TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

AIK crea un piano d'azione per i tifosi che si comportano male

AIK crea un piano d’azione per i tifosi che si comportano male

E’ stato l’evento negativo dell’andata contro il Malmö a rendere di grande attualità la questione del comportamento dei tifosi.

Secondo i dipendenti dell’AIK, è stato il loro sostenitore a salutare i nazisti e ad applaudire i giocatori.

Robert Falk afferma che l’AIK prende le distanze da tutti i tipi di razzismo, non appartiene all’AIK, non appartiene al calcio svedese oa qualsiasi parte della società.

Il professionista viene segnalato alla polizia e fermato dall’organizzatore, il che significa che non gli è permesso partecipare agli eventi AIK per 18 mesi.

In un’ulteriore riunione del consiglio L’AIK ha sviluppato una nuova politica per i disordini nei suoi eventi e sta ora istituendo un comitato di sicurezza per affrontare i problemi.

Siamo una federazione calcistica completa e, se mostri chiari miglioramenti, affrontiamo nuovamente il problema. Allora puoi tornare presto, dice Robert Falk.

Max Bergänder è colui che proverà a convincere i tifosi squalificati a migliorarlo.

Esattamente quello che faremo, non voglio commentare al momento ma avremo un piano per questa persona e spiegheremo cos’è il calcio AIK. L’idea è che tutti dovrebbero avere l’opportunità di avere una nuova visione delle cose. Vogliamo provare a fare la differenza nella vita delle persone, afferma Bergander.

Alcuni modelli esatti di L’aspetto che potrebbe avere un business plan non esiste.

– Tutti gli eventi sono diversi e devono essere attaccati in modi diversi. Nella prima fase, dice Bergänder, sarà una conversazione, e poi magari creare un piano d’azione che permetterà a quella persona in particolare di assumere ciò che il calcio è per noi.

La domanda è come i sostenitori riceveranno la proposta AIK per i colloqui e il piano d’azione.

READ  Rabbia in fondo dopo essere rimasti impuniti: "E' una grande punizione".

Alcuni troveranno più facile assorbire le cose rispetto ad altri. Se riusciamo a far cambiare le persone, nel tempo abbiamo fatto un’enorme quantità di lavoro non solo per la persona unica, ma anche per l’AIK, afferma Bergander.