TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Seguono pesanti combattimenti mentre i ribelli cercano di impadronirsi di una provincia ricca di petrolio nello Yemen

La guerra in Yemen è in corso dal 2014 tra i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran e le forze governative sostenute dall’Arabia Saudita. Finora, almeno 233.000 persone hanno perso la vita nel sanguinoso conflitto.

Nelle ultime settimane I ribelli hanno iniziato l’assedio di Abdiya, una provincia ricca di petrolio, importante anche per le forze governative e quartier generale del comando militare.

Secondo i ribelli, 5.650 mercenari nemici furono uccisi, feriti o catturati.

Il governo, da parte sua, afferma che 156 ribelli sono stati uccisi lunedì e altri 134 martedì in attacchi aerei lanciati per fermare l’avanzata dei ribelli Houthi verso la schiavitù, scrive l’agenzia di stampa turca. Anatolia Inserito nella capitale yemenita, Sanaa, mercoledì.

Mercoledì l’Iran ha pregato L’Arabia Saudita sta riaprendo il consolato del Paese per ripristinare i contatti diplomatici tra i due Paesi, che potrebbero essere l’inizio di nuovi negoziati nel tentativo di porre fine alla guerra. scrive Bloomberg.

L’ultima volta che le due parti si sono incontrate è stato il 21 settembre.

La guerra ha colpito duramente la popolazione civile e, secondo le Nazioni Unite, quasi l’80% della popolazione del Paese, circa 30 milioni di persone, ha bisogno di assistenza e protezione umanitaria. Più di 13 milioni di persone sono minacciate di morire di fame.

READ  Pace aerea tra UE e Stati Uniti: un "nuovo capitolo"