TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Carola ha cancellato il suo appartamento – ora Pep le fa causa

“Difficile rendere giustizia a questo”

Carola Holm era elettrizzata dopo aver firmato un pre-accordo per l’appartamento dei suoi sogni.

Ma quando la costruzione è stata gravemente ritardata, non le è stato più permesso di contrarre un prestito e ha dovuto annullare l’accordo.

Ora il gigante dell’edilizia Peab lo ha citato in giudizio per 1,8 milioni.

Aftonbladet incontra Carola Holm in Solna. Fuori piove e la piccola Carola guarda sotto la casa grande e alta che ha oscurato la sua vita negli ultimi anni.

Indica l’appartamento in cui vivrebbe. Quasi in cima alla casa che si affaccia su Friends Square.

– Volevo davvero vivere lì. Mi sedevo lì e ascoltavo concerti e partite di calcio, dice Carola, la cui storia Ne ho già parlato a SvD.

Carola Holm davanti alla casa di Solna.

Tutto è iniziato nel 2015. Carola ha prestato servizio all’estero ma si è trasferita nella sua nativa Svezia nel giro di due anni. Non vedeva l’ora di trasferirsi con il suo ragazzo e stava cercando una casa in cui potessero vivere per molto tempo a venire.

lei vide piselli Un nuovo progetto di costruzione in Arenastaden a Solna e divenne direttamente interessato.

Ha deciso di scioperare e ha firmato un accordo preliminare nel gennaio 2016.

– Ero così felice e ho sentito che “sì”, quando ho terminato il mio servizio all’estero, avevo una nuova casa pronta.

Ma non riusciva a immaginare le enormi conseguenze dell’accordo iniziale.

grandi ritardi

Come da programma, il contratto di locazione (trasferimento della proprietà dell’inquilino da Peab a Carola) avverrà durante l’ultimo trimestre del 2017. Ma nell’autunno del 2016 è arrivata un’e-mail da Peab in cui si affermava che ci sarebbero stati ritardi e che sarebbe avvenuto nel primo trimestre del 2018.

READ  1 milione di recensioni truffa su Tripadvisor... | Tutto sui viaggi

Carola si aspettava un nuovo contratto a causa del ritardo, ma quando è arrivata nell’ultimo trimestre del 2017, non aveva ancora ottenuto un contratto. Poi si rese conto di aver frainteso le informazioni dell’associazione.

– Non c’erano nuovi documenti. Poi ho guardato il file info e ho notato che c’era un contratto di locazione nel primo o secondo trimestre del 2018 e l’arrivo nell’autunno dello stesso anno.

– Ho vissuto nell’utopia dove si fa il contratto d’affitto e poi posso arrivare.

L’accordo non andrà insieme. Con i cambiamenti dei requisiti di ammortamento introdotti Nel 2018, non poteva permettersi un appartamento che sarebbe costato 5 milioni di corone svedesi.

– Così ho scritto loro che non avrebbe funzionato per me finanziariamente e che secondo la legge sulla locazione, volevo rescindere il contratto. Ma sia l’Associazione degli Inquilini che Peab hanno risposto e detto di no, e hanno detto che non erano negligenti e che l’accordo precedente doveva essere rispettato. Poi sono andato un po’ nel panico.

I requisiti di ammortamento sono cambiati nel 2018 e Carola non può più permettersi l’appartamento.

Offerto per pagare i broker

Carola e il suo avvocato hanno preso in considerazione una serie di soluzioni. Si è offerta di pagare la quota di intermediazione in modo che l’associazione potesse vendere l’appartamento, ma ha ricevuto un rifiuto.

L’Associazione dei proprietari degli inquilini ha suggerito a Carola di acquistare l’appartamento sulla base di speculazioni, ma poiché nessuna banca voleva più concedere il prestito di $ 5 milioni, è stata esclusa.

Dopo aver distorto e aperto potenziali vie d’uscita e aver cercato disperatamente di infrangere l’accordo anticipato per mesi, la calma ha prevalso dal febbraio 2018 sia dall’associazione che da Peab.

