TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Barbados respinge la regina davanti al principe ereditario

Barbados sarà ora la repubblica più piccola del mondo, ponendo fine alla monarchia britannica. Il principe ereditario Carlo sarà presente alla cerimonia.

regina britannica Elisabetta Non sarebbe quindi il capo della nazione insulare caraibica, che ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1966.

Da ragazza, quando ho sentito parlare della regina, ero euforico. Ma quando sono cresciuto, ho iniziato a chiedermi cosa significasse veramente questa regina per me e il mio paese. Dice che non aveva senso Sharon Bellamy ThompsonChi lavora come pescivendolo nella capitale, Bridgetown, ha detto all’AFP.

Il cinquantacinquesimo giorno dopo l’indipendenza, arrivò l’attuale rappresentante della regina nel paese, il governatore generale Sandra Mason, per prestare giuramento come primo presidente del paese.

– Bellamy Thompson dice che sarebbe fantastico avere un capo.

La decisione di Barbados era stata annunciata un anno prima, in particolare da Mason.

È tempo di lasciarci completamente alle spalle la nostra eredità coloniale, ha detto.

A quel tempo sembrava sul punto di diventare disoccupata, ma nell’ottobre di quest’anno il Parlamento l’ha nominata all’unanimità prima presidente donna del paese.

primo ministro Mia Motley Ha a lungo sostenuto di lasciare il paese per la monarchia. Il suo partito laburista ha vinto tutti e 30 i seggi alla Camera dei rappresentanti con una vittoria schiacciante nelle elezioni del 2018, quando è diventata la prima donna primo ministro del paese.

cattivo tempismo?

L’opposizione è positiva anche sulla repubblica, anche se il tempismo – poiché il paese dipendente dal turismo è alle prese con un’elevata disoccupazione e un’epidemia – è considerato migliore dai critici.

READ  La Russia potrebbe provare a prendere il sopravvento

– Adeguata distrazione, prescritta Jay HewittL’ex Alto Commissario delle Barbados nel Regno Unito e rappresentanti dell’opposizione, al lavoro quest’estate.

Tuttavia, credeva che fosse giunto il momento di porre fine alla monarchia britannica.

Diventare una repubblica significa crescere. Dice alla CNN che faccio qualcosa come quando un bambino cresce e prende la sua casa, accende il proprio mutuo e restituisce le chiavi dei genitori quando dice che è ora di andare avanti.

Barbados è la più antica colonia britannica ed è stata governata da Londra tra il 1627 e il 1966. Il rapporto tra i due paesi è “delicato e complesso”. Alcuni credono che il colonialismo e la schiavitù britannici siano alla base della disuguaglianza che esiste oggi nelle Barbados.

– Il colonialismo è alla base del fatto che la maggioranza della popolazione è qui. Allo stesso tempo, la Corona britannica ha investito molto nella schiavitù, ha detto a Foreign Policy Kevin Farmer, vicedirettore del Barbados Museum and Historical Society.

Principe a posto

Tuttavia, non si tratta di recidere i legami con la Gran Bretagna. Barbados fa ancora parte del Commonwealth britannico e del principe ereditario Carlo Ospite d’onore alla festa di transizione.

“Era importante per me essere qui con voi per riaffermare le cose che non cambiano. Ad esempio, la stretta e affidabile partnership tra Barbados e il Regno Unito come parti vitali del Commonwealth”, dovrebbe dire in un estratto dal discorso.

La decisione Barbados significa che la regina Elisabetta è ora capo di stato in 15 paesi. Resta da vedere se più sarà ispirato a tagliare le strisce. In Giamaica, queste voci sono aumentate.

READ  L'ex procuratore generale ha affermato di ritenere che il presidente Donald Trump abbia perso il contatto con la realtà

È improbabile che Canada, Australia o Nuova Zelanda siano interessati dalle decisioni costituzionali delle Barbados. Ma dice che potrebbe esserci qualche influenza nei Caraibi Aaron Kamujisha, professore all’Università delle Indie Occidentali a Cave Hill i Bridgetown, fino a Foreign Policy.

Le Barbados caraibiche hanno una popolazione inferiore a 300.000 abitanti. Poco più di un terzo di loro vive nella capitale, Bridgetown, che ha un porto profondo con una vivace navigazione.

Il turismo è la più importante fonte di reddito – la temperatura varia tra i 22 ei 30 gradi – seguito dalla produzione di zucchero.

Quando gli europei arrivarono alle Barbados nel XVI secolo, l’isola era abitata da un popolo portato dagli spagnoli come schiavo ad Haiti. Nel 1620 arrivarono i coloni inglesi, che piantarono piantagioni di canna da zucchero e portarono schiavi dall’Africa.

Barbados ha ottenuto l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1966 e ha annunciato nel 2020 che quest’anno avrebbe lasciato la monarchia e si sarebbe trasformata in una repubblica.

Fonte: NE