TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dipendenza dal gioco: chi protegge i bambini?

Dipendenza dal gioco: chi protegge i bambini?

“Di volta in volta, il giocatore è tentato di tornare, con conseguenze disastrose per chi gli è vicino”.

Foto: Aas, Erlend

I bambini non sono protetti dalle forze del gioco d’azzardo. Lo stato deve fermare l’ipocrisia e agire subito.

Immagina un prodotto così avvincente da:

• Il 70% delle vendite proviene da persone con un utilizzo rischioso.

La dipendenza significa un rischio 15 volte maggiore di suicidio.

• Busta fino a 18 anni.

Quindi immagina che questo prodotto venga commercializzato ai bambini. 24 ore su 24 e ovunque. Legalmente.

Benvenuto in Svezia.

Sì, viviamo in un paese che lo stato ritiene appropriato per fare il lavaggio del cervello a tutti noi con il sogno di una grande vittoria. Nel nostro paese, le società di giochi ricevono aiuto da artisti per bambini. Palestre, fermate degli autobus, strade, televisione, radio e Internet sono piene di annunci di giochi a distanza. Nove dei dodici più grandi campionati pubblici di sport collaborano con società di gioco e l’associazione tra sport e giochi di denaro è diventata qualcosa di veramente normale durante l’infanzia. Ciò continua anche se il Paese è ben consapevole che:

• Circa un milione di persone in Svezia sono affette da dipendenza dal gioco.

• Le grandi vincite sono una causa comune di dipendenza dal gioco e spesso una causa di dipendenza dal gioco.

• 68.000 bambini crescono in una famiglia con un giocatore problematico.

La dipendenza dal gioco significa un aumento di 15 volte del rischio di suicidio.

Il fatturato del mercato dei giochi è stato di circa 27,5 miliardi di SEK nel 2020. La metà di tale importo proviene dal 3% dei giocatori. Assaggia un po ‘. Quindi il tre percento dei giocatori rappresenta la metà del loro fatturato e poi sono incluse altre forme di gioco meno avvincenti. I giochi più pericolosi a cui si riferisce il paragrafo introduttivo sono il poker, i giochi da casinò e le slot machine.

READ  Front Ventures cresce all'Intergiro - vuole la proprietà duplex per l'estate | Realtid.se

È l’autorità dello Stato (Agenzia della sanità pubblica) che ha prodotto e pubblicato i dati di cui sopra. Gli annunci di giochi a distanza, tuttavia, sono in gran parte non regolamentati. Se lo imposti in relazione ad altri prodotti per la dipendenza con un limite di età di 18 anni, non puoi fare a meno di essere sorpreso. Pubblicità per l’alcol? Strettamente regolamentato. Annuncio di tabacco da fiuto? Totalmente proibito. Per coloro che hanno familiarità con i problemi del gioco d’azzardo e hanno visto il rovescio della dipendenza dal gioco, questo è quasi impossibile da capire. La dipendenza dal gioco ha un tasso di mortalità per suicidio più elevato rispetto all’alcolismo e la dipendenza da spray non è stata ancora collegata a una singola morte. Allora perché sono consentiti gli annunci sui giochi a distanza?

È facile concludere che gli interessi finanziari dello stato sono la ragione principale per cui gli annunci di gioco d’azzardo sono quasi non regolamentati. Statliga Svenska Spel fornisce e commercializza i giochi in cui il 70% del suo fatturato proviene da giocatori problematici. È estremamente difficile trovare un’altra spiegazione logica del motivo per cui un paese, che è molto attento a proteggere i propri figli dagli annunci di alcol e tabacco, è disposto a esporre gli stessi bambini ai rischi degli annunci di gioco d’azzardo. I doppi standard sono difficili da perdere.

Nel marzo 2021, il governo ha introdotto un disegno di legge per una rinnovata strategia ANDT, in cui si propone di includere il gioco d’azzardo per soldi. Il disegno di legge afferma che l’aumento del numero di dipendenti dal gioco d’azzardo deve essere preso sul serio. Cita anche l’indagine designata dal governo, tra le altre cose allo scopo di suggerire modifiche al marketing. È un passo nella giusta direzione, ma è troppo poco, troppo lontano e troppo lento.

