TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È così che SEB, Nordea, Handelsbanken e Swedbank lavorano per l'uguaglianza di genere

È così che SEB, Nordea, Handelsbanken e Swedbank lavorano per l’uguaglianza di genere

Nelle quattro grandi banche svedesi, la percentuale di donne a livello di gestione del gruppo varia dal 20 al 36%. Nel sondaggio di D, Handelsbanken, Nordea, SEB e Swedbank rispondono a come stanno lavorando per ottenere una distribuzione di genere più equa.

Maria Hampsteadt, Head of Diversity di SEB

SEB A + 0,14%
L’evoluzione di oggi

Come affronti le questioni dell’uguaglianza di genere?
“Vediamo l’opportunità di lavoro come un’opportunità per prendere decisioni che fanno la differenza. Quando si reclutano per ruoli senior, i finalisti dovrebbero essere rappresentanti di entrambi i sessi e abbiamo un sistema che significa che le interviste sono condotte da persone con esperienze e background diversi”.

Quali sono le tue sfide più grandi?
“Siamo esseri umani. Nella maggior parte delle discussioni, siamo ampiamente d’accordo su ciò che vogliamo ottenere, ma come farlo richiede più discussioni”.

Perché più donne non vengono coinvolte in “posizioni più alte?”
“Tradizionalmente, ci sono stati più uomini che donne nel settore finanziario, soprattutto quando si tratta di posizioni più elevate nell’azienda. Siamo un po ‘come la curva tradizionale. Dobbiamo lavorare con questo sviluppo e romperlo. Le vecchie tradizioni ci influenzano inconsciamente “, dice Maria Hampstead.

Sandra Kerfors è Head of Employment and Diversity presso Handelsbanken

Come affronti le questioni dell’uguaglianza di genere?
“Abbiamo linee guida per l’intero gruppo con obiettivi e temi incentrati sull’uguaglianza di genere e sulla diversità. La chiave è una costante attenzione alle questioni e un buon dialogo tra manager e dipendente. Dobbiamo educare costantemente noi stessi e aumentare la consapevolezza. Hai solo bisogno di di indossare gli occhiali appropriati in modo da poter vedere se lo siamo. “Stiamo agendo inconsapevolmente in modo sproporzionato”.

Quali sono le tue sfide più grandi?
“Il grande rischio è quello di lasciarci essere soddisfatti di ciò che abbiamo ottenuto fino ad ora, poi perdere la concentrazione, e non dovremmo mai farlo su questo tema”.

Perché non ci sono più donne che si iscrivono ai “primi posti”.?
“Non ci sono obiezioni consapevoli a consentire alle donne di ricoprire posizioni dirigenziali di alto livello. È importante lavorare costantemente per ottenere un’offerta attiva di manager a tutti i livelli. Cerchiamo di scoprire quali condizioni si adattano alla vita delle persone e alla loro vita, piuttosto che partire da norme esistenti. “

Mary Heinlohte è una specialista in questioni relative allo sviluppo della gestione e alla diversità presso Swedenbank

Come affronti le questioni dell’uguaglianza di genere?
“Lavoriamo molto per ottenere la parità di retribuzione e per trovare il modo di lavorare per diventare uguali e continuare a farlo. Vogliamo incorporare i principi dell’uguaglianza di genere in ogni processo in modo che attecchiscano nell’azienda. Il divario di genere non può essere risolto artificialmente , deve passare attraverso le persone che prendono decisioni

Quali sono le tue sfide più grandi?
“Il fattore umano è la nostra sfida più grande. Le persone commettono errori e prendono decisioni sulla base di modelli di comportamento e pregiudizi appresi. L’unica cosa che possiamo fare è educare e creare consapevolezza”.

Perché più donne non entrano in “posizioni senior”?
“Ci sono molte donne nel settore, è importante coglierle. Il divario salariale di genere è un problema costante nel mercato finanziario ed è difficile cambiare lì se ci concentriamo solo sull’ottenere più donne al in alto ma non affrontiamo il problema del divario salariale in altre posizioni “.

Åsa Nilsson Billme, responsabile della diversità, Nordea

Come affronti le questioni dell’uguaglianza di genere?
“Come condizione nei processi di reclutamento, entrambi i sessi dovrebbero essere rappresentati nella selezione finale e concentrarsi sull’uguaglianza di genere e sulla diversità quando reclutiamo nuovi laureati. Tre rappresentanti della direzione del gruppo partecipano anche al comitato della diversità. La nostra ambizione è di avere a almeno il 40 per cento del sesso Sottorappresentato a tutti i livelli nell’organizzazione.

Quali sono le tue sfide più grandi?
“Dobbiamo lavorare per attirare una grande varietà che lavori con noi. Regole inconsce e pregiudizi possono anche influenzare il modo in cui utilizziamo gli strumenti di inclusione. Ci sono molte cose che lavorano insieme e dobbiamo tenerlo a mente nel nostro lavoro in corso. “

Perché più donne non vengono coinvolte in “posizioni più alte?”
“Nordea ha le stesse sfide strutturali che possiamo vedere nella comunità, che è qualcosa su cui lavoriamo costantemente. Lavoriamo in modo organizzato per promuovere l’uguaglianza di genere in tutta l’organizzazione attraverso molte iniziative”.


READ  Strategia: rendimento delle azioni europee