TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Catherine Marsal: Il Partito Laburista Britannico si è opposto

La grande tendenza nella politica europea è che i grandi partiti che sostenevano lo stato, che prima vincevano più del 40 per cento, ora stanno perdendo metà del consenso dei vecchi elettori.

Invece, sono entrati nuovi partiti.

Ma con più partiti in gioco, molti partiti socialdemocratici hanno imparato che è possibile ottenere il potere nonostante gli scarsi risultati elettorali.

In Norvegia, il partito laburista è ora in carica nonostante il peggior risultato del partito dal 1924. In Germania, l’SPD sembra pronto a formare un governo con circa la metà della percentuale di elettori che sosteneva negli anni ’70. E in Svezia, il futuro primo ministro si chiamerà probabilmente Magdalena Andersson, nonostante il peggior risultato elettorale dei socialdemocratici dal 1908.

Molti partiti socialdemocratici Quindi non ha avuto il tempo di pensare molto alla sua situazione. Più pressante era la questione di come governare il Paese in diverse difficili situazioni parlamentari.

I lavoratori britannici non hanno questo problema.

Dopo più di dieci anni di opposizione, il partito sembra essersi completamente fermato definitivamente all’opposizione

Dopo più di dieci anni di opposizione, il partito sembra essersi fermato definitivamente all’opposizione.

Non sembra che stia interpretando nessuno Il ruolo di quanti scandali hanno colpito Boris Johnson. Che le persone si mettano in fila fino a un’ora per fare rifornimento all’auto. La Gran Bretagna è costituzionalmente lacerata dal cardine della Brexit. Questa valutazione ufficiale ha concluso che le azioni tardive del governo conservatore all’inizio della pandemia dovrebbero essere viste come “uno dei più grandi fallimenti di salute pubblica nella storia britannica”.

Boris Johnson ha consolidato la sua presa politica sul Paese.

READ  Ecco perché Trump intende candidarsi alla rielezione

Non il contrario.

Il primo ministro britannico Boris Johnson.

Foto: Ben Stansall / FAP

È chiaro che il sistema elettorale britannico gioca un ruolo. La possibilità che i laburisti salgano al potere attraverso una soluzione creativa di governo di minoranza non esiste allo stesso modo.

Il Regno Unito ha elezioni a maggioranza in collegi uninominali.

È così difficile per l’adesione di nuovi partiti. Il sistema elettorale britannico avvantaggia i due maggiori partiti. Ciò significa che il partito laburista, da un lato, è troppo grande per crollare completamente. Ma allo stesso tempo oggi, pochissima capacità di arrivare al potere.

La storia della difficile situazione del Labour è quella di non essere in grado di affrontare due forme di nazionalismo: scozzese e inglese.

In ogni elezione nazionale tra il 1964 e il 2010, il partito laburista in Scozia ha vinto. Ma nelle elezioni britanniche del 2015, l’SNP ha fatto un balzo in avanti sul serio. Il loro messaggio di indipendenza scozzese combinato con la politica generale di sinistra ha più o meno eliminato il Partito laburista scozzese. I laburisti sono riusciti a mantenere solo un collegio elettorale scozzese.

Con l’aiuto dell’opposizione dell’Unione Europea, Boris Johnson è stato in grado di far saltare quello che è stato chiamato il “muro rosso del lavoro” nel nord dell’Inghilterra.

Se il partito laburista perdesse la Scozia A causa del nazionalismo scozzese, gran parte dell’Inghilterra fu persa a causa del nazionalismo inglese. La Brexit ha spinto molti elettori della classe operaia bianca a rivolgersi a Boris Johnson. Con l’aiuto dell’opposizione dell’Unione Europea, Boris Johnson è stato in grado di far saltare quello che è stato chiamato il “muro rosso del lavoro” nel nord dell’Inghilterra.

L’intero progetto politico del primo ministro ora ruota attorno al mantenimento di questi elettori. Sotto Bryce Johnson, i conservatori hanno preso una vera svolta a sinistra. Questa primavera, ad esempio, è stato Boris Johnson a voler scioccare l’imposta britannica sulle società e le imprese che vi si sono opposte.

Invece di andare contro I governi di minoranza e varie coalizioni come gran parte dell’Europa stanno spingendo la Gran Bretagna verso qualcosa di simile a tre stati a partito unico. La Scozia è dominata dallo Scottish National Party. Wales by Labour (in Galles, il Labour è stato il partito più numeroso ad ogni elezione negli ultimi 100 anni). In Inghilterra dominano i conservatori.

(L’Irlanda del Nord è una storia separata a causa del conflitto armato. Secondo l’accordo di pace del 1998, i due principali partiti dell’Irlanda del Nord dovrebbero sempre governare insieme.)

Certo, fa parte di esso L’Inghilterra è molto più grande di altri paesi. 56 milioni di persone vivono in Inghilterra rispetto a 5,4 milioni in Scozia e 3,1 milioni in Galles.

I laburisti hanno una carta vincente in Inghilterra: i giovani elettori. L’età media di lavoro è 45 anni, una piccola percentuale rispetto a molti altri partiti socialdemocratici. Ma la domanda è: per quanto tempo i giovani potranno sostenere un partito che non sembra essere arrivato al potere?

C’è un’idea che la politica si trasmette. Dopo diversi anni di governi di destra, devono seguire diversi anni di governi di sinistra. Ma in Gran Bretagna, molti stanno cominciando a chiedersi se sia ancora così. La Gran Bretagna avrà un primo ministro dei socialdemocratici?

D’altra parte può Tutto accade in politica. Succede qualcosa di inaspettato e all’improvviso vince la persona che era stata completamente calcolata in precedenza. Ma nella politica britannica allo stesso tempo, sembra che sia già successo quasi tutto.

Questi anni sono stati tragici politicamente.

Tutto ciò che in qualche modo è successo alla fine sembra aver giovato a Boris Johnson.

Leggi di più: Ecco come appare la socialdemocrazia in Europa