TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Altri paesi pensavano che le cheerleader fossero troppo svedesi”

La maglia da gara di Maradona oggi può superare milioni di persone, ma molte cose che il calcio ha prodotto nel corso della storia sono state consumate o dimenticate lungo la strada.

Il ricercatore calcistico Torbjörn Andersson e il fotografo Edvard Koinberg hanno raccolto poster, programmi di partite, figurine, loghi, volantini, cartoline, giochi da tavolo, lattine di birra e singoli in vinile per parlare di una cultura calcistica che è diventata sempre più forte.

Se si parla di cultura in termini di stile di vita, è abbastanza chiaro che ormai è una forma di cultura per moltissimi. Entra così in profondità in chi sei, puoi quasi indurire tutto il tuo tempo intorno a questo. Questo non è mai successo prima, dice Torbjorn Anderson.

DN ha fatto alcune incursioni nella storia degli esseri del calcio.

L’allenatore stellare Lajos Chisler, reclutato nel Milan dall’IFK Norrköping, ha ricevuto le scarpe da calcio a lui intitolate: “Lajos Special”. Una copia è conservata nel Museo Svedese della Calzatura.

Foto: Goran Ekberg

Speciali Lagos

– Torbjörn Andersson dice che la situazione è caotica in Svezia, perché penso che sia l’unico paese al mondo che non ha mai introdotto ufficialmente il calcio professionistico.

Il divieto del calcio professionistico è stato a lungo una caratteristica del calcio svedese. Prima della Coppa del Mondo del 1958, i professionisti potevano finalmente entrare in nazionale e nel 1967 le regole dei dilettanti furono abolite, ma fu solo intorno al 2000 che i soldi divennero così grandi che i giocatori maschi non avevano più bisogno di altri lavori.

Ma nonostante altri ideali Quindi gli oggetti del calcio mostrano come il calcio sia emerso come parte della società moderna.

Il calcio è in tutte queste cose che derivano dal consumo di massa della società industriale: involucri di caramelle, immagini da collezione, cartoline, segnalibri e giocattoli. Questo è stato realizzato alla fine del 19° secolo e allo stesso tempo arriva il calcio. Puoi vedere che il calcio diventa immediatamente molto grande e ha un potenziale di vendita. Altri sport non ce l’hanno affatto.

Nonostante il divieto di spedizione, i giocatori possono apparire nelle pubblicità dei prodotti. Ma non è chiaro se siano stati sostituiti o se abbiano semplicemente preso il loro nome.

– C’erano molte scarpe realizzate da diverse fabbriche negli anni ’30, ’40 e ’50. Ci sono tutti i tipi di scarpe Malmö FF e Öis. Poi tutta quella produzione è andata oltreoceano, dice Torbjorn Anderson.

1958 esiste per esempio Scarpe con borchie in pelle del calzaturificio Ström di Kumla, il “Lajos Special”, dal nome dell’allenatore ungherese dell’IFK Norrköping Lajos Czeizler.

Si vede ancora la commercializzazione del calcio molto presto. Ma c’è anche questo che i giocatori svedesi non possono nemmeno annunciare. Su un volantino (del 1934), un giocatore inglese pubblicizza Läkerol come esempio. C’è un anti-commercialismo che esiste ancora in una certa misura oggi, perché abbiamo una regola del 51 per cento. La Svezia è uno dei paesi più liberali, ma nel calcio siamo ancora economicamente popolari.

foto 1 da 2
Degerfors IF ha una lunga tradizione di forte sostegno popolare. Per qualche ragione, i vulcani sono diventati un simbolo dell’associazione. Questo nel metallo ha spruzzato fumo quando i Degerfors hanno segnato.

Foto: Edvard Koinberg

foto 2 da 2
Le associazioni hanno lanciato applausi con applausi al pubblico e hanno assunto leader del tallone per continuare gli applausi. Questo è un articolo di Jönköpings Södra per una partita contro il Kalmar FF nel 1953. “Södra mostra gli artigli di un leone / Ora al popolo di Kalmar”.

Foto: Edvard Koinberg


vulcano in lamiera

Il canto organizzato è unico in Svezia, ma allo stesso tempo è preso da altri paesi. Venne per la prima volta con gli spettatori nordamericani alle Olimpiadi del 1912, che esultavano secondo la tradizione nei loro sport scolastici. È stato scelto da diverse squadre di calcio svedesi, che hanno iniziato a distribuire volantini di canti ai loro fan.

In altri paesi, era visto come troppo svedese con le cheerleader legate alle partite di calcio, dice Torbjorn Andersson.

Ma negli anni Sessanta è iniziato La cultura del supporto come la conosciamo oggi sta emergendo. Le persone hanno iniziato a indossare i colori della loro squadra e venivano prodotti sempre più articoli di supporto.

Nel Museo del calcio di Degerfors c’è un piccolo vulcano di lamiera conservata, che iniziò ad essere usato come espediente a Stora Vala. Spruzza del fumo su ogni bersaglio. C’è anche un altoparlante dipinto di rosso, che è stato utilizzato dal tallone dell’Armata Rossa dieci anni dopo.

La vera trasformazione iniziò nel 1970, quando i principali sostenitori dell’Hammarby iniziarono a cantare al Söderstadion, ispirandosi al calcio inglese che può essere visto su Tipsextra in TV. Negli anni ’90 gli stand sono stati influenzati dalla cultura tifo italiana.

Si può dire che la cultura del sostegno della Svezia consista in cento anni di canti organizzati. Un po’ di quella vecchia cosa è ancora lì, ‘L’altro lato sei pronto’, e così via. È un misto di espressioni.

foto 1 da 2
La bandiera che è stata celebrata quando la Germania ha incontrato la Svezia a Råsunda nel 1941 è conservata nel Museo dello sport svedese.

Foto: Edvard Koinberg

foto 2 da 2
Il primo ministro Per Albin Hansson era presente al banchetto al Grand Hotel quando la Germania nazista venne a Stoccolma per incontrare la Svezia nel 1941. Il menu includeva pane di manzo e anatra brasata. Dagli archivi della Federcalcio svedese, The National Archives.

Foto: Edvard Koinberg


Bandiera nazista di Råsunda

L’unica bandiera conservata dal periodo tra il 1937 e il 2012, quando Råsunda era la piazza nazionale svedese, è la bandiera con la svastica della Germania nazista.

Il dibattito di oggi riguarda se sia giusto partecipare ai Mondiali di quest’anno in Qatar. Storicamente, la Svezia ha scelto raramente la provincia. Le partite contro la Germania si giocarono nel mezzo della guerra, nel 1941 a Stoccolma e l’anno successivo a Berlino.

Matematicamente parlando, gli incontri ne davano uno Ossessionato dai grandi successi che la nazionale svedese avrebbe ottenuto nel dopoguerra. Grazie anche ai tanti allenatori dell’Europa centrale, molti probabili ebrei, che, come Laius Chisler, hanno lavorato in Svezia dagli anni ’20. Hanno insegnato l’allenamento scientifico, lo stile tecnico e orientato al passaggio che è arrivato a caratterizzare il periodo d’oro del calcio svedese.

– La cosa divertente è che la Svezia ha vinto queste due partite anche -42 a Berlino, e l’euforia era totale sulla stampa. Perché quando la Svezia è diventata davvero brava nel calcio, è stato allora che sono state gettate le basi per l’oro olimpico nel 1948 e l’argento ai Mondiali nel 1958. Quindi ho notato come lo sport abbia la sua logica rispetto alla politica e all’etica, dice Torbjorn Andersson.

È un po’ sorpreso Che il Museo Nazionale dello Sport non abbia scelto di salvare altre bandiere, ad esempio di paesi che non esistono più, come l’Unione Sovietica e la Cecoslovacchia.

La Svezia ha sempre avuto il principio di giocare contro tutti. Abbiamo giocato contro la Germania nazista, abbiamo giocato presto contro l’Unione Sovietica comunista. È abbastanza in linea con il modello svedese che schieriamo in Qatar se vogliamo andarci.

foto 1 da 2
Fino agli anni ’60 eri travestito quando andavi a calcio. Questo cappuccio è degli anni ’30 marchiato AIK, ma solo all’interno.

Foto: Edvard Koinberg

foto 2 da 2
I poster erano importanti per abbinare il marketing quando Allsvenskan iniziò negli anni ’20 e ’30. Questo del 1937 attirerà a Råsunda, che ha appena aperto.

Foto: Edvard Koinberg


AIK .cappucci

L’età d’oro del calcio di club è stata negli anni Cinquanta del secolo scorso, sia nel mondo che in Svezia. Il numero di spettatori era sbalorditivo, ma non tutti andavano alla partita per tifare per una squadra in particolare, ma spesso si trattava di un interesse generale per lo sport.

– In precedenza, potevi andare a vedere Gais, Öis e IFK Gothenburg. Non ne hai idea adesso, dice Torbjorn Anderson.

Ma era comune agli umani È possibile acquistare un piccolo stendardo del club per mostrare la squadra che tifa.

Negli anni ’30, l’AIK ha avuto un enorme boom di spettatori, con una media compresa tra 15.000 e 17.000 spettatori. Era possibile acquistare un cappello AIK in stile britannico, poiché lo stemma del club era all’interno.

Quindi lo mantieni discreto, come un piccolo segreto. Questa è una grande differenza rispetto a oggi.

Molti di coloro che sono andati alle partite dell’AIK non hanno tifato per l’AIK, ma si sono trasferiti fuori dal paese e si sono attaccati ai loro avversari. Nella stampa, il termine AIK-odio amici è stato usato più spesso.

– È molto eccitante oggi a Stoccolma, che è molto fiducioso. Non era così prima, ma era una città un po’ incerta.

Quando i villaggi iniziarono a martellare Cantare sugli spalti Nel 1970, il numero di spettatori è diminuito sia in Svezia che nel mondo. Ma l’identità è stata espressa in modo più forte.

I club hanno risposto creando altre band per il pubblico. In un certo senso, potrebbero aver iniziato a proteggere gli spettatori presenti e hanno iniziato a vedere l’inizio dell’identità del tifoso che è esplosa in Svezia intorno al 2000.

LEGGI DI PIÙ: Birra media e ritmi ribelli: ecco come è iniziata una canzone da passerella in Svezia 50 anni fa

READ  Patrick Sjöberg mostra le foto di quel periodo in ospedale