riutilizzare e riciclare

protezione I rifiuti sono la massima priorità. La Commissione è pertanto invitata a proporre obiettivi vincolanti per la riduzione dei rifiuti in generale e per flussi e gruppi di prodotti specifici, nonché obiettivi per ridurre la produzione di rifiuti residui, nella revisione della direttiva quadro sui rifiuti e della direttiva sulle discariche prevista per il 2024.

il design Dovresti tenere in considerazione la capacità del materiale di mantenere le sue proprietà nel tempo e la sua riutilizzabilità. E in alternativa al riciclo. Inoltre, gli Stati membri devono attuare efficaci sistemi di restituzione dei depositi e di raccolta differenziata.

Accordi globali, coerenza e tutela dei diritti umani

Unione Europea Ha l’ambizione di guidare l’azione a livello globale, promuovendo gli sforzi per raggiungere un accordo internazionale che mantenga la gestione delle risorse naturali entro i “confini planetari” dell’uso delle risorse naturali. L'esistenza di questo ruolo ComandoTuttavia, è necessaria una chiara politica commerciale strategica per consentire progressi nella transizione verso un’economia circolare Obiettivi di sviluppo sostenibile
(Obiettivi di sviluppo sostenibile).

Accordi Il commercio e gli investimenti devono essere allineati con le politiche di economia circolare. Il Parlamento sottolinea quindi “l'importanza di introdurre l'obbligo che le materie prime primarie e secondarie importate nell'Unione europea rispettino standard di tutela dei diritti umani, della salute umana e dell'ambiente equivalenti a quelli dell'Unione europea, anche attraverso la prossima proposta legislativa della Commissione proposta sulla governance aziendale sostenibile, la dovuta diligenza e la garanzia di pari condizioni nelle catene di approvvigionamento. Missione nell’Unione europea (6)

READ  Raid terroristico collegato alla Danimarca a Malmö | GP

Dario Dongo e Giulia Torre

Commenti

(1) Luca Voltran, Dario Dongo (2018). Economia circolare, pacchetto ABC dell’UE. i regali (Buon negozio di alimentari italiano) https://www.greatitalianfoodtrade.it/imballaggi/economia-circolare-abc-pacchetto-ue e

(2) Dario Dongo, Giulia Torre (2020). Pacchetto Economia Circolare, attuato in Italia a settembre 2020. i regali (Grande negozio di alimentari italiano), https://www.greatitalianfoodtrade.it/progresso/pacchetto-economia-circolare-atturaggio-in-italia-a-settembre-2020.

(3) Avviso del Comitato”Un nuovo piano d’azione per l’economia circolare: per un’Europa più pulita e competitiva(com(2020)0098)

(4) Direttiva 2009/125/CE, Sulla creazione di un quadro per la definizione dei requisiti di progettazione ambientale per i prodotti connessi all'energia

(5) Risoluzione 1.2.20 del Parlamento europeo. '“Aprire la strada a un’economia circolare globale: stato attuale e prospettive” (SWD(2020)0100). https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2021-0040_IT.pdf

(6) Cfr. la decisione di cui alla nota 5, punto 123



Dario Dongo, avvocato e giornalista, dottore di ricerca in Diritto Internazionale Alimentare, fondatore di WIISE (FARE – GIFT – Food Times) e Égalité.



Ha conseguito una laurea in giurisprudenza e un master in diritto alimentare europeo, occupandosi di diritto agroalimentare, veterinario e agrario. Dottorando presso la Facoltà di Sistema Agroalimentare AGRISYSTEM, Università Cattolica del Sacro Cuore, con una tesi sui nuovi alimenti.