Carola ha cercato di vivere come al solito e si è dedicata al lavoro, al fidanzato e agli amici. Allo stesso tempo, mentre aumentava la preoccupazione per il fallimento dell’accordo sulla casa, cominciavano a emergere segnali che l’Associazione dei proprietari degli inquilini la trattasse come un membro.

READ  Si è arreso dopo aver perso il Barcellona - ieri sera ha affrontato la crisi

trattato come un membro

Nell’estate del 2018 è arrivata una lettera di Telia in cui si affermava che ora disponeva di una connessione a banda larga all’indirizzo di Solna.

Nell’ottobre dello stesso anno, fece un giro della casa per vedere se il suo appartamento fosse contrassegnato come vuoto. non è stato.

Sei mesi dopo, nella primavera del 2019, Carola ha acquistato una giacca da moto che aveva acquistato da Blockette. Quando è arrivata all’indirizzo dove si trovava la giacca, si è accorta che era venuta nella casa di Solna e che doveva trasferirsi lì.

– Poi vedo nelle cassette della posta c’è scritto “C. Holm” in uno degli appartamenti. Una cassetta della posta con il mio nome sopra? Mi sentivo molto strano.

Pagherà milioni in 30 giorni

Poi è andata velocemente. Nel giugno 2019, Carola ha chiamato l’associazione e ha chiesto cosa stesse succedendo. A luglio l’hanno finalmente portata fuori dall’appartamento. Nel settembre dello stesso anno è stata venduta per circa 3,8 milioni di corone svedesi.

Carola sperava che la storia finisse lì. Ma nel settembre 2020 è apparsa una busta appannata nella cassetta della posta. Comprendeva una richiesta di pagamento di 1,8 milioni di corone svedesi che Peab, che aveva ricevuto la richiesta dall’Associazione dei proprietari degli inquilini, era tenuta a fare entro 30 giorni.

– 30 giorni per pagare 2 milioni, è stato generoso.

Carola ha un tono ottimista e dà l’impressione di essere una persona forte. Ma durante l’intervista ha chiarito che ha “il caffè in gola” e quando parla di senso di colpa, a volte la sua voce è sul punto di esplodere.

READ  Molti hanno una sensazione istintiva durante il reclutamento

– E’ una tortura. Il cibo mi girava nello stomaco. Sono diventato aggressivo, arrabbiato. A volte mi strappavo la testa perché non capivo meglio.

Pep ora fa causa a Carola per 1,8 milioni di corone svedesi.

Il debito si riferisce alla differenza di 1,2 milioni di corone svedesi, canoni mensili e interessi di mora. Quando è arrivata la richiesta di rimborso, Carola ha risposto che era errata.

Nel gennaio 2021 ci fu una causa per danni.

– Ora la mia controparte è diventata improvvisamente Pip, che ha detto che avevo reso un disservizio alla Società non comprando l’appartamento.

Quando Aftonbladet arriva a Peab, non vogliono rispondere al telefono alle domande sulle condizioni di Carola, ma lasciano invece un commento via e-mail:

– Abbiamo già segnalato nell’ottobre 2016 del ritardo e in relazione a questo, nessuno degli acquirenti condominiali ha scelto di ritirarsi. Abbiamo cercato di concordare una risoluzione in questo caso, ma non abbiamo avuto successo, quindi riteniamo che la cosa migliore sia che un tribunale imparziale decida, scrive il direttore della stampa Kirsten Danasten.

La prova attende

A metà novembre, c’è un processo nel tribunale distrettuale di Stoccolma. Se Carola perde, dovrà pagare 1,8 milioni oltre alle spese legali. Non potrai permetterti l’appello.

Dovrei sdraiarmi sulla schiena e arrendermi? Non ho le risorse finanziarie. Hai approfittato.

La sua vita è sospesa. L’appartamento doveva essere la prima casa condivisa di Carola e il suo ragazzo, e invece, il processo con Peab significa che ora è impossibile per la coppia andare a vivere insieme.

Carola teme il processo ma allo stesso tempo attende un risultato a prescindere dall’esito.

– Senti come i soldi stanno andando via. Mi sento radicato come essere umano. È difficile trovare giustizia in questo.

Inserito: