TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hermann Lev sta seguendo le orme di padre Stefan – di nuovo in nazionale

Una nuova vita si sta facendo strada nell’élite dell’hockey.

Hermann Leif, 16 anni, che è stato nuovamente selezionato per la nazionale a 17 squadre.

– Devo aver ricevuto buoni geni da mio padre, dice.

Stefan Lev gioca da molti anni nell’hockey svedese. Ha vinto tre ori SM, un oro WC e un oro olimpico. Ha affascinato la famiglia Hockey con un comportamento modesto e piacevole ed era amico di tutto e di tutti.

Purtroppo, Stefan è deceduto nel 2011 dopo che il Lokomotiv Yaroslavl si è schiantato con il suo aereo mentre si recava a una partita in trasferta.

Sono passati quasi 12 anni dall’incidente e il ricordo di Stefan è ancora vivo. Sempre.

Le somiglianze con padre Stefan sono sorprendenti

Non è stato ricordato dai suoi due figli, Harry e Hermann, con quest’ultimo che ha scelto di seguire le orme di suo padre e diventare un portiere di hockey.

Hermann compie 16 e 17 anni questo autunno e attualmente gioca per Örebro. Le somiglianze con padre Stefan sono sorprendenti: stessa espressione facciale, linguaggio del corpo, spionaggio e aspetto.

Hanno la stessa gestualità, appoggiano allo stesso modo il bastone del portiere. Entrambi sono umili, hanno un incredibile istinto competitivo e, come suo padre, Hermann è bravissimo a fermare i dischi.

L’hockey è entrato naturalmente nella mia vita. Quando giocavo nelle scuole di hockey, finivo sempre in fondo alla porta. Poi ovviamente dipende da mio padre. Voglio vincere e se sono in porta e non faccio entrare i dischi, vince la mia squadra. Mi piace essere un fattore che contribuisce, dice Hermann Lev.

Hermann Leif rende omaggio a suo padre sulla maschera della sentinella

Incontriamo Hermann prima della settima e decisiva partita di Örebro contro il Temera nei quarti di finale delle qualificazioni SM ed è un po’ preoccupato per il risultato. Ovviamente ha sede a Orebro e vuole che la squadra progredisca.

Anche il Team Hermann J18 è ai playoff e oggi gioca il suo primo quarto di finale contro l’HV71, l’ex squadra di Hermann, nei playoff SM.

– Mi piacciono un po’ entrambe le squadre. Ero preoccupato quando l’HV è stato così cattivo per un po’ sul tavolo, ma alla fine ha funzionato. Ora voglio vincere l’oro SM con J18 per Orebro e poi HV71 è una partita in arrivo”, dice dell’incontro speciale di giovedì.

Porta con sé il ricordo di suo padre attraverso la schiena e il numero sulla maglia è ovviamente il numero 1. Ha poi la foto di suo padre sul casco del nuovo portiere.

L’hockey è venuto naturalmente da mio padre. Lo sport mi ha aperto. Ma poi non credo di aver ricevuto alcun aiuto da “Figlio Stefan”. Ho buoni geni e attenzione. Hermann dice che sono soprattutto gli anziani a ricordare mio padre.

Ad ogni modo, sono soprattutto quelli che dicono qualcosa su mio padre in questi giorni e lui vuole parlare di hockey con me. Anche l’amico di mio padre, Victor Wallin, è diventato mio amico e parliamo molto e quando si tratta di questioni di hockey ascolto Örebro e il mio agente Joachim Persson, dice Herrmann.

L’allenatore della nazionale Hermann Lev ha elogiato

L’unica differenza tra padre e figlio Lev è che padre Stefan non aveva il talento di Hermann da adolescente. Hermann ha giocato nella squadra nazionale di 16 squadre ed è un residente di 17. È stato nuovamente selezionato per la squadra nazionale questa settimana per un altro torneo.

READ  La Federcalcio svedese sospende la pubblicità per lo sponsor criticato

L’allenatore dei portieri della nazionale Peter Iversen rende omaggio a Herrmann:

– È stato un piacere guardare Hermann e ammiro l’alto livello che ha mostrato per tutta la stagione. Ha una calma e una forza mentale che non vedo spesso e che penso lo porteranno lontano nella sua carriera. Non ha l’area di copertura più ampia per la sua taglia, ma compensa con un ottimo senso del gioco e una tecnica di movimento, il che significa che è spesso nella posizione giusta. Ricorda molto suo padre, sia dentro che fuori dal ghiaccio.

Hermann Lev rende omaggio a suo padre, Stefan Lev, sulla sua nuova maschera da portiere
Hermann Lev rende omaggio a suo padre, Stefan Lev, sulla sua nuova maschera da portiere

In questa stagione, Hermann ha aumentato il suo investimento nell’hockey su ghiaccio mentre mangia e dorme nell’hockey su ghiaccio. tutto il tempo. Ha anche un atteggiamento del tutto corretto nei confronti dell’hockey d’élite e lo adora tanto quanto papà Stefan.

– Sono in sala tutti i giorni dalle 15 alle 20. Ci sono molte buone opportunità qui con il cibo, l’attività fisica e il gelato. Siamo un gruppo che è qui e mi sto godendo il gruppo. Abbiamo un buon aiuto dagli allenatori dei portieri Christopher Ericsson e Alphonse Falqvist e mi hanno trasformato in un portiere. Potrei essere diventato meno attivo, alcuni dicono che lo fosse mio padre, e ora ho una struttura migliore. Gareggerò, ovviamente, ma con più controllo, ora descrive la sua vita quotidiana e il suo sviluppo nell’hockey.

Una carriera nell’hockey è un lungo viaggio che può richiedere molti colpi di scena. Sono pochi quelli che riescono a guadagnarsi da vivere con l’hockey, e ancora meno quelli che finiscono in nazionale o in NHL.

READ  Restrizioni estive, sole e luce - parla con Aftonbladet

Hermann ha catturato pienamente quell’immagine e la realtà. Nessuna pressione o pressione dall’esterno, oa causa del titolo, dovrebbe infastidirlo.

Vive nel momento e non fluttua nei suoi pensieri.

– La penso così: mi allenerò e giocherò bene, ogni singolo giorno. Poi finisco al livello in cui posso finire. Posso solo fare del mio meglio. Ma ovviamente la NHL è un obiettivo, ma non è qualcosa a cui penso spesso.

Hermann Lev con la divisa della nazionale.
Hermann Lev con la divisa della nazionale.