READ  Morgan Stanley: Europe's Best District 2021 - Fornisce consulenza azionaria

Nel 2018 e nel 2019 sono stati proposti circa dieci suggerimenti per limitare o bloccare gli annunci di giochi a distanza. Le proposte non sono state esaminate dalla commissione cultura fino a febbraio 2020. Il tutto è stato respinto con la motivazione che “non era da aspettarsi il lavoro dell’indagine sul mercato del gioco”. Sono passati quasi tre anni da quando sono state scritte le prime proposte. Quanti anni ci vogliono prima che un nuovo disegno di legge arrivi al parlamento svedese? Quanti genitori finiscono per diventare dipendenti nel frattempo? Quanti bambini, oltre ai 68.000 che l’hanno già fatto, sono costretti a crescere in una famiglia con genitori a carico? Quanti bambini hanno il tempo di lasciarsi tentare dall’idea che le slot machine del casinò siano il modo più veloce per realizzare un “sogno”?

In qualità di consulente senza scopo di lucro della Gambling Addiction Association, le conseguenze degli annunci di giochi a distanza sono un argomento sempre attuale. Gli annunci pubblicitari aggressivi ed estesi di gioco d’azzardo sono spesso citati come la principale causa di ricaduta. Di volta in volta, il giocatore è tentato di tornare, con conseguenze disastrose per chi gli è vicino. Non da ultimo per i bambini, che non capiscono perché mamma e papà si sentano male e preferiscono stare seduti davanti a uno schermo piuttosto che giocare. O perché il viaggio di vacanza è stato annullato di nuovo.

Dal 2018, le persone con dipendenza dal gioco d’azzardo hanno diritto a cure gratuite dal loro comune. Possono anche rivolgersi a una delle associazioni di gioco senza scopo di lucro presenti in tutto il paese. I parenti della dipendenza dal gioco d’azzardo non hanno lo stesso diritto legale. Tuttavia, gli adulti possono chiedere sostegno, ad esempio, ai datori di lavoro, agli amici o alle associazioni sopra menzionate.

READ  L'aumento della migrazione della forza lavoro potrebbe rilanciare la crescita economica della Finlandia

I bambini restano. I bambini sono esposti dallo stesso giorno in cui possono vedere e sentire. I bambini, che sono felicemente inconsapevoli dei pericoli, difficilmente possono immaginare la miseria dietro la bella interfaccia del gioco. Come ci aspettiamo che capiscano? Ovunque, 24 ore su 24, viene fatto il lavaggio del cervello. Fino al giorno in cui compiono 18 anni e un “sogno” può diventare realtà.

Chi protegge i bambini? Non è lo stato. Chi è responsabile della loro protezione? Indovina.

“La dipendenza dal gioco è un’emergenza sociale che deve essere affrontata immediatamente”. Queste parole sono state pronunciate dal vicepremier italiano Luigi Di Maio nell’estate del 2018, in relazione al Paese che vieta le pubblicità di gioco d’azzardo. Il 1 ° gennaio 2019 la decisione è stata implementata.

È tempo che il parlamento svedese mostri la stessa forza lavoro. Non si può affermare di prendere sul serio la dipendenza dal gioco se allo stesso tempo lasciare che le pubblicità sul gioco d’azzardo rovinino la vita di così tanti bambini. Per rallentare l’aumento del numero di dipendenti dal gioco d’azzardo, potresti, come suggerimento, iniziare limitando le nuove assunzioni. Assumiti la responsabilità e blocca gli annunci di giochi a distanza. proprio adesso. Per il bene dei bambini. Tutto il resto è in realtà pura ipocrisia.

Christopher Sterling

ioIl consulente di Dell per i tossicodipendenti e i loro parenti

Questo è un pezzo di opinione e il contenuto è l’opinione dell’autore o dello scrittore.